perché dovremmo vederlo come un movimento politico piuttosto che una scelta dietetica

48

L’inizio di un nuovo anno in questi giorni segna il lancio di Veganuary, una campagna che incoraggia le persone a rinunciare ai prodotti animali per il mese di gennaio.

Ma mentre questo periodo dell’anno vede un focus sulla dieta, come filosofi politici sosteniamo che il veganismo non dovrebbe essere inquadrato come una scelta di vita personale ma come una forma di attivismo politico. Visto in questi termini, il veganismo è un’azione collettiva finalizzata alla trasformazione politica, non una ricerca individuale di una dieta eticamente pura.

Il veganismo, sosteniamo, riguarda meno l’auto-miglioramento, il sacrificio ascetico di sé o l’identità personale e più l’affrontare i danni creati dalle strutture e dai sistemi sociali. Il veganismo è dedicato ad affrontare e ribaltare l’oppressione degli animali senzienti. Piuttosto che una scelta individuale del consumatore, dovremmo vederla come una forma di attivismo da condurre collettivamente con gli altri.

Quella pratica collettiva comporta l’unione con altri vegani per boicottare i prodotti dello sfruttamento animale. Ma implica anche fare molto di più che cambiare la propria dieta. Si tratta di perseguire una varietà di strategie per trasferirsi in un mondo senza lo sfruttamento abituale degli animali.

Molti vegani stessi vedono già il loro impegno in questo senso. Sebbene non ci siano dubbi sul fatto che alcune persone scelgano la dieta a base vegetale associata al veganismo per una serie di motivi – dal migliorare la salute, ridurre la propria impronta di carbonio, adempiere agli impegni religiosi e altro ancora – molti ora lo considerano un boicottaggio finalizzato al cambiamento politico . Il cambiamento a cui mira è un mondo senza agricoltura animale industriale e tutte le altre forme di pratica che sfruttano inutilmente e dannosamente gli animali.

Abbandonare futili ricerche di ‘purezza’

Le discussioni sul veganismo spesso ruotano attorno a domande su cosa dovremmo mangiare. I vegani dovrebbero mangiare avocado, la cui produzione è nota per il suo dannoso impatto ambientale e sociale? Dovrebbero consumare mandorle e altre colture che comportano l’uso dell’apicoltura migratoria che spesso porta a malattie nelle api? Dovrebbero comprare hamburger a base vegetale da catene di fast food che traggono profitto dalla vendita di carne animale?

Ma vedere il veganismo come un movimento politico ci permette di allontanarci da qualsiasi obiettivo di purezza e perfezione, e lontano da futili dibattiti sulle corrette scelte dietetiche. Riconosce che l’impatto negativo su alcuni animali è inevitabile nel mondo in cui viviamo.

In una comprensione politica del veganismo, non c’è vergogna nel non essere “moralmente puri”. Naturalmente, questo non implica che gli individui possano essere descritti in modo significativo come vegani e consumare ciò che vogliono. Qualcuno non può plausibilmente essere etichettato come vegano se mangia regolarmente panini con pancetta, per esempio.

I filosofi sociali hanno sostenuto che i boicottaggi e altre azioni dei consumatori possono essere strumenti importanti per resistere all’oppressione. Sosteniamo che anche il veganismo dovrebbe essere visto in questa luce: il suo scopo è contrastare – con vari mezzi – le strutture che rafforzano l’oppressione animale.

Ciò comporta ovviamente il rifiuto dei prodotti dell’agricoltura animale che trae profitto dallo sfruttamento animale. Ma include anche la protesta contro le agenzie governative che consentono, abilitano e sovvenzionano tali pratiche.

Secondo questa comprensione politica, il veganismo dovrebbe fare pressione su imprese e politici per effettuare il cambiamento, ma anche per comunicare e ricordare alla società più ampia le ingiustizie perpetrate abitualmente contro gli animali.

Ma poiché evita la purezza, questa comprensione riconosce che gli individui non possono e non saranno in grado di boicottare e abolire tutto ciò che comporta qualche forma di danno fatto a o anche da parte degli animali – e che il tipo di impegni che gli individui possono assumere varieranno a seconda delle loro circostanze .

Il veganismo è uno sforzo politico condiviso piuttosto che una scelta individuale. Vuk Valcic/Alamy

Il veganismo è più di una dieta a base vegetale. Il boicottaggio di certi alimenti non è e non potrà mai essere una trasformazione sociale sufficiente. Nella comprensione politica del veganismo, l’impegno finale è quello di unirsi ad altri per trasferirsi in un mondo senza lo sfruttamento routinario degli animali.

Ciò richiede agli individui di considerare e abbracciare un’intera varietà di azioni mirate a questo obiettivo: da diverse forme di attivismo politico convenzionale e non convenzionale, al mescolarsi e imparare dagli animali per comprendere meglio le loro prospettive.

Alla fine, l’impegno del veganismo è sforzarsi di istigare un mondo in cui esseri umani e animali possano prosperare insieme a condizioni eque. Quel mondo non può mai essere perfetto e senza danni, ma vale comunque la pena lottare.

Non hai tempo per leggere sul cambiamento climatico quanto vorresti?

Ricevi invece un riepilogo settimanale nella tua casella di posta. Ogni mercoledì, l’editore ambientale di The Conversation scrive Imagine, una breve e-mail che approfondisce un solo problema climatico. Unisciti agli oltre 10.000 lettori che si sono iscritti finora.