No, questo lago in India non è coperto di neve

0
45

I residenti nella città dell'India meridionale di Bangalore si sono svegliati davanti a uno spettacolo surreale: un lago ricoperto da quelli che sembrano fluttuanti cumuli di neve.

I cumuli di schiuma coprono vaste distese del Lago Bellandur, uno specchio d'acqua di 900 acri vicino alla tentacolare capitale tecnologica del paese – e per una città con temperature di maggio che oscillano intorno a 86 gradi Fahrenheit (30 C), è improbabile che sia causato da un'estate bizzarra nevicata.

Il lago Bellandur non è estraneo al surreale. Il lago ha iniziato a schiumare almeno dal 2015. E all'inizio di quest'anno, ha preso una svolta per il biblico quando ha preso fuoco. Secondo quanto riferito, le fiamme hanno infuriato per circa 30 ore, riempiendo l'aria di cenere e alimentando riflessioni opportunamente apocalittiche tra i residenti.

"Perché diavolo un lago prenderebbe fuoco?" ha detto al National Geographic il residente Sahni. "L'acqua dovrebbe essere usata per estinguere, non essere combustibile per un incendio."

Ma il diavolo non sta salendo dal lago di Bangalore. Il colpevole è probabilmente il diavolo che conosciamo fin troppo bene: l'inquinamento.

L'emergere di Bangalore come titano industriale, insieme al conseguente aumento della popolazione, potrebbe aver messo a dura prova il lago da cui i residenti dicono di essere stati in grado di bere.

Al giorno d'oggi, sia i rifiuti industriali che quelli umani lo hanno trasformato in una frenesia tossica che non solo occasionalmente prende fuoco, ma genera anche cumuli schiumosi di detergenti e altri prodotti chimici.

Inutile dire che i giorni dell'acqua potabile pulita da Bellandur sono ormai lontani. L'aria vicino al lago è difficile da respirare, un'acre miscela di liquami e sostanze chimiche. Si dice che il solo tocco della schiuma causi irritazione alla pelle.

Un ammonimento

Ci sono, tuttavia, alcuni segnali di speranza.

Le autorità indiane hanno intensificato le misure per frenare lo scarico illegale, compresa l'installazione di telecamere di sorveglianza lungo la costa.

Ancora più importante, i residenti si stanno mobilitando per un nuovo impianto di trattamento delle acque reflue che potrebbe ridurre drasticamente i rifiuti umani che entrano nel lago. Inoltre, i gruppi di cittadini concentrati sulla pulizia di Bellandur stanno guadagnando slancio.

Ma forse la cosa più importante, la sconvolgente trasformazione di Bendalur da acque vivificanti a fanghi tossici può servire come un potente avvertimento per altre città che devono affrontare uno sviluppo rampante, specialmente quando tale sviluppo supera le salvaguardie ambientali.

"L'incendio nel lago è stato un evento unico nel suo genere in India. Ma questo è un avvertimento per ogni altra città del mondo che si sta sviluppando", ha detto a National Geographic Priyanka Jamwal, una scienziata ambientale.