Perché il mercato dei crediti "Blue Carbon" potrebbe essere sul punto di decollare

0
5

Al largo delle coste della Virginia, vasti prati di fanerogame ondeggiano nelle acque poco profonde. Negli ultimi due decenni, gli scienziati della conservazione hanno diffuso più di 70 milioni di semi nelle baie lì, ripristinando 3.600 ettari (9.000 acri) di un ecosistema devastato dalle malattie negli anni '30. Il lavoro ha riportato in auge eelgrass (Zostera marina), una specie chiave di volta che supporta crostacei, pesci e capesante, e ora assorbe l'equivalente di quasi mezza tonnellata di CO2 per ettaro all'anno.

Ora, la Virginia Nature Conservancy mira a trasformare quelle tonnellate in crediti di carbonio che può vendere in contanti.

Il programma, gestito dal Virginia Institute of Marine Science (VIMS) in collaborazione con Nature Conservancy, è il primo progetto di fanerogame al mondo a richiedere la certificazione del credito di carbonio con Verra, la non profit con sede a Washington, il più grande supervisore al mondo del credito di carbonio. progetti. "È la prova del concetto – questa è la parte importante qui", afferma Christopher Patrick, direttore del programma di monitoraggio e ripristino delle alghe VIMS. "Non cambieremo il clima globale con questo progetto. Ma possiamo dimostrare che è un approccio praticabile ".

In caso di successo, si unirà a una manciata di altri progetti di credito di carbonio blu in tutto il mondo, la stragrande maggioranza dei quali sono sforzi di ripristino delle mangrovie: un rivolo di blu che molti prevedono diventerà presto un'alluvione. Finora, Verra ha emesso un totale complessivo di poco meno di 970.000 crediti (che rappresentano 970.000 tonnellate di CO2 equivalenti) a progetti di carbonio blu. Ma i progetti di mangrovie stanno ora aumentando notevolmente di portata, con uno solo che mira ad assorbire milioni di tonnellate di CO2 equivalente all'anno. E gli scienziati stanno lavorando duramente per tenere conto del carbonio in altri tipi di ecosistemi – fanerogame marine, saline, alghe e sedimenti del fondo marino – in modo che anche loro possano entrare nel mercato.

Le regole per consentire a questi altri ecosistemi di rivendicare crediti sono nuove. Nel 2015, Verra ha pubblicato la sua prima metodologia per attribuire crediti al ripristino delle zone umide e delle fanerogame marine, ma solo lo scorso settembre Verra ha ampliato le sue regole per coprire la conservazione delle zone umide. È stato "un grosso problema", afferma Jennifer Howard, direttrice del cambiamento climatico marino per Conservation International. “Conosco almeno 20 progetti diversi in questo momento che stanno tutti cercando di svilupparsi e sul mercato nei prossimi due anni. Penso che assisteremo a una grande esplosione. "

Le aziende, inclusa Apple, sono state molto esplicite sui loro acquisti e progetti di blue carbon.

"Il mercato è piccolo ma in crescita esponenziale", concorda l'ecologo marino Oscar Serrano della Edith Cowan University di Perth, che ha contribuito a catalogare la capacità delle riserve di carbonio blu dell'Australia di mitigare il cambiamento climatico.

Amy Schmid, ecologa e responsabile dello sviluppo di soluzioni per il clima naturale per Verra, afferma: "c'è molta richiesta di crediti di carbonio blu". Le aziende del trasporto marittimo e del turismo sono desiderose di reinvestire i soldi per preservare i paesaggi su cui hanno un impatto, dice, compensando le proprie emissioni. E molti di questi progetti offrono storie win-win-win per le persone, la biodiversità e il carbonio, il che aumenta il prezzo che le organizzazioni possono ottenere per i loro crediti sul mercato aperto. Le aziende, tra cui MSC Crociere con sede a Ginevra e Apple, sono state molto esplicite sui loro acquisti e progetti di carbonio blu.

I crediti di carbonio esistono dalla fine degli anni '90; è stato a lungo possibile compensare, ad esempio, le emissioni del tuo matrimonio in California acquistando crediti di carbonio piantando alberi in Amazzonia. Insieme a Verra, altre organizzazioni non profit che sono sorte per scrivere il libro delle regole e tenere registri dei progetti di credito di carbonio includono il Gold Standard con sede a Ginevra e Plan Vivo con sede a Edimburgo.

Il mercato del carbonio in generale ha un passato a scacchi, con problemi che circondano il doppio conteggio dei tagli del carbonio, l'incapacità di incanalare il denaro verso le comunità locali o la creazione di danni collaterali perversi lungo la strada, come radere al suolo un raccolto per piantarne un altro per i crediti . Questi sono i problemi che le metodologie pubblicate da entità come Verra cercano di evitare. La Taskforce on Scaling Voluntary Carbon Markets, istituita lo scorso settembre, sta lavorando duramente per garantire che i futuri crediti di carbonio, compresi quelli blu, siano solidi. E gli esperti concordano sul fatto che sia le aziende che le nazioni devono lavorare sodo per decarbonizzare prima di passare a compensazioni per le loro emissioni rimanenti.

Una foresta di mangrovie sulla penisola di Leizhou, all'estremità meridionale della Cina.
Kyle Obermann

Ciò è particolarmente importante poiché il mercato per tutte le forme di crediti di carbonio è in rapida crescita. Più di 1.600 progetti registrati con Verra rappresentano 620 milioni di tonnellate di CO2 equivalente, sufficiente a contrastare le emissioni di circa 150 centrali a carbone, con scambi che rimangono forti nonostante la pandemia. Quando le parti della Convenzione delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici si incontreranno questo novembre a Glasgow, discuteranno il notoriamente spinoso articolo 6, che regola il modo in cui i paesi possono utilizzare i mercati del carbonio per raggiungere i loro obiettivi imposti dal governo. Questo dovrebbe aiutare a guidare e rafforzare il mercato volontario del credito di carbonio.

Il rapporto della Taskforce del gennaio 2021 ha concluso che la domanda di crediti di carbonio aumenterà probabilmente di un fattore 15 entro il 2030, rendendo il mercato del valore di $ 50 miliardi. I pianificatori del progetto Blue Carbon sperano di ottenere la loro fetta di quella torta. L'UNESCO, ad esempio, ha notato nel suo rapporto sul carbonio blu il mese scorso che i suoi 50 siti del patrimonio marino, che insieme rappresentano il 15% delle risorse di carbonio blu del pianeta, potrebbero finanziare almeno una parte del loro lavoro di conservazione rivendicando e vendendo crediti di carbonio.

Finora, tuttavia, gli sforzi basati sul mare sono rimasti indietro rispetto ai progetti di forestazione terrestre che offrono operazioni più facili, più economiche e su larga scala. Ma la capacità dell'oceano di tenere sotto controllo il riscaldamento globale – fornendo anche cibo, aumentando la biodiversità e proteggendo le coste locali da tempeste e maree – è enorme. "L'oceano è stato a lungo considerato una vittima del cambiamento climatico, ma è anche una parte importante della soluzione", afferma Enric Sala, esploratore del National Geographic residente, che studia il carbonio blu.

Finora tre tipi di ecosistemi marini hanno attirato la massima attenzione: paludi salmastre, mangrovie e fanerogame marine. Questi costituiscono solo una sottile linea blu sulle mappe globali, ma ciascuno sequestra più carbonio per ettaro all'anno rispetto alle foreste tropicali. Si stima che disturbare un ettaro di mangrovie, ad esempio, produca tanto emissioni quanto l'aratura da 3 a 5 ettari di foresta tropicale. Prevenire o invertire quella distruzione non è solo un bene per il pianeta, ma fornisce un sacco di soldi in termini di investimento, dice Howard.

Circa il 20% delle foreste di mangrovie del mondo è maturo per i progetti di carbonio blu.

Secondo un rapporto del 2019 dell'High Level Panel for a Sustainable Ocean Economy, proteggere e ripristinare questi ecosistemi a livello globale, insieme all'allevamento di alghe, potrebbe ridurre le emissioni fino a 1,4 miliardi di tonnellate di emissioni equivalenti di CO2 all'anno entro il 2050. Sono solo pochi punti percentuali. dei tagli totali che il pianeta deve fare per raggiungere lo zero netto entro il 2050. Ma per alcuni paesi è enorme. "Per l'Indonesia, fino al 20 per cento delle loro emissioni nazionali proviene dalle mangrovie", osserva Howard, poiché le mangrovie vengono convertite in acquacoltura e i loro pozzi di carbonio vengono persi.

Il restauro delle mangrovie è il tipo di progetto di credito di carbonio blu più studiato e più avanzato fino ad oggi. Una recente valutazione ha concluso che circa il 20% delle foreste di mangrovie del mondo sono mature per tali progetti e circa la metà di queste potrebbero essere protette in modo economico con prezzi economici del credito di carbonio di $ 5 per tonnellata o più.

Finora, solo una manciata di progetti sulle mangrovie sono in corso o in fase di sviluppo, tra cui Kenya, Senegal, Sumatra, Sunderbans dell'India e Colombia, così come un paio di aree marine protette in Madagascar e Kenya. La maggior parte mira a ridurre le emissioni da migliaia a centinaia di migliaia di tonnellate di CO2 equivalenti all'anno. Ma questi progetti stanno appena raggiungendo il loro ritmo.

"All'improvviso nell'ultimo anno siamo davvero passati da questi piccolissimi, pochissimi progetti a un vero e proprio ampliamento", afferma il geomorfologo costiero Steve Crooks con la società di consulenza Silvestrum Climate Associates con sede a San Francisco. Indica un enorme progetto che ha aiutato a riforestare più di 200.000 acri di mangrovie nel delta dell'Indo in Pakistan. Ha lo scopo di assorbire 2 milioni di tonnellate di CO2 equivalente all'anno, vendendo 1 milione di crediti nel 2021, afferma Crooks – una scala che "farà saltare altri progetti di carbonio blu fuori dall'acqua".

Le praterie di fanerogame, come questa al largo della costa di Timor-Leste, sono importanti pozzi del ciclo globale del carbonio.

Paul Hilton per Conservation International

Le fanerogame marine possono avere più potenziale di mitigazione del carbonio rispetto alle mangrovie semplicemente perché ce ne sono così tante e stanno rapidamente scomparendo a circa 2-7% all'anno. (Secondo l'High Level Panel, le fanerogame marine da sole potrebbero rappresentare la metà degli 1,4 miliardi di tonnellate di potenziale di mitigazione dei gas serra del carbonio blu.) Il progetto Virginia ha sperimentato gli sforzi per quantificare il carbonio assorbito dalle fanerogame marine, facendo il duro lavoro di monitoraggio sia la CO2 assorbita dagli impianti che le emissioni di altri gas serra come il metano. Nel 2020, i ricercatori hanno pubblicato un documento che mostrava che i crediti di carbonio generati da una parte del prato, 700 ettari a South Bay, dovrebbero compensare circa il 10% dei costi di ripristino di quel progetto di $ 800.000.

Il progetto Virginia è speciale, tuttavia, osserva il leader del progetto Patrick, perché quell'ecosistema non è stato degradato dai cambiamenti climatici o dall'inquinamento, rendendo più facile ripristinare con successo le erbe. "Molti restauri di fanerogame marine falliscono perché stai piantando erba o mettendo semi dove i fattori ambientali che hanno causato il collasso non sono stati risolti in primo luogo", dice. Anche se si spera che il progetto VIMS spianerà la strada ad altri programmi di fanerogame marine per guadagnare crediti, molti di questi altri progetti richiederanno probabilmente più lavoro e saranno più costosi. Per questi motivi, dice Howard, la conservazione potrebbe essere un obiettivo più facile per i progetti di credito delle fanerogame marine rispetto al restauro.

C'è anche ampio spazio per ripristinare e proteggere le paludi salmastre, soprattutto in Australia, che ospita circa un terzo delle paludi di marea del pianeta. Ma gli anni di dati richiesti sullo stoccaggio e il rilascio del carbonio non sono ancora arrivati, afferma Crooks. Un'intensa ricerca sulle zone umide condotta dal gruppo di lavoro sul carbonio blu della costa nord-occidentale del Pacifico ha dimostrato che sebbene questi paesaggi contengano molto carbonio, alcuni rilasciano naturalmente così tanto metano che i crediti di carbonio potrebbero non essere un'opzione finanziaria praticabile a lungo termine. Il monitoraggio di una zona umida implica molto "camminare attraverso molto fango e letame", afferma Schmid, e le emissioni di gas come il metano possono essere molto variabili da un punto all'altro e nel tempo, rendendo il monitoraggio oneroso.

Una grande scossa al movimento del credito di carbonio blu potrebbe verificarsi se si aprissero le porte a una nuova particolare fonte di carbonio: le alghe. Le alghe, come le enormi foreste di alghe in Australia, sono una delle principali riserve di carbonio blu minacciate in molte parti del mondo. Il gruppo di esperti ad alto livello ha evidenziato l'allevamento di alghe come un efficace mitigatore delle emissioni e un modo per produrre cibo sostenibile. Ma ci sono ancora dubbi su dove finisca esattamente tutto il carbonio degli allevamenti di alghe, dice Howard.

Se la scienza alla base della contabilità del carbonio regge, le alghe potrebbero essere aggiunte alle metodologie dei crediti di carbonio.

"Quanto cade sul fondo del mare, quanto viene mangiato dai pesci e quanto fanno la cacca, quanto carbonio viene spostato – semplicemente non lo sappiamo", dice. Verra sta osservando attivamente questo regno con interesse, dice Schmid; se la scienza alla base della contabilità del carbonio regge, le alghe potrebbero essere aggiunte alle metodologie del credito di carbonio dell'organizzazione no profit entro un paio d'anni. Crooks dice che sta aiutando a sviluppare un progetto di credito per l'agricoltura di alghe ora nella Columbia Britannica.

Anche i sedimenti ricchi di sostanze organiche sul fondo del mare sono contendenti per i crediti. Sala e colleghi stimano che i pescherecci che trascinano le reti lungo il fondo marino stiano sollevando 1,47 miliardi di tonnellate di CO2, circa quanto rilasciata oggi dall'industria aeronautica e oltre il potenziale di mitigazione di 1,4 miliardi di tonnellate di mangrovie, saline, praterie marine e l'allevamento di alghe combinato. La scienza su dove va questo carbonio è altamente incerta, dice Howard. Non è chiaro, ad esempio, se il carbonio sollevato dal fondo marino raggiunga l'aria o rimanga disciolto nell'acqua, rendendolo più acido.

Il mercato "legacy" del credito di carbonio è un vantaggio per il clima o solo una campagna pubblicitaria? Leggi di più.

Come i progetti di credito di carbonio a terra, i progetti di carbonio blu devono affrontare problemi, afferma Serrano. Molti di questi progetti sono costosi, osserva, il che rende difficile per i crediti di carbonio intaccare i costi del progetto. E garantire la permanenza degli stock di carbonio può essere difficile di fronte a tempeste o ondate di caldo marino.

I crediti di carbonio sono solo un modo per finanziare queste soluzioni basate sulla natura per il sequestro del carbonio; ci sono anche donazioni filantropiche e sovvenzioni o sussidi finanziati dal governo. Tuttavia, dice Howard, “il [carbon credit] il mercato è buono, perché il settore privato ha tutti i soldi. Abbiamo bisogno di finanziamenti sostenibili a lungo termine per portare avanti i nostri progetti ".

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui