Non credere all'etichetta "Store Drop-Off" quando si tratta di imballaggi in plastica

0
5

Diversi anni fa, una nuova etichetta ha iniziato ad apparire sugli imballaggi di plastica. Diceva "consegna del negozio" e indicava agli acquirenti di restituire i loro imballaggi a speciali contenitori di raccolta in negozio che avrebbero assicurato che venissero riciclati. Ben presto più di 10.000 articoli portavano l'etichetta e un sito Web associato ha affermato che c'erano oltre 18.000 contenitori di raccolta negli Stati Uniti. Tutti quei rifiuti si trasformerebbero in cose meravigliose come le panchine del parco.

Peccato che non fosse vero. Peggio ancora, "la grande sciarada del drop-off del negozio", come viene chiamata, continua ad espandersi mentre induce i clienti a pensare che i loro rifiuti servano in qualche modo a uno scopo utile, piuttosto che contribuire a un orribile accumulo di spazzatura in tutto il mondo.

Il problema

Jan Dell, un ingegnere chimico e fondatore di The Last Beach Cleanup, è diventato un critico schietto di questa farsa. Ha parlato con Treehugger della sua campagna in corso per mettere questo problema di imballaggi etichettati erroneamente sui radar delle persone e per ritenere le aziende responsabili delle loro affermazioni non comprovate.

"Sto cercando di sensibilizzare ed esporre il fatto che queste etichette che le aziende mettono sui prodotti non sono legittime", afferma Dell. "Non esiste un sistema di consegna del negozio."

Dell, che vive a Laguna Beach, in California, ha scaricato un elenco di presunti luoghi di riconsegna in tutta la contea di Orange meridionale nel 2019. Ce n'erano 52 elencati, ma ne ha trovati solo 18 quando è andata a cercarli ciascuno in tempi pre-COVID. Non ce n'era uno in nessun negozio Walmart, nonostante l'azienda utilizzasse l'etichetta su migliaia di prodotti. Anche quelli che ha trovato erano pieni di contaminazione.

Conservare l'etichetta di consegna sui prodotti Hefty.

Jan Dell

Quindi i punti di raccolta semplicemente non ci sono, che è il primo grande problema. Il secondo problema, afferma Dell, è che anche quando vengono raccolti i film di plastica non c'è alcuna prova che vengano riciclati, nonostante questo sia un requisito delle Guide verdi della Federal Trade Commission (FTC).

"Le cose possono essere commercializzate come riciclabili solo se vengono riciclate nel 60% delle famiglie in cui vengono vendute", spiega John Hocevar, direttore delle campagne oceaniche per Greenpeace USA, che ha anche parlato con Treehugger di questo argomento. "In California è stato sancito dalla legge statale, quindi è semplice da un punto di vista legale".

Gli Stati Uniti hanno una capacità di elaborazione inferiore al 5% per i film plastici e la maggior parte di questa proviene da fonti di back-of-store come gli involucri per pallet che tendono ad essere più puliti. Sfortunatamente, è molto più economico realizzare nuove pellicole di plastica che raccogliere e riutilizzare vecchie pellicole. "Forse se il petrolio costasse 500 dollari al barile, allora avrebbe senso… Ma il costo della raccolta, dello smistamento, della pulizia, del ritrattamento è, quanto, 100 volte più alto della nuova plastica?" Dell sottolinea. "La nuova plastica è così economica."

Anche quando le aziende affermano di fare cose buone con la vecchia plastica, fanno a malapena la differenza. Il gruppo Trex che produce decking dai rifiuti di plastica, afferma Dell, "ha una capacità per meno del 3% del nostro film di plastica … quindi questo intero programma di consegna dei negozi, secondo me, è semplicemente vuoto".

In qualità di membro della Commissione per il riciclaggio della California, Dell afferma di aver parlato con i rappresentanti delle strutture per il recupero dei materiali (MRF) in tutta la California: "Dicono tutti che nessuno vuole comprare sacchetti di plastica o pellicole. Se qualcuno li raccoglie, vengono cestinati o inviati a Asia."

Conservare l'etichetta di consegna sui prodotti Clorox.

Jan Dell

La causa

In risposta, Greenpeace ha fatto causa a Walmart, che, dice Hocevar a Treehugger, "non è qualcosa che facciamo tutti i giorni, e non è esattamente la nostra prima inclinazione, ma abbiamo ritenuto che fosse necessario". Greenpeace aveva documentato molti esempi in cui sembrava che Walmart stesse ingannando i suoi clienti sulla riciclabilità dei loro prodotti e imballaggi. Quando hanno condiviso queste informazioni con Walmart, l'azienda non era disposta a cambiare e quindi è stata intentata una causa.

I dati raccolti da Greenpeace da MRF negli Stati Uniti hanno mostrato che solo le bottiglie e le brocche di plastica n. 1 e n. 2 soddisfano lo standard per essere commercializzate come riciclabili. "Tutto il resto è destinato alla discarica o all'inceneritore", afferma Hocevar. "Quindi Walmart stava mettendo etichette 'come riciclare' sui prodotti che non soddisfacevano questi standard".

Questa causa è importante, ha affermato, perché Walmart si è impegnata a trasformare tutti i suoi imballaggi in opzioni riciclabili, compostabili o riutilizzabili, ma le loro azioni indicano il contrario.

Hocevar ha spiegato: "[It seems like] stanno considerando molti imballaggi non riciclabili come riciclabili. In teoria, quasi tutto può essere riciclato se ci metti abbastanza soldi, sforzi ed energia, ma ciò non significa che abbia senso riciclarlo".

La soluzione

Un design migliore gioca un ruolo, ma in realtà "la soluzione più importante è abbandonare l'uso singolo in generale, rompere la nostra abitudine di imballaggi usa e getta e investire nell'aumento del riutilizzo, della ricarica e degli approcci senza confezione".

Le soluzioni esistono, ha detto. Ci sono dozzine di "startup affamate pronte ad aiutare le aziende a scalare queste soluzioni". Ha fatto l'esempio di Walmart che gestisce un progetto pilota in Cile con un'azienda a zero rifiuti chiamata Algramo, che è "felice di vedere, [but] un progetto pilota in un paese che è una piccola parte dell'attività complessiva di Walmart, non corrisponde all'urgenza o alla scala che è necessaria in questo momento".

Investire in materiali riutilizzabili renderebbe gli articoli più costosi per aziende e/o clienti? Hocevar non la pensa così. "In alcuni casi, l'avvio dovrebbe costare un po', ma una volta che hai il processo e l'infrastruttura in atto, non devono più pagare per l'imballaggio, e questa è una parte non sostanziale del loro costo. Più le aziende passano al riutilizzo, questo farà risparmiare loro sempre più denaro man mano che sempre più stati e paesi adottano programmi di responsabilità estesa del produttore. Altrimenti le aziende dovrebbero pagare per produrre articoli confezionati monouso".

Dell condivide l'atteggiamento propositivo di Hocevar, concordando sul fatto che esistono soluzioni, come le nuove tecnologie che utilizzano pellicole cellulosiche. Fornisce un esempio di scatole di fibra utilizzate per confezionare prodotti freschi in Europa. La fibra ha un tasso di riciclo dell'84% nell'UE, del 68% negli Stati Uniti, molto meglio della plastica.

Entrambi insistono sulla stessa cosa: non arriveremo mai in un posto migliore a meno che non smettiamo di gettarci fumo negli occhi e di innamorarci della "Sciarada del ritiro del grande negozio". Nelle parole di Dell, "Non arriveremo mai a questo se facciamo finta che la pellicola di plastica sia sostenibile".

Hocevar afferma che l'obiettivo è creare una "conversazione basata sulla realtà" su come Walmart si sta avvicinando al suo impegno per diventare più verde. "Una volta che riconosceranno che molti di questi prodotti non sono effettivamente riciclabili, sarà più facile iniziare a pensare a come riprogettarli".

Nel frattempo, i clienti possono aggiungere la propria voce alla conversazione. Parla con i gestori dei negozi locali se vedi l'etichetta di consegna del negozio sulla confezione. Chiedi dove sono i contenitori per la raccolta. Contatta Walmart per richiedere un'etichettatura più chiara. Sostieni il lavoro che Greenpeace e Last Beach Cleanup stanno facendo per migliorare la trasparenza.

La cosa più importante è evitare imballaggi di plastica non necessari quando possibile. Per citare Hocevar, sappi che "una volta che hai una cosa di plastica, sei bloccato con essa in una forma o nell'altra per generazioni". Non ne vale davvero la pena.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui