Perché è così difficile riparare cose che devono essere riparate

13

È frustrante quanto poco farà la maggior parte delle aziende di elettrodomestici per aiutarti a riparare qualcosa di semplice. Recentemente i bracci irroratori della mia lavastoviglie Whirlpool si sono ostruiti con residui di cibo, quindi, nessuna sorpresa, i miei piatti non si sono puliti. Ho chiamato Whirlpool per chiedere come avrei potuto smontare le braccia per pulirle. Roba piuttosto semplice.

"Non possiamo fornire informazioni sulla riparazione", mi ha detto il rappresentante della Whirlpool. Mi ha suggerito di guardare i video di YouTube online e "forse questo aiuterà". Certo, l'avevo già fatto e dopo aver cercato su Google e altri forum di riparazione ho capito che i bracci irroratori non si staccano. Whirlpool mi ha deluso due volte: non solo non mi ha fornito le informazioni di base per una correzione, ma ha progettato un prodotto con parti non riparabili.

Whirlpool non è l'unica azienda che scoraggia la riparazione: sia Apple che John Deere sono noti per limitare le riparazioni. Ma le regole su questo problema stanno cambiando.

Società usa e getta

Molte leggi sul diritto alla riparazione erano dettate dall'elettronica, ma si applicano a un'intera gamma di articoli.
(Foto: 13lack64 / Shutterstock.com)

Negli Stati Uniti, 19 stati hanno introdotto leggi sul "diritto alla riparazione", sebbene queste si applichino principalmente all'elettronica e siano state scritte in risposta a non essere in grado di sostituire le batterie dell'iPhone in modo semplice ed economico. Molti di questi progetti di legge hanno languito nei governi statali, incluso uno recente e ben sostenuto in California.

"Le persone non dovrebbero essere costrette a 'passare al modello più nuovo ogni volta che una parte sostituibile del proprio smartphone o elettrodomestico si rompe", ha detto a Venture Beat Mark Murray, direttore esecutivo di Californians Against Waste. "Queste aziende traggono profitto a spese del nostro ambiente e dei nostri portafogli mentre diventiamo una società usa e getta che scarta oltre 6 milioni di tonnellate di elettronica ogni anno".

Da parte loro, i produttori di prodotti, dalle società di dispositivi elettronici agli apparecchi che richiedono codici speciali a cui solo le società madri hanno accesso, hanno dichiarato che consentire la riparazione dei loro prodotti sarebbe una violazione della sicurezza o del copyright. L'idea è che rendendo più facile la riparazione, i segreti commerciali dei loro prodotti saranno compromessi.

Ma i sostenitori dei consumatori pensano che sia più una questione di profitto che di sicurezza: "Nessuno mette segreti commerciali nei loro manuali di riparazione e le riparazioni non possono violare i brevetti perché la riparazione non è produzione", ha detto Gay Gordon-Byrne, direttore esecutivo della Repair Association il LA Times.

Le leggi sulla riparabilità richiedono in genere diversi anni per ottenere supporto sufficiente per andare avanti. Sebbene gli Stati Uniti abbiano visto 19 stati introdurre alcune variazioni sui conti, la battaglia è tutt'altro che finita – in effetti, è appena iniziata.

Sforzi simili all'estero

L'Unione Europea ha in programma una nuova legge ai sensi della Direttiva Ecodesign e Circolare che fisserebbe "requisiti in materia di durabilità, riparabilità e riciclabilità dei prodotti".

In Inghilterra, indipendentemente da ciò che accade con la Brexit, il Regno Unito prevede di rispettare le regole europee per i prodotti. "Vogliamo che i produttori e i produttori rendano i prodotti più facili da riutilizzare e riparare, per farli durare più a lungo. Prenderemo in considerazione l'estensione delle garanzie obbligatorie e un'etichettatura dei prodotti più chiara, se necessario, per raggiungere questo obiettivo", ha detto Therese Coffey, ministro dell'Ambiente del Regno Unito, a The Giornale indipendente.

E in Svezia, una proposta parlamentare del 2016 mirava a premiare gli svedesi per aver scelto di riparare oggetti come biciclette o piccoli elettrodomestici invece di gettarli via. Ciò si otterrebbe con agevolazioni fiscali che rendono utile aggiustare, piuttosto che gettare, determinati beni di consumo.

Cosa fare nel frattempo

Mentre aspettiamo che le aziende siano costrette a rimuovere gli ostacoli alla riparazione, puoi provare l'auto-riparazione tramite YouTube, che ospita una miriade di video per diversi tipi di elettrodomestici, spesso creati da venditori di ricambi, ma a volte anche realizzati da persone disponibili che vogliono dare potere agli altri. Puoi anche andare su iFixit, che include tutorial, forum per chiedere e rispondere a domande sulla riparazione elettronica e l'accesso ai manuali. Il video qui sopra è i dispositivi migliori e peggiori di iFixit del 2018, un servizio annuale che valuta la riparabilità di molti gadget.

E non dimenticare di lamentarti: ho chiamato Whirlpool e ho registrato la mia insoddisfazione per la loro politica, e ho anche twittato loro.

Dopotutto, non sto cercando di risparmiare solo quando aggiusto qualcosa da solo, ma sto anche facendo del mio meglio per evitare che cose utili finiscano in discarica. Come ha detto Coffey, "è assolutamente giusto che ci allontaniamo dall'essere una società usa e getta in modo da poter raggiungere il nostro obiettivo di lasciare il nostro ambiente in uno stato migliore per le generazioni future".