Perché tutti i diritti umani dipendono da un ambiente sano

0
68

Le recenti rivelazioni sulla velocità e l'entità del declino della natura sono difficili da comprendere veramente. Da quando i dinosauri sono scomparsi 65 milioni di anni fa, la diversità e l'abbondanza della vita sulla Terra non sono precipitate così precipitosamente.

Per decenni, i governi hanno firmato trattati e si sono impegnati a porre fine ai danni alla nostra biosfera, in particolare la Convenzione del 1992 sulla diversità biologica. In retrospettiva, è una litania imbarazzante di retorica audace, azioni timide e promesse non mantenute.

Il recente Global Biodiversity Outlook-5 rivela che nessuno degli Aichi Biodiversity Target 2010, che fornivano alle nazioni gli obiettivi per la protezione di specie e habitat, è stato raggiunto entro il 2020.

Tuttavia, tutti i diritti umani dipendono in ultima analisi da una biosfera sana. Tra i diritti umani minacciati e violati dal degrado dell'ecosistema e dal declino della biodiversità ci sono i diritti alla vita, alla salute, al cibo, a un ambiente sano, all'acqua, a un livello di vita adeguato e alla cultura.

Ecosistemi sani salvano vite

Senza ecosistemi funzionanti, che dipendono da una sana biodiversità, non ci sarebbe aria pulita da respirare, acqua potabile da bere o cibo nutriente da mangiare. Ecosistemi sani regolano anche il clima della Terra, filtrano l'aria e l'acqua, riciclano i nutrienti e mitigano l'impatto dei disastri naturali.

À lire aussi:
Come le nostre scelte alimentari riducono le foreste e ci avvicinano ai virus

Forse l'esempio più evidente è COVID-19, una pandemia che ha causato più di un milione di morti ed è l'ultima malattia infettiva emergente a diffondersi negli esseri umani da un'altra specie. Aumentano le prove che il rischio crescente di queste malattie è causato da azioni umane che danneggiano gli ecosistemi e la biodiversità.

Il ciclone Kenneth ha colpito l'isola di Ibo, Mozambico, nel maggio 2019, appiattendo le comunità e contaminando i pozzi di acqua potabile.
(Foto AP / Tsvangirayi Mukwazhi)

Ecosistemi sani forniscono un cuscinetto contro le malattie infettive emergenti, salvaguardando il diritto alla salute. Le comunità protette da ecosistemi di mangrovie sani hanno meno probabilità di subire morti causate dai cicloni, tutelando il diritto alla vita. Insetti, pipistrelli e uccelli impollinano oltre il 75% dei raccolti, essenziale per il rispetto del diritto al cibo.

Il ruolo vitale per i diritti umani

Gli avvertimenti degli scienziati non sono mai stati più gravi o più chiari. Il gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici e la piattaforma intergovernativa di politica scientifica sulla biodiversità e i servizi ecosistemici chiedono cambiamenti rapidi, sistemici e trasformativi per affrontare la crisi ambientale globale.

Ecco perché c'è un ruolo fondamentale per i diritti umani. Storicamente, i diritti sono serviti da catalizzatori per trasformazioni sociali, inclusa l'abolizione della schiavitù, l'uguaglianza per le donne e la fine dell'apartheid. I diritti vengono impiegati strategicamente dalle popolazioni indigene, dalle persone LGBTQ + e dalle persone con disabilità per ridurre la discriminazione, aumentare le opportunità e migliorare la loro qualità di vita. Non è mai facile, ma i diritti umani hanno indubbiamente innescato cambiamenti trasformativi positivi.

I diritti vengono utilizzati sempre più negli sforzi per affrontare l'emergenza ambientale planetaria. L'anno scorso la Corte Suprema dei Paesi Bassi, nel caso Urgenda, ha stabilito che il governo olandese ha violato i diritti dei suoi cittadini ai sensi della Convenzione europea dei diritti dell'uomo non intraprendendo azioni sufficientemente ambiziose per ridurre le emissioni di gas serra. La corte ha ordinato al governo di effettuare tagli delle emissioni più rapidi e profondi.

À lire aussi:
Cosa significa per il Canada una decisione della Corte Suprema olandese sui cambiamenti climatici e sui diritti umani

Casi simili stanno spuntando in tutto il mondo. Gli abitanti delle isole dello Stretto di Torres hanno intentato una causa contro l'Australia presso il Comitato per i diritti umani delle Nazioni Unite, sostenendo che il record abissale dell'Australia sul cambiamento climatico viola i loro diritti alla vita, alla salute e alla cultura. Greta Thunberg e altri 15 giovani hanno presentato un caso simile al Comitato delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia, affermando che un'azione inadeguata per il clima viola i loro diritti.

Il diritto a un ambiente sano

Un altro sviluppo incoraggiante è l'emergere del diritto a vivere in un ambiente sano e sostenibile. Il Portogallo e la Spagna furono i primi paesi a porre questo diritto nelle loro costituzioni, rispettivamente nel 1976 e nel 1978. Il diritto a un ambiente sano è apparso per la prima volta nei trattati regionali sui diritti umani con la Carta africana dei diritti dell'uomo e delle persone nel 1981 e il Protocollo di San Salvador alla Convenzione americana sui diritti umani nel 1988.

Oggi, il diritto a un ambiente sano è riconosciuto da oltre l'80% degli Stati membri dell'ONU (156 su 193). Il Canada e gli Stati Uniti non lo fanno, sebbene alcune province, territori e stati riconoscano il diritto a un ambiente sano nella loro legislazione o costituzione.

Nei paesi in cui lo Stato di diritto è in buona forma, il diritto a un ambiente sano ha portato a leggi e politiche ambientali più rigorose, livelli più elevati di partecipazione pubblica al processo decisionale in materia ambientale e, soprattutto, a migliori prestazioni ambientali.

La terra recentemente bruciata e disboscata dagli allevatori di bestiame è vuota vicino a Canutama nello stato di Amazonas, Brasile, 2 settembre 2019.
(AP Photo / Andre Penner)

La Corte Suprema della Colombia ha emesso una decisione di importanza mondiale che affronta sia l'emergenza climatica che la crisi della natura. In risposta a una causa intentata da 25 bambini e giovani, il tribunale ha stabilito che la deforestazione nella parte colombiana della foresta pluviale amazzonica viola il loro diritto a un ambiente sano. Il tribunale ha ordinato al governo di incontrare i giovani e scienziati di spicco per sviluppare un piano per porre fine rapidamente alla deforestazione.

Non è troppo tardi, ma il tempo stringe

Con COVID-19, l'umanità sta pagando un prezzo terribile per aver ignorato gli avvertimenti degli scienziati. Non dobbiamo ripetere lo stesso errore.

Gli Stati devono adottare un approccio basato sui diritti per un'azione urgente in quattro aree chiave e correlate:

  • adottando piani di ripresa economica carbon neutral e nature positive,
  • mirare ai fattori chiave delle malattie zoonotiche,
  • misure di espansione per proteggere e conservare la natura,
  • nel rispetto dei diritti delle popolazioni indigene, delle comunità rurali e locali.

Se non utilizziamo un approccio basato sui diritti per proteggere la biosfera, le generazioni future vivranno in un mondo ecologicamente impoverito, privato dei contributi fondamentali della natura al benessere umano, devastato da pandemie sempre più frequenti e lacerato da ingiustizie ambientali sempre più profonde.

Se poniamo i diritti umani e la natura al centro dello sviluppo sostenibile, gli esseri umani potrebbero raggiungere un futuro giusto e sostenibile in cui le persone vivano una vita felice, sana e appagante in armonia con la natura su questo bellissimo ma assediato pianeta blu-verde.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui