nuovi allarmi sui fiumi e sui laghi della Nuova Zelanda

12

L'ultimo rapporto ambientale sui laghi e i fiumi della Nuova Zelanda ribadisce notizie fosche sullo stato degli ecosistemi di acqua dolce e avverte che il cambiamento climatico aggraverà le minacce esistenti.

Quasi tutti i fiumi della Nuova Zelanda che attraversano aree urbane e agricole (95-99%) trasportano inquinamento al di sopra delle linee guida sulla qualità dell'acqua, mentre la maggior parte delle zone umide della nazione (90%) sono state prosciugate e molte specie di pesci d'acqua dolce (76%) sono minacciate o a rischio.

Le pressioni più significative sugli ecosistemi di acqua dolce rientrano in quattro questioni:

Ministero dell'Ambiente / Statistiche NZ, CC BY-SA

Il cambiamento climatico riceve più attenzione rispetto alle valutazioni precedenti, riflettendo il fatto che i ghiacciai si stanno già restringendo e il suolo si sta prosciugando.

À lire aussi:
L'acqua dolce urbana della Nuova Zelanda sta migliorando, ma un importante rapporto rivela enormi lacune nelle nostre conoscenze

Cosa ci dicono i bianchetti sui pesci d'acqua dolce sotto stress

L'ultima valutazione è un aggiornamento su un rapporto sull'acqua dolce nel 2017 e sull'esauriente Environment Aotearoa 2019. Ribadisce le questioni che abbiamo visto prima, ma inizia ad attuare le recenti raccomandazioni del Commissario parlamentare per l'ambiente (PCE) che chiede un legame più forte tra dati e gestione ambientale.

Gli impatti biologici sono in prima linea in questa ultima valutazione. Mostra che un'ampia gamma di organismi d'acqua dolce è a rischio. Le statistiche per i pesci d'acqua dolce sono le più preoccupanti, con tre quarti delle 51 specie autoctone già minacciate oa rischio di estinzione.

Il rapporto utilizza un particolare gruppo di pesci nativi (īnanga, o galassidi) per collegare i molteplici impatti che gli esseri umani hanno, in una gamma di habitat in diverse fasi della vita.

Gli Īnanga sono meglio conosciuti come bianchetti, una prelibatezza che è un mix di giovani di sei specie diverse catturati mentre migrano dal mare ai fiumi.

Il bianchetto è considerato una prelibatezza in Nuova Zelanda.
Shutterstock

Īnanga di diverse età e specie vivono in habitat diversi, quindi possono essere utilizzati per rappresentare i problemi che devono affrontare una serie di pesci d'acqua dolce attraverso gli ecosistemi. I principali fattori di stress includono l'habitat alterato, l'inquinamento e l'eccesso di nutrienti, l'uso dell'acqua per l'irrigazione e il cambiamento climatico.

Ci si aspetta che il cambiamento climatico esacerberà gli stress esistenti che gli organismi nativi come īnanga affrontano e proteggere il loro habitat significa capire quanto ridurrà i flussi d'acqua e creerà condizioni più calde e secche.

Colmare le lacune nella comprensione

L'uso di organismi per valutare i cambiamenti ambientali, compresi gli impatti sui cambiamenti climatici, è un passo ovvio ma importante. Rende possibile considerare il cambiamento climatico in un modo che soddisfi il requisito della legge sulla rendicontazione ambientale di riferire su un "corpo di prove".

Quest'ultimo rapporto risponde alle preoccupazioni del PCE sulle lacune nelle nostre conoscenze, che sono state sollevate nella valutazione Environment Aotearoa 2019. La nuova strategia per colmare grandi lacune nella nostra conoscenza ha tre priorità: conoscere e monitorare ciò che abbiamo, ciò che potremmo perdere e dove o come possiamo apportare modifiche.

À lire aussi:
Sei modi per migliorare la qualità dell'acqua nei laghi e nei fiumi della Nuova Zelanda

Il rapporto evidenzia che mātauranga Māori, il processo di utilizzo delle conoscenze indigene sull'ambiente, può colmare alcune lacune nei dati o aggiungere approfondimenti. Anche altri metodi e modelli, come gli scenari di bilancio dei nutrienti, meritano considerazione.

Ci sono anche buone notizie. Alcuni problemi di inquinamento possono essere minori o limitati a aree molto piccole. Ciò include diversi cosiddetti contaminanti emergenti, come ritardanti di fiamma, che sono stati scoperti nelle acque sotterranee intorno agli aeroporti ma ora sono vietati o limitati.

La seconda buona notizia è che nuovi modi di studiare l'ambiente possono aiutare a colmare le grandi lacune. Ad esempio, i laghi possono essere indicatori più stabili della salute dell'acqua dolce rispetto a fiumi e torrenti, ma solo il 4% (circa 150) dei 3.820 laghi più grandi della Nuova Zelanda è regolarmente monitorato dai consigli regionali.

Per quasi 300 laghi, il rapporto include un indice delle piante che vivono in essi e per più di 3000 esiste ora un metodo consolidato per stimare la qualità dell'acqua del lago. Ulteriori informazioni stanno diventando disponibili, utilizzando stime aggiornate, dati satellitari per gli ultimi 20 anni e carote di sedimenti per ricostruire le condizioni ambientali negli ultimi cento anni.

Sfortunatamente, i dati sui laghi confermano la tendenza generale al declino dell'acqua dolce, ma almeno le molteplici forme di informazioni complementari dovrebbero aiutarci a gestire meglio gli ecosistemi di acqua dolce della Nuova Zelanda.