Mentre i disastri aumentano, le banche centrali si battono contro la minaccia del cambiamento climatico

0
5

Il cambiamento climatico sta scuotendo i banchieri centrali del mondo. Con il calore senza precedenti e gli incendi nell'ovest americano e nell'Europa meridionale e le inondazioni record che attraversano le città tedesche e le megalopoli cinesi nelle ultime settimane, tra i regolatori stanno crescendo i timori di un'imminente cascata di colpi economici indotti dal clima potenzialmente più di vasta portata e intrattabili di quelli il crollo finanziario poco più di dieci anni fa.

Negli ultimi due mesi, le banche centrali delle cinque maggiori economie del mondo — Stati Uniti, Cina, Unione Europea, Giappone e Regno Unito — hanno tutte alzato la posta nelle loro richieste affinché le banche commerciali che regolano rendano pubbliche i rischi incombenti che affrontano quando il tempo selvaggio prende piede.

Le loro chiamate mostrano che i banchieri centrali stanno già rispondendo alle preoccupazioni sulla loro passata passività sul clima – preoccupazioni riflesse in una riunione del G7 a giugno, dove i leader industriali occidentali hanno emesso un comunicato finale che ha dichiarato: "Sottolineiamo la necessità di rendere verde il sistema finanziario globale … Sosteniamo il passaggio a informative finanziarie obbligatorie relative al clima”. Ciò significa richiedere alle banche commerciali di rivelare i rischi per i loro bilanci – e quelli dei loro clienti – sia di un clima che cambia sia di qualsiasi rapido collasso dei mercati dei combustibili fossili mentre i governi cercano di evitare il disastro svezzando i combustibili fossili.

Le principali banche centrali del mondo, che controllano la produzione e la distribuzione di denaro per conto dei governi nazionali, hanno tradizionalmente cercato di rimanere "market neutral" nell'adempimento delle proprie responsabilità. Ciò significa che evitano di favorire una parte dell'economia rispetto ad altre. Ma ora le più grandi banche centrali sembrano concludere che la neutralità del carbonio è più importante della neutralità del mercato.

"Una volta che il cambiamento climatico diventa un problema determinante per la stabilità finanziaria, potrebbe essere già troppo tardi".

A giugno, la Banca d'Inghilterra ha lanciato la divulgazione obbligatoria dei rischi climatici da parte delle grandi banche britanniche, con la Federal Reserve statunitense che ha indicato che intende seguire l'esempio. Nel frattempo, la People's Bank of China ha dichiarato di concedere prestiti verdi in linea con la politica del governo sui cambiamenti climatici. A luglio, la Banca del Giappone ha iniziato a offrire prestiti senza interessi alle banche commerciali che finanziano progetti verdi e la Banca centrale europea ha annunciato che stava cercando di misurare l'impronta di carbonio delle istituzioni finanziarie e la loro vulnerabilità ai cambiamenti climatici.

Inoltre, il Cancelliere dello Scacchiere britannico Rishi Sunak ha recentemente aggiornato la responsabilità della Banca d'Inghilterra "di riflettere la strategia economica del governo per… la transizione verso un'economia a zero". Da allora, ha affermato l'economista Yannis Dafermos della SOAS University of London, la banca ha cambiato approccio, "andando oltre la neutralità del mercato per essere molto più interventista nella lotta ai cambiamenti climatici". A maggio ha pubblicato un documento di discussione sulle opzioni per rendere più ecologici i suoi acquisti di obbligazioni, che includeva la definizione di obiettivi per le emissioni delle sue obbligazioni societarie.

Per non essere da meno, a luglio la Banca centrale europea ha annunciato che intende "adeguare il quadro che guida l'allocazione degli acquisti di obbligazioni societarie per incorporare i criteri del cambiamento climatico". Tali criteri includono la legislazione dell'Unione europea per ridurre le emissioni dell'UE del 55 percento rispetto ai livelli del 1990 entro il 2030, obiettivo previsto dall'accordo di Parigi.

Il dibattito tra i banchieri centrali su come affrontare il cambiamento climatico è stato avviato nel 2015 da Mark Carney, allora governatore della Bank of England e presidente del Financial Stability Board, un organismo internazionale che coordina le banche centrali e i regolatori finanziari. Alla conferenza sul clima di Parigi quell'anno ha avvertito che il cambiamento climatico era un "rischio sistemico" per il sistema finanziario mondiale.

Il governatore uscente della Banca d'Inghilterra Mark Carney (a sinistra) con il presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde (a destra) a un evento finanziario delle Nazioni Unite per il clima a febbraio.
Piscina WPA / Piscina tramite Getty Images

Carney ha chiesto ai banchieri centrali di tracciare una rotta per un mondo net-zero che non avrebbe fatto crollare il capitalismo, rendendolo invece parte della soluzione, e ha annunciato che il Financial Stability Board stava creando una task force per sviluppare un sistema di divulgazione del carbonio – essenzialmente l'impronta di carbonio per i finanzieri.

In un discorso ai Lloyd's di Londra all'inizio di quell'anno, Carney ha identificato due tipi di rischi per i banchieri: "rischi fisici" per i loro investimenti da tempeste, incendi, inondazioni di valli fluviali, erosione delle coste, ondate di calore e siccità; e "rischi di transizione" derivanti dal calo del valore di miniere di carbone, pozzi petroliferi, oleodotti e altre infrastrutture di combustibili fossili che precipitano mentre il mondo riduce le emissioni di carbonio. Questi potrebbero diventare "patrimoni incagliati", ha detto.

Carney ha avvertito che le perdite dovute a disastri naturali legati al clima sono triplicate negli ultimi 30 anni. In un esempio particolarmente evidente dell'impatto del cambiamento climatico, un aumento di 8 pollici del livello del mare intorno a Manhattan, in gran parte inosservato, ha aumentato le perdite della super tempesta Sandy nel 2012 del 30 percento. I suoi ricercatori hanno anche segnalato l'interruzione finanziaria causata dai fallimenti dei raccolti durante la siccità nel 2007 e nel 2010. Dopo i suoi avvertimenti sui rischi di transizione, il calo della domanda di carbone ha costretto diverse grandi compagnie carbonifere, tra cui Peabody, la più grande del mondo, a presentare istanza di fallimento.

Anche così, i banchieri centrali sono stati generalmente lenti nell'annusare il caffè. Tradizionalmente, ha detto Carney, i banchieri semplicemente non guardano abbastanza avanti o abbastanza ampiamente per vedere l'importanza del cambiamento climatico, osservando che l'orizzonte per la politica monetaria è solo di due o tre anni. "In altre parole, una volta che il cambiamento climatico diventa un problema determinante per la stabilità finanziaria, potrebbe essere già troppo tardi", ha affermato.

"Il crollo del 2008 è visto come il modello per ciò che potrebbe accadere con il cambiamento climatico".

Da quando ha alzato le bandiere di avvertimento, i ricercatori della Bank of England hanno enfatizzato le crescenti minacce. "Un disastro naturale legato alle condizioni meteorologiche potrebbe innescare instabilità finanziaria e macroeconomica se danneggia gravemente i bilanci di famiglie, aziende, banche e assicuratori", hanno concluso Sandra Batten e colleghi in un documento interno del 2016.

La fuga di capitali potrebbe diventare una fuga precipitosa, ha affermato Sarah Dougherty, ex dipendente della Federal Reserve che ora lavora sulla finanza verde per il Consiglio di difesa delle risorse naturali: “Il crollo del 2008 è visto come il modello per ciò che potrebbe accadere con il cambiamento climatico .”

Se una città costiera viene spazzata via dalle maree crescenti, o una località di montagna viene consumata da incendi, potrebbe arrestare l'interesse degli investitori in centinaia di altre. Quando il valore delle attività detenute da una banca diminuisce, diventa incapace di investire altrove nell'economia. E se una banca oscilla, anche le altre sembrano vulnerabili. Inoltre, se i disastri climatici fanno fallire le compagnie di assicurazione o le portano a ritirarsi da aree ad alto rischio, potrebbero inibire ulteriormente i prestiti.

Uno studio di modellizzazione sulle interazioni tra ecosistemi e sistemi finanziari, co-autore di Dafermos, mostra che è probabile che le condizioni economiche e finanziarie peggiorino gravemente con un riscaldamento superiore a 2,5 gradi C (4,5 gradi F). Dal 1900, il mondo si è riscaldato di circa 1,1 gradi C. "Il calo della crescita economica e la distruzione del capitale" causeranno insolvenze aziendali e razionamento del credito, "dando origine a un circolo finanziario vizioso" che finirà per soffocare gli investimenti verdi insieme al resto , "interrompendo la transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio", ha rilevato lo studio.

Gli incendi infuriano dietro una centrale elettrica a carbone a Mugla, in Turchia, il 4 agosto.
Chris McGrath / Getty Images

Quindi cosa dicono i banchieri centrali che si dovrebbe fare? Il loro primo passo è stato quello di ottenere informazioni richiedendo alle grandi società finanziarie di indagare e divulgare i rischi che il cambiamento climatico pone alla loro solvibilità. La task force del Financial Stability Board sull'informativa finanziaria relativa al clima ha sviluppato le migliori pratiche e molte banche centrali stanno ora adottando le sue proposte.

Nel suo annuncio di giugno sui cambiamenti climatici, la Banca d'Inghilterra, sotto il suo nuovo governatore Andrew Bailey, ha affermato che le divulgazioni sul clima sarebbero obbligatorie in tutta l'economia del Regno Unito. Negli Stati Uniti, la divulgazione è di competenza della Securities and Exchange Commission. Ma Jerome Powell, presidente della Federal Reserve, ha suggerito a luglio che gli Stati Uniti probabilmente finiranno per richiedere alle banche di divulgare i dati per consentire la gestione di scenari di stress climatico, come avviene in Europa. "La mia ipotesi è che questa sia la direzione in cui andremo, ma non siamo ancora pronti per farlo", ha detto alla Commissione bancaria del Senato.

L'ex membro dello staff della Fed Dougherty non ha dubbi: “Hanno intenzione di farlo. Sarà annunciato quasi sicuramente questo autunno”.

Man mano che la divulgazione diventa di rigore, sta emergendo una nuova industria a domicilio di consulenti per aiutare sia le società che le società finanziarie attraverso le minuzie della valutazione dei rischi climatici per i loro beni, che si tratti di inondazioni di un impianto industriale costiero, colture che minacciano la siccità o incendi che distruggono le foreste. Le compagnie di assicurazione potrebbero essere maggiormente a rischio e il loro crollo porrebbe rischi sistemici per il più ampio sistema finanziario, ha concluso lo scorso anno i consulenti di gestione McKinsey.

"Abbiamo governi che cercano di arrivare allo zero netto mentre le banche centrali li stanno minando".

Oltre alla divulgazione del rischio, ci sono gli stress test per vedere se un'azienda o una banca rimane a galla in diversi scenari, che vanno dalle condizioni meteorologiche estreme ai divieti dei combustibili fossili, dal prezzo del carbonio alle controversie basate sulla responsabilità per i danni climatici. Le banche sono già obbligate dalle autorità di regolamentazione a svolgere prove di stress per una serie di rischi finanziari. Di solito sono anche tenuti ad avere abbastanza capitale per sopravvivere a uno scenario di crisi e, in caso contrario, a metterne da parte di più. Ora ci sono mosse forti per aggiungere il rischio climatico.

Diverse importanti banche commerciali statunitensi hanno rifiutato di commentare il loro approccio al rischio climatico per questo articolo. Ma in un post sul blog per American Banker l'anno scorso, Greg Baer, ​​CEO del gruppo di pressione Bank Policy Institute, i cui membri includono Bank of America e Citibank, ha affermato di essere "pienamente impegnato nella valutazione e nella divulgazione dei rischi climatici". Tuttavia, ha affermato, lo stress test formale delle loro operazioni da parte delle banche centrali "è un'idea che non sembra pronta per la prima serata".

Le compagnie di assicurazione affrontano maggiori rischi dal riscaldamento. Leggi di più.

La Banca d'Inghilterra, che è stata generalmente all'avanguardia sulla questione, ha annunciato a giugno che stava effettuando il primo stress test completo sui rischi climatici per le maggiori banche e assicurazioni britanniche, da pubblicare nel maggio 2022. fattibilità in tre scenari: azione globale precoce per ridurre le emissioni di anidride carbonica, azione ritardata e nessuna azione al di là di quanto già impegnato, che Carney, ora inviato speciale delle Nazioni Unite per l'azione e la finanza per il clima, ha recentemente definito il "business-as-usual catastrofico scenario."

Anche la Banca centrale europea mira a intraprendere prove di stress a partire dal 2022, mentre la Banca popolare cinese ha già condotto prove di stress, anche se deve ancora pubblicare i risultati. Le principali banche centrali potrebbero, come con altri stress test, utilizzare i risultati per imporre nuovi requisiti alle banche commerciali per detenere più capitale se i loro investimenti esistenti sono considerati ad alto rischio, ma non è chiaro se o quando lo faranno. La Bank of England ha affermato che i suoi stress test sono per il momento “esplorativi” e non sarebbero utilizzati in questo modo, suscitando l'ira della critica.

Il 15 luglio il presidente della Federal Reserve statunitense Jerome Powell ha testimoniato davanti alla commissione per le banche, gli alloggi e gli affari urbani del Senato.
Tom Williams / CQ-Roll Call tramite Getty Images

La banca è "in fase di stallo", ha affermato David Barmes del gruppo di advocacy con sede a Londra Positive Money. "Ogni giorno la Banca ritarda l'attuazione delle regole sul capitale climatico, mina ulteriormente il suo mandato di proteggere la stabilità finanziaria e sostenere una transizione zero".

La presunzione alla base della divulgazione e dello stress test è che se rivelano risultati potenzialmente spaventosi, ciò cambierà il comportamento di investimento e consentirà quella che gli economisti vedono come un'allocazione più efficiente del capitale in un mondo in cui il cambiamento climatico domina sempre più le economie.

Ma l'allocazione efficiente del capitale equivale a una risposta efficiente al rischio climatico? Dafermos dice di no. "Quando le istituzioni finanziarie inizieranno a proteggersi dai rischi, inizieranno a vendere titoli di stato e a terminare gli investimenti nei paesi vulnerabili al clima, quelli che hanno bisogno di più sostegno, soprattutto per l'adattamento", ha affermato. "Questo peggiorerà le cose."

Piuttosto che proteggere il sistema finanziario dai cambiamenti climatici, "ciò di cui abbiamo bisogno è proteggere il clima dal sistema finanziario", ha affermato. Ciò richiederà un approccio molto più interventista da parte delle banche centrali.

"Tra cinque anni, sarei molto sorpreso se il cambiamento climatico non fosse una considerazione importante in tutta la regolamentazione della Fed".

Le possibilità qui sono enormi. La maggior parte delle banche centrali sono grandi investitori. Come parte delle loro responsabilità fondamentali per mantenere la crescita economica, acquistano abitualmente obbligazioni e altri prodotti finanziari. La Banca d'Inghilterra, ad esempio, detiene attualmente oltre 20 miliardi di dollari in obbligazioni societarie. Le banche centrali di solito affermano di effettuare questi investimenti in modo "neutrale rispetto al mercato". Ma i critici dicono che questo è falso. Rafforza lo status quo. La neutralità del mercato "cabla una polarizzazione del carbonio", ha affermato Dafermos.

Uno studio del 2017 di Emanuele Campiglio, allora alla London School of Economics ma ora all'Università di Bologna, e altri hanno scoperto che più della metà degli acquisti di obbligazioni della Banca d'Inghilterra erano in settori industriali ad alta intensità di carbonio. Non aveva affatto investito in energie rinnovabili. La stessa banca nel 2020 ha rivelato che le sue attività patrimoniali erano "coerenti con" un aumento della temperatura di oltre 3,5 gradi C entro il 2100. La maggior parte delle altre banche centrali avrà probabilmente un record simile.

"Questo è molto problematico", ha detto Dafermos. “Abbiamo governi che cercano di arrivare allo zero netto mentre le banche centrali li stanno minando. Le banche centrali dovrebbero puntare alla neutralità del carbonio, non alla neutralità del mercato”. Ha affermato che i detentori dei cordoni della borsa nazionale dovrebbero acquistare obbligazioni rispettose del clima ed evitare quelle incompatibili con l'accordo di Parigi, che mira a mantenere l'aumento della temperatura al di sotto dei 2 gradi C.

Danni dell'alluvione a Gongyi, provincia di Henan, Cina, il mese scorso.
Zhang Ziwang / Nanfang Daily / Southern Visual / VCG tramite Getty Images

Nick Robins della London School of Economics, che in precedenza era responsabile della finanza sostenibile presso il Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente, è d'accordo. "Come minimo, le azioni della banca centrale non dovrebbero funzionare contro i piani net-zero", ha affermato.

Ma Campiglio ha detto che "ci sono buone ragioni per mantenere le banche centrali indipendenti" [of government policies]. Passare a un sistema con un controllo del governo più forte, come in Cina, potrebbe aiutare a sostenere una transizione a basse emissioni di carbonio, ma potrebbe essere un percorso rischioso per la legittimità e la credibilità istituzionale".

Dall'altra parte dell'Atlantico, Powell rimane molto più cauto su tali interventi di mercato. Ha insistito a giugno sul fatto che il cambiamento climatico rimane una questione per il governo piuttosto che per la politica monetaria della Fed. Ma questo potrebbe cambiare. Come ha scritto Dougherty in un post sul blog a marzo, l'obiettivo autodefinito della Fed di "promuovere l'efficace funzionamento dell'economia statunitense e, più in generale, l'interesse pubblico" significa che "ha l'autorità – e il dovere – di utilizzare tutte le gli strumenti a sua disposizione per lavorare sul cambiamento climatico”.

Le obbligazioni verdi possono finanziare una rivoluzione dell'energia pulita? Leggi di più.

Sono passati 14 anni da quando l'ex capo economista della Banca Mondiale, Nicholas Stern, ha scritto un influente rapporto per il governo britannico che concludeva che, come ha detto al London Times, il cambiamento climatico è stato "il più grande e più ampio fallimento del mercato mai visto." I banchieri centrali sono ancora alle prese con le implicazioni. Ma Dougherty crede che il cambiamento stia arrivando. "Tra cinque anni, sarei molto sorpresa se il cambiamento climatico non fosse una considerazione importante in tutta la regolamentazione della Fed", ha detto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui