Negli sforzi di recupero dalla pandemia, le industrie inquinanti stanno vincendo alla grande

0
32

Mentre il mondo è stato preoccupato dalla pandemia del Covid-19, le industrie inquinanti hanno spinto per trasformare la crisi a proprio vantaggio, facendo pressioni sui governi – spesso con successo – per favori lucrativi come fondi di salvataggio e allentamento di costose normative.

Industrie come petrolio e gas, carbone, aviazione e auto-produzione descrivono gli omaggi come necessari per alleviare il dolore economico della pandemia, ma gli esperti dicono che i cambiamenti spesso si allineano con i programmi di lunga data delle aziende di indebolimento delle norme ambientali e delle tasse esistenti, e contrastando quelli nuovi. E, collettivamente, le mosse minacciano di creare un'eredità sporca e ad alto tenore di carbonio che sopravvive a lungo alla crisi attuale – una che è in netto contrasto con i cali ampiamente noti, ma di breve durata, delle emissioni di gas serra e dell'inquinamento atmosferico che ne derivano. blocchi.

Gli interessi del petrolio e del gas, che hanno a lungo considerato il clima e altre politiche ambientali come una potenziale minaccia esistenziale, sono stati particolarmente rapidi nell'adattare il loro ampio lavoro di lobbying alle nuove circostanze, afferma Edward Collins, direttore della ricerca sul lobbismo aziendale presso InfluenceMap, un'organizzazione no profit con sede a Londra che monitora l'influenza delle aziende sulla politica climatica. Negli Stati Uniti, questi sforzi sono stati ricompensati con l'accesso a miliardi di dollari in fondi pubblici per il recupero da pandemia, sotto forma di agevolazioni fiscali, prestiti e rinunce alle tasse normalmente addebitate per l'estrazione di risorse su terreni pubblici.

"Queste sono quantità di denaro che definiscono l'economia", ha detto Collins. "Daranno davvero forma ai prossimi cinque, forse 10 anni."

La miniera d'oro è stata particolarmente ricca negli Stati Uniti, ma anche gli inquinatori di tutto il mondo stanno ottenendo vittorie.

Le compagnie di combustibili fossili "sono pronte per questi momenti" di crisi, ha detto. "Hanno un'enorme capacità per cercare di controllare il ritmo e la natura della regolamentazione, perché la considerano assolutamente critica. Quindi, quando si presenta un'opportunità come questa – o un rischio, in qualunque modo la vedano – non la lasceranno andare ".

Anche altre industrie stanno raccogliendo guadagni. Da quando è stato colpito il Covid-19, i funzionari statunitensi hanno finalizzato o avanzato proposte per allentare le restrizioni sul disboscamento, il pascolo, la sicurezza delle condutture e lo smaltimento di alcuni rifiuti radioattivi, tra una tempesta di altri cambiamenti.

E mentre la miniera d'oro è stata particolarmente ricca negli Stati Uniti, anche gli inquinatori di tutto il mondo hanno accumulato vittorie. Il carbone sta ricevendo una spinta sponsorizzata dal governo in Cina e Corea del Sud. Il Brasile – il cui principale funzionario ambientale è stato ripreso in un video che descrive la pandemia come un buon momento per far passare i cambiamenti normativi – guarda dall'altra parte mentre taglialegna illegale, minatori e allevatori intensificano il loro sfruttamento aggressivo della foresta pluviale amazzonica.

Con le decisioni prese alla velocità della luce e molte riunioni tenute a distanza, la trasparenza è stata una delle prime vittime. "Ci sono meno opportunità di supervisione e meno opportunità di input pubblico di quanto vedresti in tempi normali", ha detto Collins. "Considerando la quantità di denaro e la quantità di intervento normativo sul tavolo", ha detto, ciò è profondamente preoccupante.

L'amministratore dell'EPA Andrew Wheeler durante un'udienza al Senato il 20 maggio, durante la quale è stato interrogato sull'allentamento dell'applicazione durante la pandemia Covid-19.

Al Drago-Pool / Getty Images

A Washington, le compagnie petrolifere e del gas stanno rastrellando in modo aggressivo i fondi di soccorso in caso di pandemia, anche se i loro problemi sono anteriori alla crisi, ha detto Lukas Ross, analista politico senior presso il gruppo di difesa Friends of the Earth, che ha scritto due rapporti su questi sforzi. "Stanno cercando di convincere chiunque ascolterà che i loro problemi sono iniziati a metà marzo, quando la realtà è il declino strutturale", in particolare nelle aziende di fracking che sono state in gravi difficoltà negli ultimi anni a causa dell'eccesso di gas naturale spinto verso il basso il prezzo e costretto a fallimenti diffusi. Anche le grandi aziende come ExxonMobil e Chevron hanno vissuto al di sopra delle proprie possibilità, ha detto, sborsando miliardi di dividendi in più e riacquisti di azioni rispetto a quelli che ottengono.

Il Main Street Lending Program da 600 miliardi di dollari della Federal Reserve, apparentemente per le piccole e medie imprese che erano in buona forma prima del Covid-19, porta i segni dell'influenza dell'industria petrolifera, con cambiamenti che "rendono più facile per le aziende più grandi e più fortemente indebitate per ottenere questi prestiti, per gentile concessione del contribuente ", ha detto Ross. I lobbisti stanno anche spingendo per modifiche vantaggiose al programma di acquisto di obbligazioni societarie della Fed, ha aggiunto. "Siamo davvero nel primo atto di come questi fondi vengono distribuiti."

Anche le tasse sono state un grande obiettivo. Mentre le compagnie petrolifere e del gas statunitensi hanno beneficiato ampiamente dei tagli alle imposte sulle società del 2017, le decisioni sulle detrazioni per interessi e perdite sono andate contro di loro. Il pacchetto di soccorso in caso di pandemia da $ 2 trilioni di CARES Act ha annullato entrambe le decisioni, consentendo detrazioni più ampie, almeno temporaneamente, e autorizzando rimborsi immediati. "È un mezzo per iniettarli direttamente con denaro contante tramite modifiche al codice fiscale", ha detto Ross. Bloomberg News stima che almeno 37 compagnie petrolifere stiano finora rivendicando 1,9 miliardi di dollari.

L'American Petroleum Institute, che rappresenta le compagnie petrolifere e del gas, sottolinea che le condizioni fiscali e di prestito si applicano a tutti i settori e afferma che le aziende di combustibili fossili non hanno chiesto favori speciali. "I nostri sforzi si sono concentrati nel garantire che le nostre aziende associate abbiano lo stesso accesso di altre industrie ai programmi a livello di economia", ha affermato Scott Lauermann, un portavoce del gruppo.

L'amministrazione Trump sta usando la pandemia per far avanzare il suo programma anti-regolamentazione.

Un'altra area redditizia è la concessione di royalty, con funzionari che concedono interruzioni sulle tasse che le società pagano per perforare e scavare su terreni pubblici. Il Federal Bureau of Land Management ha temporaneamente ridotto le royalties su oltre 75 contratti di locazione nello Utah, alcuni fino al 2,5% del valore del petrolio, dal 12,5% standard. Ha anche sospeso il pagamento dell'affitto per i contratti di trivellazione nel Wyoming, mentre impone l'affitto retroattivamente alle operazioni eoliche e solari. Tutto sommato, ha detto Ross, "queste sono molte potenziali leve" per mantenere il flusso di petrolio e gas, con conseguenze pericolose per il clima.

Nel frattempo, l'amministrazione Trump ha utilizzato la pandemia come motivazione per portare avanti il ​​suo programma anti-regolamentazione. Tra le molte altre mosse, ha praticamente sospeso l'applicazione delle norme sull'inquinamento atmosferico e idrico; le regole rivedute del Clean Water Act per rendere più difficile per gli stati bloccare i progetti energetici; e ha rinunciato alla legge sulle specie minacciate di estinzione e ad altri requisiti per la revisione ambientale di nuove miniere, condutture, autostrade e altre infrastrutture.

"E 'appena cresciuto molto" all'inizio di marzo, ha detto Amy Westervelt, giornalista e conduttrice del podcast Drilled, che ha seguito gli omaggi. "I progetti di oleodotti che erano stati super controversi stavano ottenendo permessi per il fuoco rapido" e altri piani di vecchia data sono stati accelerati. “C'erano così tante cose, tutto il tempo. È stato scioccante per me, solo il volume. " Gli oltre 80 sviluppi che ha catalogato includono un ridimensionamento delle regole di sicurezza del gasdotto, nonché le approvazioni per un gasdotto di 800 miglia sul versante nord dell'Alaska e un progetto di perforazione al Carrizo Plain National Monument, una prateria della California.

Tra coloro che cercano una spinta pandemica c'è l'industria della plastica, che ha chiesto la sospensione o l'annullamento dei divieti locali e statali sulla plastica monouso, comprese le borse. Finora, tutte le sospensioni per legge sui bagagli sono temporanee, ha detto Jennie Romer, legale associata presso la Surfrider Foundation's Plastic Pollution Initiative. "Ma sappiamo che l'industria della plastica ha lavorato duramente" per inversioni permanenti, ha detto. La California ha sospeso il divieto delle borse per 60 giorni, mentre Maine, Oregon e New York hanno posticipato l'inizio del loro.

Dopo il coronavirus, due percorsi nettamente divergenti sul clima. Leggi di più.

Ovviamente, la generosità del governo nei confronti delle società inquinanti non è limitata agli Stati Uniti. Nonostante i suoi piani per un Green New Deal – e l'impegno a porre fine ai finanziamenti pubblici per il carbone – la Corea del Sud questa primavera ha autorizzato 2 miliardi di dollari in prestiti di emergenza per una grande società di costruzioni elettriche a carbone, una mossa secondo gli analisti potrebbe consentirle di continuare a costruire nuovi impianti in tutto il mondo. Sud e sud-est asiatico.

In Cina, c'è il sostegno politico per espandere nuovamente la potenza del carbone.

Ancora più preoccupante, i funzionari provinciali in Cina, alla disperata ricerca dei posti di lavoro che derivano da qualsiasi nuova costruzione, stanno rilasciando permessi per un'ondata di nuova generazione di carbone, ha affermato Lauri Myllyvirta, analista capo presso il Centro per la ricerca sull'energia e l'aria pulita con sede a Helsinki . All'inizio dell'anno in Cina erano in costruzione circa 100 gigawatt (GW) di capacità di carbone – circa 190 impianti -. Alla fine di maggio, i funzionari avevano annunciato o rilasciato permessi per circa 40 GW in impianti aggiuntivi, una drammatica accelerazione rispetto allo scorso anno, ha detto. Solo nel mese di marzo, i funzionari hanno rilasciato autorizzazioni per più impianti a carbone rispetto a tutto il 2019.

"C'è stato un grande aumento", ha detto Myllyvirta. "Segnale che c'è il sostegno politico per espandere di nuovo il potere del carbone", dopo un allontanamento da esso, anche se vede alcuni segni che i funzionari nazionali potrebbero esortare le province a premere il freno.

L'attività che mette a rischio il clima è aumentata anche altrove. In Brasile, il presidente Jair Bolsonaro ha spinto incessantemente per un maggiore sfruttamento commerciale dell'Amazzonia e, mentre il virus colpisce i brasiliani, il suo governo ha guardato dall'altra parte mentre taglialegna illegale, allevatori e minatori sgomberano ancora più terra, ha affermato Ane Alencar, direttrice di science presso IPAM Amazônia, un gruppo di ricerca. A maggio, è emerso un video del ministro dell'Ambiente del paese che descriveva la pandemia come un'opportunità per "far passare e cambiare tutte le regole", mentre i media "parlano solo di Covid".

Le immagini satellitari mostrano quasi 15.000 acri di nuova deforestazione tra gennaio e maggio nello stato brasiliano del Pará.
Monitoraggio dell'Amazzonia andina Project (MAAP)

Il messaggio a coloro che cercano profitto in Amazzonia è chiaro, Alencar ha detto: "Il governo non vuole combattere l'illegalità". La deforestazione dell'Amazzonia ha subito una forte accelerazione, aumentando del 55% nei primi quattro mesi dell'anno, rispetto al 2019, quando era al massimo di 11 anni, ha riferito l'Istituto nazionale per la ricerca spaziale del paese.

In Europa, dove il programma di riduzione del carbonio del Green Deal è stato il principale obiettivo dei lobbisti, i risultati della loro stampa aggressiva non sono ancora chiari, ha affermato Margarida Silva, ricercatrice del Corporate Europe Observatory, che tiene traccia dell'influenza delle imprese sulle decisioni dell'UE. Le industrie inquinanti "hanno reindirizzato molto rapidamente le loro pressioni e le hanno riformulate sotto la prospettiva della corona", ha detto. Anche lì, i cambiamenti che sollecitano sono in gran parte gli stessi di quelli che volevano prima, ma ora "sono in grado di dire" A causa della pandemia abbiamo bisogno di X "o" Abbiamo bisogno di Y "".

Le specifiche variano a seconda del settore, ha affermato, ma si riducono principalmente all'opposizione o alla richiesta di ritardi nelle nuove norme o tasse ambientali e alla ricerca di un indebolimento delle normative esistenti. Le compagnie aeree hanno respinto l'accenno di tasse sul carburante per aerei. Gli interessi agricoli hanno chiesto ritardi in Farm to Fork, l'iniziativa Green Deal che copre la sostenibilità alimentare. Finora, i lobbisti europei hanno avuto molto meno successo rispetto ai loro omologhi statunitensi, ha detto Silva, ma potrebbero ancora ottenere vittorie man mano che le proposte avanzano e l'Unione europea avanza con il suo pacchetto di recupero da 750 miliardi di euro.

Ricostruire meglio: perché l'Europa deve guidare una ripresa verde globale. Leggi di più.

Se il Covid-19 alla fine aiuta a impostare il mondo su un percorso ad alto tenore di carbonio o uno più pulito dipende dalle scelte che i leader fanno ora, ha detto Myllyvirta. Con così tanti settori alla ricerca di salvataggi e altri aiuti, chi li ottiene e con quali vincoli "avrà un impatto importante sull'intero ordine economico". In un momento in cui c'è così tanto nell'aria, ha detto, “l'unico dato è quello [the] la crisi cambierà le tendenze e le traiettorie ".

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui