per il bene delle sue vittime

162

A novembre, la prima assemblea mondiale dei cittadini – composta da 100 persone scelte tramite lotteria da tutto il mondo – ha dichiarato le sue risposte raccomandate alla crisi climatica alla conferenza COP26 delle Nazioni Unite sul clima. Tra queste raccomandazioni c’era che causare una grave distruzione ambientale, o “ecocidio”, dovrebbe diventare un crimine.

L’assemblea ha preso spunto da una proposta della fondazione Stop Ecocide, che definisce l’ecocidio come “atti illeciti o sfrenati commessi con la consapevolezza che esiste una sostanziale probabilità che tali atti siano causati da danni all’ambiente gravi, diffusi o a lungo termine”. .

Gli attivisti sperano che questa definizione venga adottata dalla Corte penale internazionale (CPI). Se lo fosse, l’ecocidio si unirebbe al genocidio, ai crimini contro l’umanità e ai crimini di guerra nell’elenco dei crimini più gravi del mondo.

Gli appelli a criminalizzare l’ecocidio risalgono agli anni ’70, in seguito all’uso devastante da parte dell’America dell’agente chimico Orange nella guerra del Vietnam. L’enorme danno che ha causato sia all’ambiente (distruggendo foreste e decimando la biodiversità) che agli esseri umani (danneggiando o uccidendo migliaia di persone) ha suscitato proposte per una legge internazionale contro l’ecocidio.

Sebbene inizialmente senza successo, negli ultimi anni si è assistito a un’impennata senza precedenti nel sostegno alla criminalizzazione dell’ecocidio, anche da parte della Repubblica di Vanuatu, della Repubblica delle Maldive, del Belgio, della Francia e dell’UE.

Le riparazioni per l’ecocidio potrebbero aiutare a ripristinare i paesaggi danneggiati. UN_photo/Flickr, CC BY-NC-ND

Gli attivisti affermano che ciò porrà fine all’immunità aziendale mantenendo gli individui in posizioni di potere aziendale per rendere conto delle loro decisioni distruttive. Ma meno attenzione è stata data a un altro vantaggio: il potere della CPI di concedere risarcimenti alle vittime.

Cosa sono le riparazioni?

Le riparazioni sono forme di risarcimento accordate alle vittime di reati. La CPI ha stabilito che i risarcimenti possono essere concessi per danni fisici o psicologici commessi contro una persona fisica (intendendo un essere umano) o una persona giuridica (intendendo alcune organizzazioni).

Attualmente, queste riparazioni non possono essere concesse a esseri non umani come gli animali, o al mondo naturale stesso. Ciò significa che attualmente, tutte le riparazioni concesse per l’ecocidio dovrebbero essere a carico degli esseri umani e delle organizzazioni umane. Tuttavia, la possibilità di concedere risarcimenti potrebbe fornire alle vittime dell’ecocidio l’opportunità di ripristinare, o commemorare, ciò che hanno perso, oltre a potenzialmente aiutare a prevenire la futura distruzione ambientale.

Ad esempio, la CPI potrebbe assegnare fondi per un progetto di ripristino ambientale a beneficio delle vittime dell’ecocidio. Ciò potrebbe includere un progetto di riforestazione o biodiversità per una comunità che in precedenza aveva fatto affidamento su un ecosistema danneggiato per il sostentamento.

Sebbene l’ICC non l’abbia mai fatto prima, esempi precedenti possono essere trovati altrove. La Corte interamericana dei diritti umani ha assegnato programmi di riforestazione alla comunità indigena Kichwa in Ecuador, mentre il tribunale per l’ambiente e la terra del New South Wales in Australia ha ordinato alle persone condannate per aver distrutto gli habitat di animali in via di estinzione di organizzare e finanziare progetti di ripristino.

Le foreste tagliate potrebbero essere rimboschite attraverso progetti di riparazione dell’ecocidio. 16081684/Pixabay

Inoltre, la legge potrebbe consentire alle vittime di essere risarcite finanziariamente per cose come l’inquinamento dei fiumi utilizzati per la pesca o la distruzione di terre spiritualmente significative. Altri tribunali hanno assegnato un risarcimento per danni simili: come ad esempio alla comunità indigena Saramaka in Suriname per la perdita di legami spirituali con il loro territorio, guastata dal disboscamento.

Le riparazioni potrebbero anche essere utilizzate per fornire accesso ad acqua pulita, cibo e reddito ambientalmente sostenibile per la gente del posto. La CPI – attraverso il suo organismo associato, il Fondo fiduciario per le vittime – ha precedentemente sostenuto l’addestramento all’apicoltura e la piantumazione di alberi nell’Uganda settentrionale, per aiutare le vittime del conflitto tra l’Esercito di Resistenza del Signore e le autorità nazionali a guadagnare denaro.

La CPI potrebbe anche esplorare le riparazioni simboliche. Ciò potrebbe comportare che la persona condannata si scusi pubblicamente e riconosca la sofferenza che ha causato. Questo potrebbe non sembrare prezioso quanto fornire denaro o progetti di riparazione alle vittime. Tuttavia, potrebbe aiutare a riconoscere la realtà di ciò che è andato perduto e ad affermare l’ecocidio come un grave crimine sulla scena mondiale.

Prendendo ispirazione dagli sforzi di pacificazione ambientale in tutto il mondo, le riparazioni simboliche potrebbero includere la creazione di parchi commemorativi riparativi o “parchi della pace”. Questi potrebbero essere usati dalle comunità sofferenti come memoriali, sostenendo al contempo il lavoro di conservazione locale.

Andando oltre, la CPI potrebbe considerare di assegnare ancora più “riparazioni trasformative” che sfidano la disuguaglianza sociale. Questi potrebbero essere progettati per consentire alle comunità emarginate più voce in capitolo nella gestione delle risorse naturali.

I parchi della pace, come questo a Santiago, in Cile, potrebbero svolgere un ruolo nella commemorazione dei crimini ambientali. David Berkowitz/Wikimedia Commons

Un tipo di riparazione trasformativa è una “garanzia di non ripetizione”, progettata per impedire che simili crimini si ripetano. In un esempio dal Mali, la CPI ha chiesto che il suo Fondo fiduciario per le vittime collabori con il governo del Mali per prevenire futuri attacchi contro il patrimonio culturale protetto di Timbuktu.

Nel contesto dell’ecocidio, le garanzie di non ripetizione potrebbero comportare la formazione della popolazione locale alla protezione dell’ambiente o il rafforzamento di normative ambientali deboli. Tuttavia, questi obiettivi più ampi richiederebbero il sostegno del governo o delle aziende per raggiungere e dovrebbero essere esplicitamente collegati ai crimini della persona condannata.

Ciò evidenzia un limite chiave della CPI: che è vincolata in ciò che può fare da sola. Un significativo ripristino ambientale all’indomani dell’ecocidio richiede tutta una serie di partecipanti, compresi i governi nazionali e le società, che potrebbero non essere disposti a collaborare. E poiché l’ICC non ha giurisdizione sulle società, non può richiedere cambiamenti più ampi nelle pratiche aziendali che potrebbero causare danni ambientali.

Ma coinvolgere la CPI nella lotta per la giustizia ecologica ci consente comunque di trattare l’ecocidio come un crimine straordinariamente distruttivo che altera la vita. Di fronte a una crisi climatica e a un’era di estinzione di massa, dobbiamo utilizzare tutti gli strumenti del nostro arsenale, compresa la legge, per proteggere e riparare il mondo naturale.

Non hai tempo per leggere quanto vorresti sui cambiamenti climatici?

Ricevi invece un riepilogo settimanale nella tua casella di posta. Ogni mercoledì, l’editore ambientale di The Conversation scrive Imagine, una breve e-mail che approfondisce un solo problema climatico. Unisciti agli oltre 10.000 lettori che si sono iscritti finora.