Mangiare insetti può fare bene al pianeta: gli europei dovrebbero mangiarne di più

44

Gli insetti sono una fonte di cibo nutriente che può essere prodotta in modo più sostenibile rispetto al bestiame convenzionale. Mentre mangiare insetti è comune in molte regioni del mondo, nelle culture occidentali è più probabile che incontri disgusto.

Il consumo di insetti è lentamente aumentato man mano che i benefici vengono ampiamente discussi. Sono state identificate più di 2.000 specie commestibili. Ma incorporare gli insetti nelle nostre diete ridurrebbe davvero l’impronta ambientale della produzione alimentare, e questo può essere raggiunto?

Gli insetti sono ricchi di grassi, proteine ​​e sostanze nutritive. Questo varia a seconda della specie e della fase del ciclo di vita, tuttavia il contenuto proteico degli insetti è spesso del 40%-60%. Gli insetti forniscono anche tutti gli aminoacidi essenziali necessari per l’alimentazione umana.

I grilli adulti contengono il 65% di proteine ​​in peso, che è superiore sia al manzo (23%) che al tofu (8%). Gli insetti sono anche ricchi di minerali come rame, ferro e magnesio. Non sorprende quindi che gli insetti siano oggi consumati dagli esseri umani in molte regioni del mondo.

Insetti commestibili venduti in un mercato in Thailandia. Tanawat Chantradilokrat/Shutterstock

Gli insetti sono molto più efficienti nel convertire i loro mangimi in energia rispetto al bestiame convenzionale. I grilli adulti e le larve di vermi della farina hanno bisogno di 5-10 volte meno mangime rispetto ai bovini per produrre lo stesso aumento di peso. Gli insetti sono anche a sangue freddo, quindi non utilizzare il loro metabolismo per riscaldarsi o raffreddarsi, riducendo ulteriormente l’energia e il consumo di cibo.

Una percentuale maggiore dell’animale può anche essere mangiata rispetto al bestiame convenzionale. In media si consuma solo il 45% del bestiame e il 55% di un pollo. Per gli insetti si può mangiare l’intera larva e l’80% di un grillo adulto. Gli insetti si riproducono anche più rapidamente dei vertebrati, con molte generazioni possibili in un anno.

La coltivazione degli insetti richiede una frazione della terra, dell’energia e dell’acqua richieste dall’allevamento convenzionale. outwalk/Shutterstock

Per fornire lo stesso valore nutritivo, la coltivazione degli insetti utilizza quindi una frazione della terra, dell’energia e dell’acqua utilizzate per l’allevamento convenzionale.

Per produrre un chilogrammo di proteine, le larve di verme della farina emettono 14 kg di CO₂eq, molto meno dei 500 kg di CO₂eq emessi in media nella produzione di carne bovina. Per produrre la stessa quantità di proteine, la coltivazione delle larve di vermi della farina utilizza 70 volte meno terreno agricolo rispetto alla carne bovina.

Gli alimenti a base vegetale non dovrebbero essere ignorati

Tutta la produzione alimentare ha costi ambientali. Tuttavia, vi è una variazione sostanziale all’interno di questo. La carne bovina, ad esempio, produce 100 volte più emissioni di gas serra rispetto alla produzione di piselli.

La coltivazione degli insetti rientra tipicamente tra questi estremi. Sebbene possa essere meno dannoso per l’ambiente rispetto alla produzione di carne, ha un’impronta più elevata rispetto alla maggior parte degli alimenti a base vegetale. Per chilogrammo di proteine, la produzione di piselli emette solo 4 kg di CO₂eq, mentre il tofu richiede circa la metà della terra agricola necessaria per la coltivazione degli insetti.

L’impronta ambientale degli alimenti a base vegetale è spesso inferiore a quella della coltivazione di insetti commestibili. Max Maier/Shutterstock

Il fatto che gli insetti siano un alimento rispettoso del clima (o più rispettoso) dipenderà da ciò che la proteina dell’insetto sostituisce. Se si utilizzano alimenti a base di insetti per sostituire la carne convenzionale, ciò potrebbe fornire importanti vantaggi. Tuttavia, si potrebbero ottenere grandi guadagni anche se si adottassero alternative a base vegetale.

I cambiamenti nella dieta possono alterare radicalmente l’impronta ambientale dei consumatori. La dieta media negli Stati Uniti utilizza più di 10 volte più terra per persona rispetto alla dieta indiana media, principalmente a causa dei tipi di cibo consumati.

Utilizzo di insetti in un sistema alimentare circolare

Ogni anno si sprecano 1,3 miliardi di tonnellate di cibo prodotto per il consumo umano. Un’altra area in cui gli insetti potrebbero rivelarsi preziosi è nella produzione di cibo o mangimi per animali da sottoprodotti alimentari o rifiuti alimentari. Le mosche nere allevate su sottoprodotti come i gusci di mandorle possono essere convertite in mangime per il bestiame o frutti di mare d’allevamento.

Tuttavia, l’alimentazione degli insetti con sottoprodotti organici richiede un’attenta gestione per evitare rischi di contaminazione chimica e microbica. Diverse specie di insetti sono in grado di digerire determinati contaminanti, ma esiste il potenziale per un bioaccumulo dannoso. Il letame e i rifiuti di ristorazione sono quindi vietati come mangime per gli insetti d’allevamento in Europa.

Gli europei mangeranno più insetti?

Il mercato degli insetti commestibili in Europa e in America è in crescita. Nonostante solo il 10,3% degli europei affermi che sarebbe disposto a sostituire la carne con gli insetti, si prevede che il mercato degli insetti commestibili raggiungerà i 4,63 miliardi di dollari (3,36 miliardi di sterline) entro il 2027.

L’accettabilità degli alimenti può cambiare nel tempo. I pomodori erano considerati velenosi in Gran Bretagna e respinti per oltre 200 anni. Le aragoste, ora una prelibatezza costosa, erano un tempo così abbondanti negli Stati Uniti da essere servite a lavoratori e prigionieri ed erano comunemente usate come fertilizzanti ed esche per i pesci.

L’aragosta è diventata di moda da mangiare solo dopo la metà del XVIII secolo. Da allora la sua popolarità è aumentata, con il mercato globale delle aragoste che dovrebbe raggiungere 11,1 miliardi di dollari (9,7 miliardi di sterline) entro il 2027.

Anche il consumo di insetti in Europa potrebbe normalizzarsi. I consumatori occidentali stanno mostrando una crescente disponibilità a consumare alimenti trasformati a base di insetti. Incorporare gli insetti in alimenti familiari come la farina rappresenta un modo per migliorarne l’accettazione.

Gli insetti commestibili non sono l’unica soluzione per realizzare un sistema alimentare più sostenibile. Tuttavia, forniscono un sostituto nutriente e più sostenibile della carne convenzionale. La loro produzione, flessibilità e diversità significa che probabilmente svolgeranno un ruolo sempre più importante in un sistema alimentare più circolare.