Perché gli alberi mantengono in vita un ceppo nelle vicinanze?

0
31

Questa immagine mostra il ceppo di albero Kauri dal nuovo studio.
(Foto: Sebastian Leuzinger / iScience)

Un ceppo di albero senza foglie non dovrebbe essere in grado di sopravvivere da solo. In una foresta della Nuova Zelanda, tuttavia, due ricercatori hanno recentemente trovato un moncone senza foglie che sfida la morte.

"Il mio collega Martin Bader e io ci siamo imbattuti in questo ceppo di albero kauri mentre stavamo facendo un'escursione a West Auckland", afferma Sebastian Leuzinger, professore della Auckland University of Technology, coautore di un nuovo studio sul moncone, in una dichiarazione. "Era strano, perché anche se il ceppo non aveva fogliame, era vivo."

Il moncone aveva del tessuto del callo che cresceva sulle ferite e produceva anche resina, segno di tessuto vivente. Anche se questo potrebbe lasciare un osservatore casuale che si sente … perplesso, Bader e Leuzinger sono ecologisti e hanno rapidamente capito cosa stava succedendo.

Questo moncherino non sopravviveva da solo; sopravviveva con l'aiuto degli alberi vicini.

Me la cavo con un piccolo aiuto dei miei amici

Alberi Kauri torreggiano dal suolo nella foresta di Waipoua sull'Isola del nord della Nuova Zelanda.
(Foto: riekephotos / Shutterstock)

Gli alberi in una foresta sono spesso collegati da vaste reti sotterranee di funghi simbiotici del suolo, la cui rete sotterranea aiuta gli alberi a scambiare sostanze nutritive e informazioni. Alberi della stessa specie a volte innestano anche fisicamente le loro radici insieme, offuscando il confine tra i singoli alberi al punto che un'intera foresta potrebbe essere considerata un "superorganismo", una specie di colonia di formiche.

Bader e Leuzinger decisero di indagare ulteriormente, sperando di gettare nuova luce sul rapporto di questo moncone con i suoi benefattori. Misurando il movimento dell'acqua, hanno trovato una forte correlazione negativa tra il flusso d'acqua nel ceppo e negli alberi circostanti della stessa specie (Agathis australis, una conifera nota come kauri). Ciò suggerisce che i loro sistemi di radici sono stati innestati insieme, il che può accadere quando un albero riconosce che il tessuto radicale vicino è abbastanza simile da stabilire uno scambio di risorse.

"Questo è diverso da come funzionano gli alberi normali, dove il flusso d'acqua è guidato dal potenziale idrico dell'atmosfera", dice Leuzinger in un comunicato stampa sullo studio. "In questo caso, il ceppo deve seguire quello che fanno gli altri alberi, perché non avendo foglie traspiranti, sfugge all'attrazione atmosferica".

Gli innesti di radici sono comuni tra alberi viventi della stessa specie e, sebbene possano essere più rari, sono stati trovati in precedenza a sostenere ceppi senza foglie. Il fenomeno fu segnalato per la prima volta nel 1833 per l'abete bianco europeo, notano i ricercatori, e da allora è stato documentato più volte. Tuttavia, si sono chiesti i dettagli della disposizione, in particolare cosa c'è dentro per gli alberi intatti.

"Per il moncone, i vantaggi sono evidenti: sarebbe morto senza gli innesti, perché non ha alcun tessuto verde proprio", dice Leuzinger. "Ma perché gli alberi verdi dovrebbero mantenere in vita il loro albero del nonno sul suolo della foresta mentre non sembra fornire nulla per i suoi alberi ospiti?"

Gli innesti di radice potrebbero essersi formati prima che questo albero diventasse un ceppo, permettendogli di vivere come un "pensionato" anche dopo che ha smesso di produrre carboidrati da solo, spiegano i ricercatori. Ma è anche possibile che si siano formati più di recente, perché indipendentemente da come è avvenuta la connessione, potrebbe comunque essere più reciprocamente vantaggioso di quanto sembri in superficie.

La radice della questione

Le felci crescono sul suolo della foresta sotto gli alberi kauri in Nuova Zelanda.
(Foto: Bildagentur Zoonar / Shutterstock)

Il collegamento con i vicini consente agli alberi di espandere i loro sistemi di radici, fornendo maggiore stabilità quando crescono su un pendio, il che potrebbe essere un vantaggio significativo per una specie nota per crescere più di 50 metri (164 piedi) di altezza. Il moncone può essere un'ombra del suo precedente essere fuori terra, ma presumibilmente ha ancora un sostanziale apparato radicale sotterraneo e può quindi offrire una certa stabilità aggiuntiva ai suoi vicini.

Inoltre, poiché una rete di radici combinata consente agli alberi di scambiare acqua e sostanze nutritive, un albero con scarso accesso all'acqua potrebbe aumentare le sue possibilità di sopravvivenza in una siccità ritirando l'acqua dalle radici condivise della comunità. Tuttavia, potrebbero esserci anche degli svantaggi, sottolineano i ricercatori, poiché potrebbe consentire la diffusione di malattie come il deperimento del kauri, un problema crescente per questa specie in Nuova Zelanda.

Leuzinger ha in programma di cercare altri monconi kauri in questo tipo di situazione, sperando di rivelare nuovi dettagli sui ruoli che interpretano. "Questo ha conseguenze di vasta portata per la nostra percezione degli alberi", dice. "Forse non abbiamo a che fare con gli alberi come individui, ma con la foresta come superorganismo".

Dice anche che sono necessarie ulteriori indagini sulle reti di root condivise in generale, soprattutto perché il cambiamento climatico mette alla prova l'adattabilità delle foreste in tutto il mondo.

"Questa è una richiesta per ulteriori ricerche in questo settore, in particolare in un clima che cambia e un rischio di siccità più frequenti e più gravi", aggiunge. "Questo cambia il modo in cui guardiamo alla sopravvivenza degli alberi e all'ecologia delle foreste".