Perché perforare il rifugio artico rilascerà una doppia dose di carbonio

0
25

Analisi

Nel rinnovato dibattito sulla perforazione nell'Artico National Wildlife Refuge, un preoccupante impatto dello sviluppo del petrolio è stato trascurato: interrompere la migrazione annuale dei caribù avrà un profondo effetto sul suolo e rilascerà ancora più gas serra nell'atmosfera.

Di Oswald Schmitz

18 febbraio 2021

Puoi sentirli arrivare molto prima di poterli vedere. È come un canto basso e ritmico. Il biologo della fauna selvatica Karsten Heuer lo descrive nel suo libro Being Caribou come un vibrante. È il suono prodotto collettivamente dai 150.000 o più membri della mandria di caribù Porcupine mentre si muovono in concerto verso la fine del loro viaggio di circa 1.500 miglia, la migrazione di mammiferi terrestri più lunga documentata al mondo.

Ogni primavera per almeno gli ultimi 23.000 anni, i membri di questo branco, dispersi nelle ampie distese dei loro terreni di svernamento nello Yukon del Canada, si sono riuniti come l'acqua che scorre lungo affluenti ramificati verso un'unica confluenza. Quella confluenza è un'area di 1,5 milioni di acri di pianura paludosa della tundra costiera, incastonata tra il versante nord del Brooks Range in Alaska e il Mare di Beaufort. I caribù conoscono questo posto come il loro terreno di parto estivo e di alimentazione. Lo conosciamo come Area 1002 all'interno del più grande Arctic National Wildlife Refuge (ANWR) di 19,2 milioni di acri.

Il mese scorso, nel suo ultimo giorno in carica, l'amministrazione Trump ha annunciato di aver messo all'asta nove contratti di locazione per lo sviluppo di petrolio e gas nell'Area 1002, culminando in decenni di contese sul futuro di questa pianura costiera. Il giorno successivo, il presidente Biden appena insediato ha imposto una moratoria su tutti i leasing di petrolio e gas nel rifugio, mettendo in dubbio la legalità dei contratti di locazione e citando la mancanza di una revisione richiesta degli impatti ambientali su questa regione selvaggia.

Sulla sua superficie, la tundra dell'Area 1002 senza alberi, con le sue dolci colline, piccoli laghi e fiumi intrecciati, offre una vista straordinaria. Porcupine caribou si trova in questo posto perché è un'oasi all'interno di un deserto artico altrimenti vasto e formidabile. In tarda primavera e in estate, l'Area 1002 è rigogliosa di erbe, carici, forbe e arbusti che nutrono le femmine di caribù che allattano. Fornisce inoltre rifugio dai predatori, che preferiscono gli habitat sulle pendici del Brooks Range, che altrimenti bancherebbero con decine di migliaia di vitelli caribù appena nati altamente vulnerabili.

Le stime indicano che da 10 a 20 libbre di carbonio per piede quadrato risiedono entro i 10 piedi più in alto del permafrost.

Sotto la superficie, scendendo da 4 a 5 miglia fino al suo seminterrato, c'è un'altra caratteristica sorprendente dell'Area 1002, una storia geologica scritta in strati su strati di roccia sedimentaria risalente da 300 a 400 milioni di anni al periodo Devoniano. È all'interno di questa geologia, e del suo rapporto con il caribù, che troviamo la storia di due atomi di carbonio.

L'unico tipo di carbonio, rinchiuso nella geologia del seminterrato, fa parte di un deposito che ha iniziato a formarsi 50 milioni di anni fa nell'Eocene, quando la materia organica morta delle alghe marine e delle prime piante e animali terrestri fu schiacciata dalla pressione della Terra per forma petrolio-carbonio. Questo processo è continuato per i successivi 40 milioni di anni per costituire una riserva che si stima contenesse tra 4,3 e 7,7 miliardi di barili di petrolio estraibile.

L'altro tipo di carbonio, rinchiuso come carbonio permafrost in un deposito spesso da 900 a 2.000 piedi appena sotto la superficie, iniziò a formarsi da decine a centinaia di migliaia di anni fa durante la tarda epoca del Pleistocene, e continua a crescere fino a questo giorno. Le stime indicano che da 10 a 20 libbre di carbonio per piede quadrato di superficie risiedono appena entro i 10 piedi più in alto di questo strato geologico, che ammonta al 75% del carbonio contenuto nel suolo del permafrost. Questo deposito di carbonio è costituito da materia organica morta – da radici, foglie di piante e animali – che esiste congelata in un'animazione sospesa. Questo perché per gran parte dell'anno il terreno ghiacciato consente la decomposizione microbica minima o nulla. E il caribù, una reliquia del Pleistocene, può aiutare a garantire che il permafrost-carbonio rimanga bloccato come conseguenza del loro pascolo.

Migrazione di caribù nella pianura costiera del Rifugio Artico.
Gary Braasch / National Wildlife Federation

I caribù iniziano a vagare ampiamente per l'Area 1002 entro poche settimane dal parto, una volta che i vitelli sono in grado di tenere il passo con i movimenti quotidiani delle loro madri di 10-12 miglia. Trascorrono l'estate da metà giugno all'inizio di agosto pascolando ampiamente. Le valutazioni attuali mostrano che questo pascolo estivo fornisce il nutrimento che è fondamentale per sostenere la salute e la persistenza a lungo termine della mandria di caribù Porcupine. Ciò che queste valutazioni non considerano, tuttavia, è come questo pascolo possa sostenere la persistenza a lungo termine del permafrost-carbonio.

Per salvare uno stile di vita, i difensori nativi spingono per proteggere il rifugio artico. Per saperne di più.

Nuovi studi in altre località in tutto l'Artico stanno dimostrando sempre più che il pascolo dei caribù può avere un effetto di feedback che raffredda il permafrost. Il pascolo dei caribù favorisce selettivamente il predominio per tutto l'anno di erbe, carici e cespugli sugli arbusti nella comunità vegetale. Senza il pascolo dei caribù, alti arbusti potrebbero iniziare a dominare il paesaggio. Gli arbusti più alti si innalzano al di sopra del manto nevoso e possono causare uno scioglimento precoce della neve e lo scongelamento del permafrost estivo modificando l'albedo superficiale in modi che rendono la tundra più propizia ad assorbire piuttosto che riflettere il calore del sole. Un permafrost in disgelo, a sua volta, rianima la decomposizione microbica della materia organica.

Tutto andrebbe bene qui, se non fosse per il fatto che dal 1987 vari interessi hanno chiesto l'autorizzazione per sbloccare tutto il petrolio-carbonio contenuto nella riserva sotto l'Area 1002, portando alla vendita da parte dell'amministrazione Trump di contratti di locazione di petrolio e gas. lo scorso mese. Ciò ha sollevato preoccupazioni sul destino di numerose specie di fauna selvatica che dipendono dall'Area 1002 durante l'estate, nonché sull'etica dell'impatto su un'area all'interno della più grande natura selvaggia del mondo.

Di particolare preoccupazione è il rischio valutato che la dimensione della popolazione della mandria di caribù Porcupine si schianta. I caribù sono molto sensibili alle attività e alle infrastrutture associate all'esplorazione e all'estrazione di petrolio e gas. I gruppi di conservazione temono che tale attività possa spingere i caribù ad abbandonare del tutto l'area 1002, portando alla perdita di accesso al nutrimento critico e al collasso della popolazione. I sostenitori dello sfruttamento ribattono che l'estrazione del petrolio può essere effettuata in modi che riducono al minimo il rischio di causare il declino della popolazione di caribù.

La questione chiave è cosa succede ai movimenti dei caribù e al suolo che rischia di sbloccarsi a causa del disgelo.

Ma entrambe le parti del dibattito tralasciano un punto importante. Anche se la dimensione della popolazione di caribù può essere sostenuta, la questione saliente è in definitiva cosa succede ai movimenti estivi dei caribù in tutta l'Area 1002 e al carbonio del suolo vicino alla superficie che rischia di essere sbloccato a causa dello scioglimento del permafrost.

Normalmente la decomposizione microbica nei terreni aerati rilascia CO2 nell'atmosfera. Se così fosse nell'Area 1002, la decomposizione dei 300-600 megatoni di carbonio contenuti nello strato spesso 3 metri attraverso l'intera Area 1002 potrebbe rilasciare da 1,1 a 2,2 gigatonnellate di CO2 nell'atmosfera. Ciò equivale a tra il 12 e il 25 per cento della CO2 che verrebbe rilasciata se i 4,4 miliardi di barili di petrolio scavati dalla geologia del seminterrato dell'Area 1002 dovessero essere bruciati. Tuttavia, le condizioni umide paludose, come quelle che si trovano nell'area 1002, sono anaerobiche. Di conseguenza, è molto probabile che la decomposizione microbica rilasci il carbonio come metano. Sebbene la massa di metano che verrebbe rilasciata sia un terzo della massa di CO2 e rimanga nell'atmosfera per un decimo del tempo rispetto alla CO2, il metano ha un effetto di intrappolamento del calore dei gas serra 85 volte più potente della CO2 un periodo di 20 anni. Le conseguenze climatiche a breve termine del metano rispetto all'accumulo di CO2 nell'atmosfera compensano ampiamente la minore quantità rilasciata e il tempo rimanente nell'atmosfera.

Nel 2017, l'amministrazione Trump ha ottenuto l'autorizzazione del Congresso per aprire l'Area 1002 per lo sviluppo di petrolio e gas e ha proceduto all'asta dei contratti di locazione a gennaio. Ma le compagnie petrolifere avevano scarso interesse a presentare offerte. Le ragioni includono preoccupazioni economiche per il petrolio a bassa domanda e disagio per il suo mercato futuro; incertezza circa la quantità esatta di petrolio estraibile che esiste effettivamente nell'area 1002; e gli alti costi dell'esplorazione petrolifera in un luogo così remoto. Le compagnie petrolifere hanno anche affrontato pressioni da parte di investitori e attivisti preoccupati per l'irresponsabilità di esacerbare la crisi climatica, così come l'opinione pubblica negativa che deriverebbe dal danno irreparabile che sarebbe stato inflitto a questo luogo iconico.

Un caribù si muove nell'erba del cotone nell'Arctic National Wildlife Refuge.
Danielle Brigida / Flickr

In assenza di offerte da parte delle compagnie petrolifere, la società di sviluppo economico di proprietà statale dell'Alaska si è mossa per riempire il vuoto. L'azione dello stato è stata stimolata dalle analisi costi-benefici del Servizio geologico degli Stati Uniti secondo cui l'estrazione di petrolio nell'area 1002 potrebbe essere un'impresa redditizia, portando benefici attraverso la creazione di posti di lavoro e le entrate fiscali. Lo Stato dell'Alaska intende ora intraprendere un'esplorazione sismica in tutta l'Area 1002 per individuare luoghi in cui la perforazione potrebbe essere redditizia, con l'intento di gettare le basi per attrarre l'industria in una data futura.

Ma l'analisi costi-benefici che ha informato la decisione dell'Alaska non ha considerato il costo sociale del carbonio, solitamente misurato come il valore in dollari del danno causato dall'emissione di una quantità fissa di CO2 nell'atmosfera. Tale costo potrebbe essere esacerbato se le attività sismiche rischiano il rilascio di permafrost-carbonio come metano alterando il movimento dei caribù e il pascolo. La contabilizzazione del costo in termini di metano rilasciato potrebbe far pendere in modo significativo l'equilibrio economico. Nel peggiore dei casi, il costo sociale aggiuntivo del riscaldamento globale causato dal metano potrebbe, nel corso della durata prevista di 30 anni dell'estrazione di petrolio nell'area 1002, spazzare via la maggior parte, se non la totalità, delle entrate fiscali previste dall'attività petrolifera allo stato.

Attualmente, il costo sociale esatto del carbonio, tenendo conto della potenza e della durata del metano rilasciato nell'atmosfera, rimane incerto. Questo perché le valutazioni del rischio ambientale non hanno valutato quanto sarà diffuso lo scongelamento del permafrost nell'area 1002 come conseguenza dello spostamento del movimento del caribù, né hanno determinato la velocità con cui lo strato superiore di 10 piedi di permafrost verrà decomposto. Tuttavia, l'attività di esplorazione preliminare vecchia di decenni nell'Area 1002 suggerirebbe, come minimo, che la spettacolare vista della natura selvaggia sarà alterata per le generazioni a venire.

Sulle terre pubbliche degli Stati Uniti, Biden può annullare ciò che Trump ha fatto? Per saperne di più.

Al di là delle analisi, rimane la domanda finale: questa impresa di 30 anni economicamente discutibile varrà le conseguenze ambientali durature per una natura selvaggia che ha richiesto da decine a centinaia di migliaia di anni per svilupparsi, per il bene di estrarre ciò che equivale a soddisfare il valore di un anno? della domanda di petrolio della nazione?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui