Per salvare le foreste, i ricercatori stanno collegando gli alberi a Twitter

121

Nel luglio 2018, una quercia rossa centenaria è stata pubblicata su Twitter. L’account @awitnesstree, twittando dalla Harvard Forest a Petersham, Massachusetts, si presenta nella sua biografia:

Testimoniare la vita come un albero in un ambiente che cambia per più di un secolo. Le opinioni sono mie – una sorta di (dati tradotti da scienziati e comunicatori a HF).

Ogni pochi giorni, l’albero aggiorna i suoi 9.118 follower. Il 24 febbraio 2020 ha pubblicato: “Gli ultimi 2 giorni sono stati estremamente caldi per febbraio. Quando finirà questa ondata di caldo?”

Il giorno prima si era lamentato ancora di più:

Ora, dopo una pausa dovuta alle sfide legate al COVID, l’albero dei testimoni sta tornando online.

I messaggi dell’albero si basano sui dati di una serie di sensori sopra e intorno al suo tronco, utilizzando un approccio in tempo reale al monitoraggio degli alberi introdotto dall’ispirazione di Witness Tree e dal progetto gemello TreeWatch.net. Guidato dall’Università di Gand, TreeWatch.net ha creato il suo primo albero di tweet nel 2016 e attualmente monitora i dati dei sensori di 21 alberi in Belgio, Germania, India, Paesi Bassi e Regno Unito.

I sensori montati sul Witness Tree di Harvard includono un nastro incorporato nel suo tronco per tracciare il flusso dell’acqua, un perno a molla che spinge contro la sua corteccia per monitorare il restringimento e il gonfiore e una fotocamera per catturare la crescita delle foglie. Flussi di dati continui da questi sensori ci dicono come l’albero è influenzato dai cambiamenti nel suo ambiente immediato. Questa tecnologia è ancora agli inizi, ma mostra promesse eccezionali.

I sensori in tempo reale monitorano il benessere dell’albero dei testimoni.

Analizzando i dati di Witness Tree e TreeWatch.net, abbiamo già appreso che la siccità può causare la chiusura degli stomi di un albero, le aperture nella parte inferiore delle foglie. Gli stomi chiusi bloccano l’assunzione di acqua, interrompendo la crescita degli alberi. Siccità più frequenti possono quindi portare a un minore assorbimento di carbonio da parte di alberi e foreste.

Albero testimone della foresta di Harvard.

Studi futuri indicano persino che i singoli alberi rispondono in modo diverso alle stesse ondate di calore e che il trasporto dell’acqua negli alberi può reagire istantaneamente alla presenza di un’eclissi solare. Con il sole oscurato dalla luna, gli stomi si chiudono come farebbero di notte, riducendo immediatamente l’assunzione di acqua.

Mentre continuiamo a valutare i dati in arrivo da Witness Tree e TreeWatch.net, impareremo sicuramente ancora di più su come gli alberi influenzano – e sono influenzati da – l’ambiente circostante.

Comunicazione della scienza

La quercia rossa della foresta di Harvard, insieme ai suoi cugini asiatici ed europei su TreeWatch.net, è prima di tutto una ricca fonte di dati scientifici. Ma allo stesso tempo quei dati, quando convertiti in tweet da algoritmi personalizzati, trasformano l’albero dei testimoni in una piattaforma per la ricerca sulla comunicazione scientifica.

Dietro le quinte, un programma per computer analizza i numeri in arrivo dai sensori di Witness Tree: controlli incrociati con soglie pre-programmate per la normale attività, ricerca di cambiamenti improvvisi e compilazione di riepiloghi.

Per ogni caratteristica dei dati chiave, incluso l’uso quotidiano dell’acqua, la dinamica del flusso della linfa, il restringimento dello stelo e la crescita del tronco, i ricercatori della Harvard Forest hanno fornito al programma diversi modelli di messaggi prescritti. Il programma sceglie uno di questi modelli, inserisce i dati rilevanti e pubblica il messaggio completato su Twitter come con la voce dell’albero.

Poiché i messaggi sono scelti a caso da modelli, possono essere utilizzati come banco di prova per studiare come il pubblico preferisce confrontarsi con argomenti e stili di scrittura diversi.

I risultati preliminari suggeriscono, in qualche modo sorprendentemente, che i follower di Witness Tree interagiscono allo stesso modo con tweet basati sui dati e basati sulla narrazione. L’aggiunta di contenuti multimediali – attraverso immagini, video o visualizzazione dei dati – genera più risposte, Mi piace e retweet. Tutti i post che riguardano direttamente il cambiamento climatico sembrano attirare maggiormente l’attenzione.

Il futuro

Per ottenere l’accesso a ancora più dati, sia il progetto Witness Tree che TreeWatch.net si stanno espandendo. Il singolo albero testimone entrerà presto a far parte di una rete forestale diffusa su aree urbane, suburbane e rurali per studiare come funzionano gli alberi in ambienti diversi.

I futuri alberi testimoni con sensori di particolato fine sensibili alla scarsa qualità dell’aria potrebbero aiutare a far crescere la consapevolezza sui fattori di stress ambientale affrontati sia dagli esseri umani che dagli alberi.

I nuovi alberi monitorati da TreeWatch.net misureranno il carbonio perso a causa della respirazione degli alberi, aprendo la strada a una contabilità del carbonio più accurata. Consolidando la nostra comprensione di come gli alberi contribuiscono al ciclo del carbonio, saremo in una posizione migliore per ridurre la produzione di carbonio a livello globale.

A lungo termine, Witness Tree e TreeWatch.net mirano a lavorare insieme per costruire una vasta rete internazionale di alberi di tweet: in altre parole, un Internet di alberi. I dati di questa “internet” forniranno preziose informazioni sul benessere dei nostri ecosistemi forestali, dal rilevamento dei primi segni di siccità e dal monitoraggio dell’impatto di parassiti e agenti patogeni alla previsione del flusso di linfa per la produzione di sciroppo d’acero.

Gli alberi attualmente monitorati da TreeWatch.net, sparsi in Europa e in Asia.

Poiché abbiamo appreso di più su come gli alberi interagiscono con gli ecosistemi che definiscono visivamente, gli alberi sono stati spesso rappresentati come creature sociali nelle recenti ricerche e negli scritti popolari. In un certo senso, Witness Tree e TreeWatch.net giocano su questa idea dando ai loro alberi una voce simile a quella umana. Usano la personificazione come strumento per comunicare efficacemente con un vasto pubblico.

Ma sarebbe controproducente prendere troppo sul serio questa metafora, perché la voce di ogni albero è in realtà una finzione alimentata da messaggi automatici. In realtà, sono i dati a parlare e la storia che i dati raccontano è la realtà brutalmente onesta del cambiamento ambientale.