L'UE vieta molte materie plastiche monouso, ma funzionerà?

0
5

L'Unione europea ha finalmente attuato un bando tanto atteso su alcuni dei più comuni articoli di plastica monouso che sporcano spiagge e corsi d'acqua il 3 luglio. A partire da sabato, articoli tra cui bastoncini di cotone, posate, piatti, cannucce, agitatori, bastoncini per palloncini , e contenitori per bevande e alimenti in polistirolo non dovrebbero più essere in vendita all'interno dei confini dell'UE e altri articoli, come le bottiglie di plastica per bevande, dovranno contenere una percentuale significativamente maggiore di contenuto riciclato.

In modo incoraggiante, la legge impone anche schemi di responsabilità del produttore più ampi, con l'obiettivo di far pagare ai produttori la pulizia di articoli come filtri per sigarette e attrezzi da pesca. E stabilisce anche l'obiettivo del 90% di raccolta differenziata per le bottiglie di plastica (77% entro il 2025), nonché l'obbligo di attaccare i tappi alle bottiglie per evitare che diventino la propria fonte di rifiuti.

Molti gruppi ambientalisti si sono affrettati a celebrare una vittoria tanto necessaria:

In effetti, date le profonde connessioni tra la plastica monouso e il fracking per il gas naturale, è importante ricordare che sforzi come questi non riguardano semplicemente la riduzione dei rifiuti marini o il salvataggio delle tartarughe marine, ma anche queste misure sono importanti. Sono anche, tuttavia, un passo avanti verso un allontanamento dai combustibili fossili e verso un futuro a basse emissioni di carbonio.

Secondo l'UE, il nuovo divieto dovrebbe aiutare direttamente a evitare emissioni pari a 3,4 milioni di tonnellate di anidride carbonica equivalente, ma potrebbe essere solo la punta dell'iceberg. Se il divieto può contribuire a ridurre significativamente l'uso della plastica in tutto il mondo, minerebbe una strategia chiave che le aziende di combustibili fossili stanno utilizzando per garantire il loro traballante modello di business.

Detto questo, il divieto non è affatto perfetto. Secondo Reuters, si teme che l'attuazione del divieto, compreso il suo recepimento nella legislazione nazionale per ciascuno Stato membro, vari ampiamente all'interno del blocco. In effetti, solo otto Stati membri hanno riferito all'UE in modo completo su come lo attueranno. Nel frattempo, anche i produttori di materie plastiche e i gruppi industriali, forse non sorprende, stanno sollevando preoccupazioni.

Tuttavia, sembra un notevole segno dei tempi. Non molto tempo fa, abbiamo considerato una novità quando una piccola catena lungimirante di caffetterie nella mia città natale ha vietato le tazze da caffè monouso. Ora stiamo assistendo a tentativi su scala sociale per cercare almeno di frenare la tendenza più ampia della cultura usa e getta.

Ora abbiamo solo bisogno che queste leggi siano implementate e ampliate in modo coerente e che altre giurisdizioni seguano l'esempio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui