Perché i genitori non dovrebbero essere gravati dal senso di colpa ambientale per avere figli

36

Se i residenti dei paesi ad alto reddito siano moralmente obbligati ad avere meno figli è un dibattito crescente nell’etica climatica. A causa dell’elevato impatto previsto del carbonio della futura crescita della popolazione, alcuni esperti di etica climatica esprimono sostegno a politiche di ingegneria demografica non coercitive come la riduzione dei crediti d’imposta per i bambini.

Questo dibattito ha attirato un’ampia attenzione pubblica, rendendo la pianificazione familiare una questione chiave nella prevenzione dei cambiamenti climatici.

Gran parte del dibattito è sostenuto da un influente studio statunitense pubblicato nel 2009 dalla Oregon State University. La premessa dello studio è che una persona è responsabile delle emissioni di carbonio dei propri discendenti, ponderate in base alla loro parentela. Un nonno è responsabile di un quarto di ciascuna delle emissioni dei propri nipoti e così via.

Avendo un figlio, inizia un ciclo di procreazione continua per molte generazioni. Le emissioni delle generazioni future sono incluse nell’eredità di carbonio dei loro antenati.

L’impatto del carbonio dei bambini

Sulla base di questa logica, gli autori hanno scoperto che avere un figlio aggiunge 9.441 tonnellate di anidride carbonica all’eredità di carbonio di ciascun genitore. Ciò equivale a più di cinque volte le emissioni di carbonio della propria vita. I potenziali risparmi derivanti da una riproduzione ridotta sono quindi notevoli.

Questo risultato è solitamente preso alla lettera sia nei dibattiti accademici che nelle discussioni popolari, mentre i suoi dettagli e le sue ipotesi sono raramente esaminati. Eppure il risultato è subordinato al presupposto che tutte le generazioni future emetteranno indefinitamente ai livelli del 2005, un presupposto che ora sembra essere fuori luogo.

Ad esempio, dal 2005 al 2019, prima che fossero soppresse artificialmente dalla pandemia di COVID, le emissioni pro capite degli Stati Uniti sono diminuite del 21%. Ed è probabile che cadano ulteriormente in futuro.

I grandi investimenti pubblici stanno accelerando la transizione verso la carbon neutrality. Il recente US Inflation Reduction Act ha stanziato 369 miliardi di dollari (£ 319) per combattere il cambiamento climatico.

Net zero è diventato anche un obiettivo legalmente vincolante in molti paesi. La legge europea sul clima, ad esempio, punta a zero emissioni nette di carbonio in tutta l’UE entro il 2050.

Riconsiderare l’impatto del carbonio dei bambini

Considerando questi sforzi, i presupposti centrali alla base dello studio devono essere rivisitati.

Utilizzando lo stesso ragionamento che ha prodotto grandi cifre sull’impatto del carbonio per la procreazione, suggeriamo invece che avere un figlio oggi potrebbe essere molto meno dannoso per l’ambiente di quanto ampiamente considerato.

Se i paesi ad alta emissione pro capite raggiungessero lo zero netto entro il 2050, un bambino nato in uno di questi paesi nel 2022 genererebbe emissioni solo fino all’età di 28 anni. Dopo il 2050, loro e i loro discendenti cesseranno di produrre emissioni aggiuntive. Sommando le loro emissioni nel corso della vita si ottiene quindi un’eredità di carbonio molto inferiore.

I bambini probabilmente causeranno molte meno emissioni rispetto al tasso pro capite del loro paese. Immagini di affari della scimmia/Shutterstock

Supponendo che le emissioni diminuiscano linearmente fino a zero fino al 2050 e che il bambino non si riproduca in quel periodo, un bambino nato nel 2022 aggiungerà sette anni di emissioni di carbonio all’impronta di carbonio della vita di ciascun genitore. Questo perché nei 28 anni fino al 2050, una diminuzione lineare può essere modellata come metà dell’importo totale in media (14 anni) con ciascun genitore responsabile della metà dell’impronta del proprio figlio (sette anni). Le generazioni successive aggiungono zero emissioni a questo importo.

La differenza tra questo scenario potenziale e lo scenario accettato di “emissioni costanti” è netta. Tuttavia, anche questo risultato molto più basso può ancora sopravvalutare l’impatto del carbonio di avere un figlio.

Questa cifra presuppone che un bambino provocherà emissioni aggiuntive al tasso pro capite del suo paese di residenza. Tuttavia, i bambini in genere si impegnano in meno attività ad alte emissioni rispetto a un adulto. Condividono una famiglia con i genitori e non guideranno la propria auto o non si recheranno al lavoro per gran parte del periodo prima del 2050.

Soprattutto nell’immediato futuro, dove le emissioni pro capite sono al massimo, un bambino probabilmente causerà molte meno emissioni rispetto alla media pro capite del proprio paese.

Gli impegni netti zero devono essere rispettati

Il perseguimento dello zero netto può ridurre notevolmente l’impatto climatico della gravidanza nei paesi con elevate emissioni di carbonio pro capite. Tuttavia, ciò rimane dipendente dall’adempimento di questo impegno.

I progressi verso lo zero netto sono balbuzienti, con l’attuale politica climatica in molti paesi in ritardo rispetto ai loro impegni.

Nonostante abbia una strategia netta zero, i progressi del Regno Unito verso la neutralità del carbonio sono stati limitati. Le emissioni del Regno Unito sono aumentate del 4% nel 2021 quando l’economia ha iniziato a riprendersi dalla pandemia e molti altri paesi ad alte emissioni pro capite si trovano in una situazione simile. Anche le nomine di gabinetto del primo ministro Liz Truss hanno sollevato dubbi sull’impegno del Regno Unito nei confronti degli obiettivi climatici.

Pertanto, la riduzione enfatica dell’impatto del carbonio della procreazione rimane distante, nonostante la nostra rivalutazione dello studio del 2008.

À lire aussi : ‘Troppo paura per avere figli’: come BirthStrike for Climate ha perso il controllo del suo messaggio politico

Come società, è in nostro potere metterci su un percorso credibile netto zero. Ciò significa anche respingere la tendenza popolare a ritenere che il cambiamento climatico debba essere affrontato da adattamenti dello stile di vita individuale, piuttosto che da cambiamenti istituzionali e strutturali. Se si raggiungesse lo zero netto, sarebbe possibile avere figli senza essere gravati dal senso di colpa ambientale.