Perché una grafica accattivante è fondamentale per affrontare il cambiamento climatico

5

Come molte persone, il primo grafico che ho visto che spiegava il cambiamento climatico era in un libro di testo scolastico di geografia. Ha mostrato la curva a "mazza da hockey" della temperatura della superficie terrestre nel tempo, che è diventata uno dei grafici a linee più riconoscibili al mondo.

Nonostante fluttuazioni relativamente minori, la linea sul grafico che rappresenta la temperatura superficiale globale rimane quasi orizzontale per secoli, prima di inclinarsi improvvisamente a una traiettoria quasi verticale negli ultimi 50 anni. Dal 1970 il tasso di aumento della temperatura globale ha raggiunto un livello senza precedenti di 1,7°C per secolo.

Una sfida per comprendere le informazioni contenute in questo grafico della mazza da hockey – e questo è un dono per i negazionisti del cambiamento climatico – è l'inclusione della lanugine grigia dei "dati di incertezza": punti di dati periferici che possono essere scelti con cura per sollevare dubbi su la massa di prove a sostegno di una tendenza generale al riscaldamento.

Riscaldamento globale della superficie: la mazza da hockey

Variazioni della temperatura superficiale globale ricostruite (tra 1-2000) e osservate (tra 1850-2020).
IPCC 2021

L'incertezza è una cosa complessa da comunicare in un unico grafico. Nel 2018 lo scienziato del clima con sede nel Regno Unito Ed Hawkins ha scelto di ometterlo del tutto quando ha presentato la sua grafica "strisce riscaldanti" per aiutare a visualizzare chiaramente le tendenze chiave nei dati climatici. Hawkins ha spiegato che le strisce di riscaldamento sono state progettate per rimuovere tutte le informazioni superflue, lasciando solo le innegabili prove scientifiche di un mondo in costante riscaldamento.

Il cambiamento climatico nelle strisce di riscaldamento

Wikimedia

Se fare i conti con tutti i dati e la complessità della mazza da hockey richiedeva una lunga lettura, le strisce climatiche di Hawkins ci danno il titolo. Le strisce sono ormai un fenomeno globale, essendo apparse sui risvolti dei senatori statunitensi, sulle cravatte dei presentatori meteorologici televisivi e sulla copertina di The Economist.

Mentre le richieste di cambiamento si fanno più forti alla luce dell'ultimo rapporto dell'IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change) e in vista della conferenza COP26 di Glasgow questo novembre, è tempo di concentrarsi su come la visualizzazione dei dati può aiutare le persone a cogliere le sfide che ci attendono .

Il potere delle mappe

Un equivoco sulla crisi climatica è che il riscaldamento sarà uniforme in tutto il mondo. I negazionisti citano i fronti freddi o le bufere di neve come prova che il riscaldamento è esagerato, o si rifanno alle ondate di caldo passate, come quella sperimentata dal Regno Unito nel 1976 quando le temperature hanno superato i 35 °C, come prova che gli scienziati si sono sbagliati.

A parte questa fuorviante fusione di condizioni meteorologiche (condizioni quotidiane) e clima (condizioni a lungo termine), questo tipo di argomento non coglie il complesso mosaico di effetti che interagiscono per creare ciò che viene riportato nelle cifre del titolo.

Le mappe possono essere un'arma inestimabile contro questo malinteso. Per la prima volta, l'IPCC ha rilasciato un "atlante interattivo" con il suo ultimo rapporto, che consente al pubblico di scorrere e ingrandire i dati stessi. Ma se provi l'atlante dell'IPCC, puoi vedere come sia difficile catturare la complessità per un pubblico specializzato mantenendo la semplicità per un pubblico globale.

È improbabile che la maggior parte degli utenti interagisca strettamente con set di dati torreggianti denominati "CMIP5" o "APHRODITE" o con la massa di codice che costituisce il repository IPCC-WG1 su Github. Sebbene sia un passo nella giusta direzione, ciò che serve sono visualizzazioni più universalmente accessibili che siano in grado di mostrare dove stiamo andando senza mezzi termini.

Con questo in mente, quando ho deciso di mappare il riscaldamento globale per un nuovo libro intitolato Atlas of the Invisible, il mio co-autore Oliver Uberti ed io abbiamo scelto di combinare le lezioni più importanti delle strisce del riscaldamento con le complessità del contesto geografico.

Questa proiezione dal nome intrigante "Peirce quincuncial", che puoi vedere di seguito, è un tipo di mappa 2D che appiattisce la Terra in una griglia di 130 mini mappe chiamate tessere. Come tutte le proiezioni, non è una rappresentazione perfetta della Terra 3D, poiché alcune aree sono allungate più di altre. Ma ci consente di creare una serie di tessere che rappresentano il pianeta in ogni anno dal 1890 al 2019, colorato da come e dove le temperature hanno deviato da una linea di base affidabile misurata tra il 1961 e il 1990. Le aree blu rappresentano anomalie di temperatura tra -2°C e 0° C, mentre le aree rosse rappresentano anomalie tra 0°C e 3°C e il grigio rappresenta dati insufficienti.

Mappa del gradiente termico

Questa visualizzazione dei dati descrive la tendenza al riscaldamento in tutto il mondo, dal libro in uscita Atlas of the Invisible.
Autore fornito

La lettura delle immagini da sinistra a destra rivela che mentre ondate di caldo e ondate di freddo punteggiano la griglia, le piastrelle che rappresentano il secolo in corso sono sempre più piene di toni caldi. Ad esempio, confronta le poche macchie rosa nel 1976, quando il Regno Unito ha vissuto la sua famosa ondata di caldo, con gli anni successivi nel 2006 e nel 2016, quando le tonalità rubiconde hanno attraversato il mondo. In effetti, i dieci anni più caldi mai registrati si sono verificati dal 2005.

Mappa del gradiente termico: anni specifici

Una visualizzazione dell'aumento delle temperature globali dal 1976 al 2016.
MET Office Hadley Center Hadcrut 4.6

È ora di pensare locale

Quando gli obiettivi di mitigazione mirano a mantenere l'aumento globale della temperatura globale a una media inferiore a 1,5 o 2°C, abbiamo bisogno di visualizzazioni dei dati per ricordarci che possono ancora esserci grandi variazioni locali anche quando tali obiettivi vengono raggiunti, con il riscaldamento che crea drastici e condizioni spesso devastanti per chi vive nelle zone colpite.

Il riscaldamento generalizzato influenzerà inevitabilmente alcuni luoghi molto peggio di altri, causando effetti a catena come l'innalzamento del livello del mare e le tempeste in diverse aree. Per prova, guarda l'ondata di caldo estiva del 2021 sperimentata da molte parti d'Europa ma sfuggita al Regno Unito, la "cupola di calore" che ha bruciato la Columbia Britannica a giugno, o l'Artico, dove le temperature stanno aumentando al doppio del tasso globale.

Anche all'interno delle città, le condizioni possono variare da quartiere a quartiere. Negli Stati Uniti, il riscaldamento globale sta aggravando l'eredità delle politiche abitative razziste attuate attraverso un processo noto come redlining. Questo ha valutato il "rischio di investimento" delle aree urbane, condannando molti quartieri neri a un rating "pericoloso" e quindi a infrastrutture ridotte e aumento della povertà.

Come ha sapientemente mappato il New York Times, tali aree hanno visto una mancanza di investimenti in – tra le altre cose – spazi verdi e alberi stradali. Ciò ha portato ad alcuni quartieri storicamente contrassegnati da righe rosse che soffrono di estati fino a 7 ° C più calde rispetto alle loro controparti senza righe rosse.

Le mappe rivelano queste ingiustizie sociali anche nel Regno Unito. Le autorità locali sono sotto pressione per chiudere un occhio sulle mappe del rischio di alluvioni al fine di consentire la costruzione di migliaia di case "economiche" per quelle a prezzi più alti.

Il potere delle mappe risiede nella loro capacità di mostrarci contemporaneamente che con l'aumento delle temperature medie globali, le condizioni locali minacciano di diventare sempre più estreme. Ora dobbiamo sfruttare meglio quel potere per ispirare l'azione.