Non c’è economia senza ambiente

40

Herman Daly aveva un talento per affermare l’ovvio. Quando un’economia crea più costi che benefici, la chiamava “crescita antieconomica”. Ma non troverai questa conclusione nei libri di testo di economia. Anche suggerire che la crescita economica potrebbe costare più di quanto valga può essere visto come un’eresia economica.

L’economista rinnegato, noto come il padre dell’economia ecologica e uno dei principali architetti dello sviluppo sostenibile, è morto il 28 ottobre 2022, all’età di 84 anni. Ha trascorso la sua carriera mettendo in discussione un’economia disconnessa da una base ambientale e da una bussola morale.

In un’epoca di caos climatico e crisi economica, le sue idee che hanno ispirato un movimento per vivere con i nostri mezzi sono sempre più essenziali.

I semi di un economista ecologico

Herman Daly è cresciuto a Beaumont, in Texas, punto di riferimento del boom petrolifero dell’inizio del XX secolo. Ha assistito alla crescita e alla prosperità senza precedenti dell'”era sgorga” contrapposta alla povertà e alla privazione che si sono protratte dopo la Grande Depressione.

Per Daly, come molti giovani uomini allora e da allora credevano, la crescita economica era la soluzione ai problemi del mondo, soprattutto nei paesi in via di sviluppo. Studiare economia al college ed esportare il modello nordico nel sud del mondo era visto come un percorso retto.

L’economista Herman Daly (1938-2022) per gentile concessione di Island Press

Ma Daly era un lettore vorace, un effetto collaterale di avere la poliomielite da ragazzo e di perdere la mania del football del Texas. Al di fuori dei confini dei libri di testo assegnati, ha trovato una storia del pensiero economico intrisa di ricchi dibattiti filosofici sulla funzione e lo scopo dell’economia.

A differenza della precisione di un equilibrio di mercato disegnato sulla lavagna della classe, l’economia del mondo reale era disordinata e politica, progettata da chi era al potere per scegliere vincitori e vinti. Credeva che gli economisti dovessero almeno chiedersi: crescita per chi, per quale scopo e per quanto tempo?

La più grande realizzazione di Daly è arrivata leggendo il libro della biologa marina Rachel Carson del 1962 “Silent Spring” e vedendo il suo invito a “venire a patti con la natura… per dimostrare la nostra maturità e la nostra padronanza, non della natura ma di noi stessi”. A quel punto, stava lavorando a un dottorato di ricerca. nello sviluppo latinoamericano alla Vanderbilt University ed era già piuttosto scettico sull’iperindividualismo incorporato nei modelli economici. Negli scritti di Carson, il conflitto tra un’economia in crescita e un ambiente fragile era lampante.

Dopo una fatidica lezione con Nicholas Georgescu-Roegen, la conversione di Daly fu completa. Georgescu-Roegen, un economista di origine rumena, ha respinto la favola del libero mercato di un pendolo che oscilla avanti e indietro, cercando senza sforzo uno stato naturale di equilibrio. Ha sostenuto che l’economia era più simile a una clessidra, un processo a senso unico che converte risorse preziose in rifiuti inutili.

Herman Daly spiega la “crescita antieconomica”.

Daly si è convinto che l’economia non dovrebbe più dare la priorità all’efficienza di questo processo a senso unico, ma invece concentrarsi sulla scala “ottimale” di un’economia che la Terra può sostenere. Poco prima del suo 30° compleanno nel 1968, mentre lavorava come professore in visita nella povera regione del Ceará nel nord-est del Brasile, Daly pubblicò “On Economics as a Life Science”.

I suoi schizzi e tavole dell’economia come processo metabolico, interamente dipendente dalla biosfera come fonte di sostentamento e pozzo di rifiuti, sono stati la road map per una rivoluzione economica.

Economia di un mondo pieno

Daly ha trascorso il resto della sua carriera disegnando scatole in cerchio. In quella che chiamava la “visione pre-analitica”, l’economia – la scatola – era vista come la “filiale interamente controllata” dell’ambiente, il cerchio.

Quando l’economia è piccola rispetto all’ambiente di contenimento, è opportuno concentrarsi sull’efficienza di un sistema in crescita. Ma Daly ha sostenuto che in un “mondo pieno”, con un’economia che supera il suo ambiente di sostegno, il sistema è in pericolo di collasso.

La concezione di Herman Daly dell’economia come sottosistema dell’ambiente. In un “mondo pieno”, una maggiore crescita può diventare antieconomica. Adattato da “Oltre la crescita”. Usato con il permesso di Beacon Press.

Mentre era professore alla Louisiana State University negli anni ’70, al culmine del movimento ambientalista statunitense, Daly ha portato l’inquadratura a scatola chiusa alla sua logica conclusione in “Steady-State Economics”. Daly ha affermato che la crescita e lo sfruttamento hanno la priorità nella fase competitiva e pionieristica di un giovane ecosistema. Ma con l’età arriva una nuova attenzione alla durabilità e alla cooperazione. Il suo modello di stato stazionario ha spostato l’obiettivo dall’espansione cieca dell’economia al miglioramento intenzionale della condizione umana.

La comunità internazionale per lo sviluppo se ne è accorta. Dopo la pubblicazione del 1987 delle Nazioni Unite di “Our Common Future”, che inquadrava gli obiettivi di uno sviluppo “sostenibile”, Daly vide una finestra per la riforma della politica di sviluppo. Ha lasciato la sicurezza del mandato alla LSU per unirsi a un gruppo canaglia di scienziati ambientali presso la Banca Mondiale.

Per la maggior parte di sei anni, hanno lavorato per capovolgere la logica economica regnante che trattava “la Terra come se fosse un affare in liquidazione”. Spesso si scontrava con dirigenti di alto livello, il più famoso con Larry Summers, il capo economista della banca all’epoca, che rifiutava pubblicamente la domanda di Daly se le dimensioni di un’economia in crescita rispetto a un ecosistema fisso fossero di qualche importanza. La risposta del futuro segretario al Tesoro degli Stati Uniti è stata breve e sprezzante: “Non è il modo giusto di vederla”.

Ma alla fine del suo mandato, Daly e colleghi avevano incorporato con successo nuovi standard di impatto ambientale in tutti i prestiti e progetti di sviluppo. E il programma di sostenibilità internazionale che hanno contribuito a plasmare è ora integrato negli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite di 193 paesi, “un piano d’azione per le persone, il pianeta e la prosperità”.

Herman Daly e Kate Raworth, creatrice di Donut Economics, discutono di economie resistenti alla pandemia.

Nel 1994, Daly è tornato al mondo accademico presso l’Università del Maryland e il lavoro della sua vita è stato riconosciuto in tutto il mondo negli anni a seguire, tra cui il premio svedese Right Livelihood Award, il premio Heineken dei Paesi Bassi per le scienze ambientali, il premio Sophie della Norvegia, la medaglia italiana della Presidenza, il Blue Planet Prize del Giappone e persino il personaggio dell’anno di Adbuster.

Oggi, l’impronta della sua carriera può essere trovata in lungo e in largo, comprese le misure dell’indicatore di progresso autentico di un’economia, il nuovo inquadramento dei piani sociali in Donut Economics all’interno dei massimali ambientali, corsi di laurea mondiali in economia ecologica e un vivace movimento di decrescita incentrato su un giusta transizione verso un’economia di dimensioni adeguate.

Conoscevo Herman Daly da due decenni come coautore, mentore e insegnante. Ha sempre trovato del tempo per me e i miei studenti, scrivendo di recente la prefazione al mio prossimo libro, “The Progress Illusion: Reclaiming Our Future from the Fairytale of Economics”. Sarò per sempre grato per la sua ispirazione e il coraggio di, come ha detto, “porre domande ingenue e oneste” e poi non essere “soddisfatto finché non avrò le risposte”.