Perché tutti dobbiamo smettere di "ciclare i desideri"

0
4

Alcune cose non sarebbero mai dovute andare nel bidone blu.

Ho un bambino che è molto entusiasta del riciclaggio. Quando fa le pulizie, tutto ciò che non è rifiuto organico va nel bidone blu. Protesta con veemenza quando mi vede mettere certi tipi di imballaggi nella spazzatura e mi accusa di non preoccuparmi dell'ambiente quando ripesco i suoi oggetti smarriti.

Ciò ha portato a discussioni su ciò che è riciclabile e ciò che non lo è, e su come il sistema con cui stiamo lavorando sia difettoso. Mi ha anche fatto pensare al "riciclo dei desideri" o "ciclo dei desideri", come viene spesso chiamato. Questo è il desiderio di credere che certi oggetti siano riciclabili, anche quando non lo sono. Il Wishcycling è un problema serio, che Mother Jones ha descritto come "alimentare il crollo del riciclaggio globale" in un recente articolo, ed è qualcosa che tutti dobbiamo affrontare.

L'ironia è che, per riciclare di più, dobbiamo riciclare di meno – il che significa che dobbiamo smettere di intasare il flusso di riciclaggio con articoli non riciclabili, non importa quanto ci sentiamo bene a mandarli in un posto "buono". Le strutture per il recupero dei materiali (MRF) hanno un lavoro abbastanza difficile raccogliere, smistare, imballare e vendere beni riciclati in un mercato vacillante e non hanno bisogno dell'ulteriore grattacapo di dover gestire i rifiuti non utilizzabili. Da un articolo che ho scritto la scorsa estate sul problema della California con il wishcycling:

"Il direttore del programma di riciclaggio dello stato, Mark Oldfield, dice: 'È incredibile quello che la gente mette nei bidoni del riciclaggio. Pannolini sporchi. Stoviglie rotte. Vecchi tubi da giardino. Alcuni dei peggiori trasgressori sono vecchie batterie.' Molti degli articoli nei bidoni del riciclaggio sono contaminati da grasso, cibo, feci (sotto forma di giornali usati per rivestire le gabbie degli uccelli) e materiali misti, come buste di carta con finestre di plastica".

Meno smistamento viene fatto in casa, minore diventa il tasso di riciclaggio, a causa della contaminazione incrociata. Mescolando la carta con le lattine per bevande si ottiene carta bagnata, che non è riciclabile. Neanche i contenitori per alimenti in plastica non lavati, come la maionese e i barattoli di burro di arachidi, possono essere riciclati. E molti degli articoli che acquistiamo ogni giorno non sono mai stati progettati per essere riciclati, come sacchetti di plastica per la spesa, tubetti di dentifricio, imballaggi in plastica rigida, involucri di plastica, contenitori di plastica compostabili o biodegradabili e cartoncino.

È necessaria una standardizzazione più ampia, con Mother Jones che suggerisce di seguire l'esempio dell'Unione europea stabilendo "una politica nazionale che definisca ciò che è riciclabile piuttosto che lasciarlo ai comuni". (La provincia dell'Ontario, Canada, sta parlando di fare questo, oltre a rendere i produttori responsabili dell'intero ciclo di vita del loro imballaggio.) Ciò eliminerebbe gran parte della confusione per i cittadini e renderebbe più facile promuovere e spiegare attraverso i social media .

Ma mentre aspettiamo che il sistema migliori, il minimo che possiamo fare è stare attenti a ciò che viene gettato nel cestino blu, e questo significa resistere alla tentazione di riciclare qualsiasi cosa. Più facile e pulito rendiamo il lavoro degli MRF, più i nostri rifiuti possono essere riutilizzati.