Nei denti di leone e nelle lucciole, gli artisti cercano di dare un senso al cambiamento climatico

0
24

Il cambiamento climatico è reale, sta accelerando ed è terrificante. Stiamo aggiungendo carbonio nell'atmosfera a una velocità 100 volte più veloce di qualsiasi precedente aumento naturale, come quelli verificatisi alla fine dell'ultima era glaciale.

Gli effetti sono facilmente visibili attraverso le immagini drammatiche dei ghiacciai in rapida contrazione o della foresta pluviale amazzonica in fiamme.

Ma immagini come queste possono allontanarci dalla catastrofe ambientale, trasformandola in qualcosa di spettacolare, di arresto, persino paralizzante. Non comunicano l'impatto quotidiano del cambiamento climatico, che si sta verificando anche nei nostri cortili.

Nel libro che sto scrivendo, ho fatto di questi effetti più piccoli e meno evidenti il ​​mio obiettivo. Esplora il lavoro di artisti e poeti che ci aiutano a capire come i più piccoli cambiamenti nell'ambiente possono segnalare danni su larga scala.

Si basano su un'eredità cruciale lasciata dagli osservatori vittoriani del mondo naturale che hanno sottolineato la necessità di prestare molta attenzione ai piccoli dettagli di ciò che ci circonda.

Vittoriani attenti

Nessuno era più insistente sull'importanza di guardare da vicino l'ordinario e il quotidiano del critico d'arte e pensatore sociale del XIX secolo John Ruskin.

Ritratto di Ruskin del 1853 di John Everett Millais.
Museo Ashmolean

Il suo consiglio di "andare nella natura … non rifiutare nulla, non selezionare nulla e non disprezzare nulla" ha ispirato molti artisti dell'epoca: artisti britannici come John Everett Millais e John Brett e pittori americani John Henry Hill e William Trost Richards.

Nel frattempo, libri e articoli, come J.G. "Common Objects of the Country" di Wood e "The Observing Eye" di Anne Wright, hanno reso popolare l'osservazione scientifica come pratica disponibile a tutti, insegnando alle persone a trovare meraviglia nel mondo su di loro – nel "cielo, le foglie e i ciottoli", come Ha scritto Ruskin.

Molti artisti contemporanei hanno raccolto il testimone, mostrando come tre specie molto ordinarie del mondo naturale – denti di leone, lucciole e licheni – possono stimolare la nostra immaginazione e farci pensare al cambiamento climatico in modi nuovi.

La resilienza dei denti di leone

Poche piante sono più onnipresenti del dente di leone.

Nel diciannovesimo secolo, i suoi fiori gialli e le teste di semi soffici e decorative apparivano spesso in dipinti sentimentali di bambini che raccoglievano denti di leone nei prati o di giovani donne che soffiavano su palline di paglia. Fiorivano nelle illustrazioni di filastrocche e su piastrelle decorative.

Denti di leone punteggiavano i paesaggi dei libri illustrati per bambini del XIX secolo.
Biblioteca pubblica di New York

Il fiore era utile anche in cucina: i vittoriani lo mangiavano nelle insalate e lo bevevano nei tè.

Ma a un certo punto nel 19 ° secolo, il suo status si è trasformato. I denti di leone sono diventati un'erbaccia.

Come tutti i giardinieri sanno, sono persistenti. Gli erbicidi come l'arsenito di sodio furono introdotti alla fine del XIX secolo. Dopo la seconda guerra mondiale, sono state sviluppate potenti sostanze chimiche per la manutenzione del prato, causando molti più danni alle persone e all'ambiente rispetto alle radici dei denti di leone. I siti web di giardinaggio sono ancora pieni di riferimenti alla "guerra ai denti di leone".

Oggi, l'artista britannico Edward Chell vuole che pensiamo al danno arrecato a queste erbacce esiliate. Raccoglie denti di leone e altri fiori selvatici ai margini delle autostrade britanniche, microhabitat soffocati da sostanze inquinanti che tuttavia sostengono una vegetazione diversificata.

"Dandelion Taraxacum officinale: Road Dust M4" di Edward Chell.
Edward Chell, 2011. Polvere di strada su carta da disegno / acquerello senza acidi 400 gsm 135 x 105 cm.

Utilizzando una tecnica di disegno della silhouette presa in prestito dalla fine del XVIII secolo, disegna la pianta in contorni e la riempie con una miscela di inchiostro e polvere presa dall'autostrada. Le sue immagini mostrano la bella fragilità delle erbacce lungo la strada. Ma sono anche registrazioni di tossicità, realizzate con i residui del motore a combustione interna: idrocarburi incombusti, monossido di carbonio, ossidi di azoto e particolato.

I bordi frastagliati del dente di leone hanno un ruolo da protagonista nella sua serie. Ma per Chell, il fiore non simboleggia più il sentimentalismo e l'innocenza, come nell'era vittoriana; invece, è mutato in un agghiacciante commento sull'inquinamento stradale.

La magia delle lucciole

In un mondo minacciato, la natura esercita un'attrazione nostalgica. Per molti americani, il pensiero delle lucciole li trasporta nelle lunghe e calde serate estive dell'infanzia.

Le lucciole godono di una doppia vita: di giorno sono insetti insignificanti, di colore marrone opaco; di notte, sono scintille accattivanti che danzano insieme.

Scrittori e artisti vittoriani vedevano la magia in questi punti di luce fluttuanti, paragonandoli a fate e goblin. La presa della lucciola sull'immaginazione era così forte che ha ispirato gli scienziati a cercare modi per spiegare i misteri della bioluminescenza.

La magia delle lucciole persiste. L'artista giapponese Yayoi Kusama ha costruito diverse installazioni di lucciole ispirate a un racconto popolare giapponese su un vecchio in un campo che è stato derubato durante un pellegrinaggio. Nella cultura giapponese, le lucciole rappresentano l'anima: nel racconto, migliaia di lucciole attaccano gli aggressori dell'uomo dopo la sua morte.

Il Phoenix Art Museum ospita una delle installazioni di Kusama. I visitatori possono stare in una stanza nera come la pece con pareti rivestite di specchi, pavimento in granito nero lucido e un soffitto in plexiglass nero, da cui pendono 250 luci a LED e tremolano come lucciole in un ciclo continuo di due minuti e mezzo.

"Infinity Mirror Room" di Yayoi Kusama al Phoenix Art Museum.

Stare qui è sperimentare l'infinito. Richiama la straordinaria bellezza, ma allo stesso tempo fragilità, del nostro ambiente naturale.

E poi potresti chiederti: quando ho visto le lucciole l'ultima volta?

Le lucciole sono diventate sempre più rare: vittime della perdita di habitat, pesticidi e inquinamento luminoso. Il progetto di Kusama, che coinvolge così tanti punti di luce elettrici danzanti, può essere interpretato come un progetto profondamente ironico.

La sagacia del lichene

Non sono solo gli artisti a dare un significato al piccolo e al trascurato.

Gli storici dell'arte possono indirizzare la nostra attenzione su qualcosa che diamo per scontato.

I dipinti del Mid-Victorian sono meglio conosciuti per le loro raffigurazioni della vita moderna, per drammatizzare il lato personale degli eventi storici e per introdurci a paesaggi mozzafiato.

Il dipinto di John Everett Millais del 1852 "Un ugonotto il giorno di San Bartolomeo rifiuta di proteggersi dal pericolo indossando il distintivo cattolico romano".
Manson e Woods, Ltd.

Ma suggerisco agli spettatori di concentrarsi sull'apparentemente insignificante di queste opere; esamina e pensa al lichene che si aggrappa alle rocce, ai tronchi degli alberi e ai muri in dipinti come "Un ugonotto" di Millais o "Val d'Aosta" di Brett.

Lo stesso lichene dipinto a metà del XIX secolo probabilmente conteneva tracce delle sostanze che lo avrebbero distrutto.

Perché il lichene è – come si resero conto i vittoriani – un campanello d'allarme per un clima inquinato. Troppo inquinamento vicino a una grande città industriale e scompare dai tronchi degli alberi e dalle pietre.

A causa della sua tranquilla bellezza e della sua vulnerabilità ai cambiamenti ambientali, il lichene è diventato un potente simbolo per artisti del tessuto, poeti e artisti di installazioni.

Eppure il lichene è il sopravvissuto consumato. Appare rapidamente dopo il disastro nucleare o sulla lava appena solidificata. Inoltre, il lichene possiede proprietà – collaborazione, determinazione, resistenza – di cui gli esseri umani avranno bisogno per sopravvivere ai cambiamenti climatici.

"Siamo tutti licheni ora", ha scritto l'eco-studiosa Donna Haraway, riferendosi alla simbiosi e alla codipendenza che caratterizzano i licheni – e che sempre più verranno a definire l'esperienza umana.

Guardare le rappresentazioni della natura del XIX secolo non porta solo a un lamento nostalgico di tutto ciò che è andato perduto.

Invece, ci ispira a cercare di affrontare il presente e ci sprona a intervenire nel nostro futuro.

[ Like what you’ve read? Want more? Sign up for The Conversation’s daily newsletter. ]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui