Per ricostruire rapidamente le barriere coralline, basta aggiungere elettricità

0
72

Potresti aver sentito che le barriere coralline sono nei guai. Guai seri. Un recente sondaggio della Grande Barriera Corallina australiana, la più grande struttura vivente del pianeta, ha rilevato che il 93% del corallo è stato colpito dallo sbiancamento; un forte segnale di avvertimento che l'ecosistema è sottoposto a enormi stress ambientali.

Le potenziali perdite sottomarine sono così grandi, che comprendono un'area delle dimensioni della Scozia, che un importante ricercatore di coralli la chiama già "il più grande disastro ambientale mai esistito".

Con il passare del tempo, la corsa è aperta per trovare modi innovativi per contrastare le morti di massa delle barriere coralline in tutto il mondo. La soluzione più ovvia è smettere di scaricare anidride carbonica nell'atmosfera per evitare un futuro di oceani più caldi e più acidi. Gli scienziati stanno anche prendendo di mira i cosiddetti "super coralli" nel tentativo di produrre in serie specie più resistenti ai cambiamenti climatici. Il terzo riguarda la ricostruzione delle barriere coralline utilizzando strutture in acciaio e, cosa più sorprendente, una corrente costante di elettricità.

Nel settembre 2018, il gruppo di conservazione Reef Ecologic ha collaborato con l'organizzazione turistica Quicksilver Connections per installare i telai in acciaio nella prima corsa di prova sulla Grande Barriera Corallina, nella speranza che incoraggerà la crescita della barriera corallina. Questa tecnologia esiste da anni e implementata in altre barriere coralline in tutto il mondo.

Chiamate "Biorocks", queste strutture con struttura in acciaio a volte possono sembrare più simili a un progetto artistico subacqueo che a un'incubatrice di coralli. L'acciaio può assumere qualsiasi forma, ma il pezzo più importante del puzzle è l'elettricità a bassa tensione che scorre attraverso il telaio. L'idea, brevettata nel 1979, nasce da un'idea dello scienziato marino Wolf Hilbertz e del biologo marino Thomas J. Goreau. Insieme, la coppia ha scoperto che una corrente elettrica passata attraverso l'acqua di mare crea una reazione chimica che si traduce in un rivestimento di minerali calcarei simili nella composizione a quelli naturali creati dal giovane corallo.

"Queste correnti sono sicure per l'uomo e per tutti gli organismi marini", spiega Gili Eco Trust, un'organizzazione no profit che ha installato oltre 100 strutture Biorock intorno alle isole in Indonesia. "In linea di principio non ci sono limiti alle dimensioni o alla forma delle strutture Biorock, potrebbero essere coltivate per centinaia di miglia se i finanziamenti lo consentissero. Il calcare è il miglior substrato per il corallo duro".

Il video nella parte superiore del file mostra come viene realizzata e installata una struttura Biorock su una barriera corallina.

Una volta che una struttura Biorock è immersa, gli organizzatori trapiantano frammenti rotti di corallo vivo (spesso strappati dalle barriere coralline da forti onde, ancore o altre forze) e li attaccano al telaio. L'elettricità è fornita da un cavo sottomarino dalla riva o da pannelli solari galleggianti. I gruppi di costruzione della barriera stanno anche iniziando a sperimentare la generazione di onde per alimentare i telai. Una volta acceso, bastano pochi giorni prima che la struttura sia ricoperta da un sottile strato di calcare. In pochi mesi, il corallo ha preso piede e inizia a fiorire.

"Nessuno crede che quello che facciamo sia possibile finché non lo vedono da soli", ha detto a Gaia Discovery il co-inventore Thomas Goreau. "Crescere barriere coralline luminose brulicanti di pesci in pochi anni in luoghi che erano aridi deserti è qualcosa che tutti pensano non possa essere fatto, ma è stato fatto in quasi 30 paesi con solo piccole donazioni, principalmente da persone locali che ricordano come la loro barriera corallina una volta lo erano e si rendono conto che ora devono crescere più coralli. "

Nel video qui sotto, uno di questi locali a Bali ci porta in immersione e spiega come nutre la crescita dei coralli attorno a un Biorock.

Secondo la Global Coral Reef Alliance, un'organizzazione no profit di cui Goreau è presidente, le barriere coralline Biorock non solo aiutano ad accelerare la crescita dei coralli, ma li rendono anche più resistenti agli aumenti di temperatura e acidità che inducono stress.

Allora perché più della comunità scientifica marina non si è spostata verso la ricostruzione delle barriere coralline utilizzando il metodo Biorock? Il primo motivo ha a che fare con la fattibilità, poiché non è sempre facile far passare un cavo a bassa tensione dalla riva al reef. Grazie all'aumento delle soluzioni di energia solare e delle maree, questo ostacolo è diventato un problema minore. Il secondo, secondo uno scienziato marino, ha a che fare con l'assenza di studi pubblicati che dimostrino che vale davvero la pena perseguire il processo.

"Certamente sembra funzionare", ha detto allo Smithsonian Magazine Tom Moore, un coordinatore del restauro dei coralli presso la National Oceanic and Atmosphere Administration. Ha aggiunto che la comunità scientifica è stata lenta ad accettare la mancanza di convalida indipendente. Detto questo, e con le barriere coralline di tutto il mondo che affrontano peggiori probabilità con il passare degli anni, Moore dice che gli piacerebbe provare il processo.

"Stiamo attivamente cercando nuove tecniche", ha aggiunto. "Voglio mantenere una mente molto aperta."

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui