Perché alcuni imballaggi in plastica sono necessari per prevenire lo spreco alimentare e proteggere l'ambiente

0
38

Negli ultimi anni c'è stata un'impennata nella consapevolezza dei danni che l'inquinamento da plastica arreca al nostro pianeta. Ha stimolato una serie di campagne per rimuovere la plastica monouso dalla nostra vita quotidiana. Ciò si estende agli imballaggi alimentari, con un supermercato Waitrose nella città di Oxford che ha recentemente lanciato una prova senza pacchetto.

Molte persone si lamentano della grande quantità di imballaggi utilizzati dai supermercati, in particolare per frutta e verdura, la maggior parte dei quali ha la propria protezione naturale. Tuttavia, uno dei motivi principali per cui i supermercati utilizzano così tanti imballaggi è proteggere gli alimenti e prevenire gli sprechi, in particolare con gli alimenti freschi. Rimuovere completamente la plastica dal nostro approvvigionamento alimentare potrebbe non essere la soluzione migliore quando si tratta di proteggere l'ambiente e conservare risorse preziose.

Le catene di approvvigionamento alimentare sono reti complesse con molte parti. Solo in Europa, 12 milioni di aziende agricole producono prodotti agricoli che vengono trasformati da circa 300.000 aziende di alimenti e bevande. Questi vengono poi distribuiti da 2,8 milioni di dettaglianti alimentari e servizi di ristorazione, servendo circa 500 milioni di consumatori.

Il cibo in genere viaggia dai campi in cui viene prodotto a un impianto di stoccaggio per la lavorazione. Viene quindi conservato fino a quando non è necessario. Quindi viene confezionato, trasportato e distribuito nei negozi, dove viene commercializzato, prima di essere acquistato e consumato. Ciò richiede una quantità di tempo variabile, a seconda di dove viene coltivato e per quanto tempo rimane nel frigorifero o nell'armadio di qualcuno.

Gli imballaggi in plastica sono utilizzati nella catena di approvvigionamento alimentare perché supportano la distribuzione sicura degli alimenti su lunghe distanze e riducono al minimo gli sprechi alimentari mantenendo gli alimenti freschi più a lungo. Una revisione del 2016 degli studi sugli sprechi alimentari ha rilevato che 88 milioni di tonnellate di cibo vengono sprecate ogni anno nell'UE, ovvero 173 kg pro capite, pari a circa il 20% del cibo prodotto. Ridurre al minimo questi sprechi è fondamentale per la protezione dell'ambiente e per la sicurezza alimentare.

Ridurre gli sprechi

Più del 50% dei rifiuti alimentari avviene nelle famiglie e quasi il 20% viene sprecato durante la lavorazione. Gli imballaggi in plastica possono essere un male necessario per ridurre questo livello elevato di rifiuti in entrambe le aree. Per determinare l'utilità degli imballaggi in plastica nella catena di approvvigionamento alimentare è necessario tenere conto di una serie di fattori, poiché hanno il potenziale per preservare il cibo e prevenirne lo spreco.

Ad esempio, l'uso di soli 1,5 g di pellicola di plastica per avvolgere un cetriolo può prolungarne la durata da tre a 14 giorni e la vendita di uva in sacchetti o vassoi di plastica ha ridotto del 20% gli sprechi di uva in negozio.

La plastica protegge e preserva la freschezza di molta frutta e verdura.
Shutterstock

Molto cibo viene trasportato via aerea, quindi prolungarne la durata ha importanti vantaggi per l'ambiente. Riduce al minimo gli sprechi e conserva tutte le preziose risorse coinvolte dalla fattoria allo scaffale. Stime recenti di Zero Waste Scotland suggeriscono che l'impronta di carbonio dei rifiuti alimentari generati può essere superiore a quella della plastica. In particolare, si è scoperto che 456.000 tonnellate di rifiuti alimentari prodotti nelle famiglie scozzesi contribuiscono a circa 1,9 milioni di tonnellate di CO₂, tre volte superiore a quella delle 224.000 tonnellate di rifiuti di plastica generati.

Gli imballaggi in plastica mantengono la qualità e la sicurezza degli alimenti. Il cibo naturalmente avvolto nella propria pelle e che può essere trasportato e consumato in sicurezza senza la necessità di imballaggi in plastica monouso attira spesso l'attenzione. Ma la ricerca mostra che questi prodotti sembrano essere sostenibili solo laddove esistono filiere alimentari corte. Quando il cibo viene trasportato da più lontano, come molte altre cose, la plastica può svolgere un ruolo importante nel proteggerlo dal diventare rifiuto.

Inoltre, gli imballaggi in plastica sono più flessibili e leggeri rispetto ad alternative come il vetro e la carta. Ciò riduce i costi di trasporto e le emissioni di carbonio che ne derivano.

Possibili soluzioni

La semplice rimozione della plastica dagli imballaggi alimentari non è così sostenibile come si potrebbe pensare. Ci sono molti casi in cui gli imballaggi in plastica possono essere utili per ridurre i rifiuti. Ma i venditori di cibo devono pensare a come ridurre e riutilizzare la plastica ove possibile.

Per ridurre la quantità di plastica necessaria, è necessario sviluppare filiere alimentari corte, poiché ciò coinvolge pochissimi intermediari tra il luogo di coltivazione del cibo e il luogo di acquisto e consumo. Può significare passare a diete più stagionali. I mercati degli agricoltori, i coltivatori locali e i sistemi di consegna dei cestini aiutano a connettere i consumatori al luogo in cui viene prodotto il loro cibo in modi che possono anche aiutare a ridurre gli imballaggi e i rifiuti alimentari.

La sfida qui è come può essere ingrandito in modi economicamente fattibili. La maggior parte dei venditori avrà preoccupazioni economiche che influenzano il modo in cui usano la plastica. Spesso non viene utilizzato solo per la conservazione, ma per il marketing e il desiderio delle vendite al dettaglio di convincere le persone a comprare di più (pensa, multipack), il che può portare a sprechi.

Un'altra soluzione è sviluppare un modello economico più circolare in cui la plastica viene riutilizzata e riciclata molto di più. Ciò ha senso sia dal punto di vista economico che ambientale.

Si sta lavorando anche su nuovi imballaggi a base biologica che possono svolgere lo stesso ruolo della plastica convenzionale in termini di protezione degli alimenti e prevenzione degli sprechi alimentari e potrebbero anche essere biodegradabili. Ma rimangono molte domande sul fatto che le plastiche a base biologica siano effettivamente sostenibili a lungo termine, soprattutto se sono necessarie grandi quantità di risorse per produrle.

Fino a quando non verrà sviluppata un'alternativa di imballaggio sostenibile, i grandi rivenditori continueranno a fare affidamento sulla plastica per proteggere il cibo dallo spreco. La plastica stessa è un materiale molto utile. Dobbiamo usarlo in modo più efficace e con parsimonia in alcuni casi, ma non dovremmo sbarazzarcene del tutto.