Potremmo alimentare le famiglie con gli scarti nei nostri cestini dei rifiuti alimentari: ecco cosa ci sta fermando

0
5

Immagina di poter alimentare il tuo bollitore utilizzando l'energia generata dai ritagli di verdura che si abbattono silenziosamente nel bidone del compost della tua cucina. Questa realtà potrebbe non essere così lontana con la crescita della tecnologia del biogas.

Puoi ascoltare altri articoli da The Conversation, narrati da Noa, qui.

Il biogas è un'alternativa verde ai combustibili fossili che non solo aiuta a ridurre le emissioni tossiche, ma fornisce anche energia pulita a basso costo. È costituito da una miscela di metano, anidride carbonica e un po' di idrogeno solforato e vapore acqueo, il tutto prodotto da microbi che vivono su materia prima organica all'interno di un contenitore ermetico del digestore.

L'efficienza del sistema dipende dalle dimensioni e dalla capacità di isolamento del digestore, nonché dalla quantità di metano prodotto dalla "materia prima", che può essere qualsiasi cosa, dalle foglie di carota e bucce di cipolla ai residui del giardinaggio.

Il biogas è “verde” perché riduce il rilascio di gas serra nell'atmosfera dovuti alla decomposizione dei rifiuti alimentari. Questi gas vengono invece immagazzinati e utilizzati per generare calore ed elettricità, rendendo più sostenibile l'energia prodotta dai rifiuti.

Tuttavia, anche se da alcuni anni il biogas è stato promosso come un modo per contribuire a ridurre le emissioni di carbonio – ed è stato effettivamente utilizzato per alimentare le famiglie fin dal X secolo a.C. (per riscaldare l'acqua dei bagni in Medio Oriente) – è ancora ha rappresentato solo lo 0,004% circa del consumo totale di gas dell'UE nel 2019. Allora perché l'assorbimento è così basso e cosa si può fare al riguardo?

Digestori in pratica

I microdigestori (da due a dieci metri cubi) possono alimentare i singoli sistemi domestici fino a 12 ore al giorno, mentre i digestori di grandi dimensioni da 50 metri cubi possono essere collegati alla rete del gas locale per supportare le comunità fino a 250 ore.

Lo schema seguente mostra come funzionano solitamente questi sistemi: il tubo nella parte superiore dell'immagine normalmente porterebbe a un serbatoio di gas comunitario o a un elettrodomestico.

Come funzionano in pratica

Wikimedia

Un esempio di un innovativo sistema di biogas su piccola scala è il micro-digestore metanogeno. Ce n'è uno in esecuzione presso l'orto comunitario di Calthorpe, un centro comunitario urbano multifunzionale a Islington, a Londra. L'unità si trova in un capannone riutilizzato accanto ad un orto. L'energia, generata dal cibo e dai rifiuti del giardino delle case circostanti, viene fornita al piano cottura della cucina del centro attraverso un tubo.

Il digestore è gestito da volontari della comunità, la cui missione è migliorare il benessere fisico ed emotivo dei residenti che vivono nelle aree circostanti il ​​centro incoraggiandoli a coltivare cibo e trascorrere più tempo nella natura.

Un micro-digestore al Calthorpe Community Garden di Londra.
Progetto LEAP

Un'iniziativa ancora più ambiziosa è in corso sull'isola svedese di Gotland, dove è stato creato un eco-villaggio, Suderbyn, utilizzando materiali a zero emissioni di carbonio. È stato installato un digestore gestito dalla comunità per creare calore utilizzando cibo e rifiuti agricoli della comunità. Ispirati dal successo di Suderbyn, siti simili sono stati lanciati nel Regno Unito a Hockerton, vicino a Nottingham, e a Grimsby.

Il problema dell'assorbimento

Ma perché non nascono più digestori? La nostra ricerca si è prefissata di comprendere le sfide responsabili della lenta diffusione di questa tecnologia.

Per comprendere meglio l'atteggiamento delle persone nei confronti del biogas, abbiamo condotto uno studio sulla produzione comunitaria di biogas in Europa. La nostra ricerca, condotta attraverso interviste e workshop di consultazione, ha scoperto che uno degli ostacoli all'arresto dell'uso del biogas era il pregiudizio derivante dalla scarsa comprensione del pubblico della tecnologia e dei suoi benefici.

Le persone con cui abbiamo parlato erano preoccupate che i digestori locali avrebbero prodotto un cattivo odore o che il loro aspetto industriale avrebbe rovinato il paesaggio. In effetti, molti digestori sono piuttosto piccoli e produrrebbero odori solo se il sistema si guastasse.

Altri ostacoli includono la mancanza di competenze tecniche nella costruzione o manutenzione dei digestori, la mancanza di incentivi per attirare le imprese locali e l'alto costo del digestore, che, a seconda delle sue dimensioni, può costare tra £ 12.000 e £ 158.000.

Per questo motivo, l'assistenza del governo locale sarà cruciale per portare il biogas alle masse. Dovrebbero aiutare a sostenere i costi finanziari o fornire denaro iniziale ai gruppi interessati alla creazione di sistemi di biogas. I comuni dovranno anche facilitare la raccolta, la movimentazione, il trasporto e lo stoccaggio di cibo e rifiuti di giardino, che di solito avviene settimanalmente; e affrontare ostacoli come l'organizzazione del permesso di pianificazione per digestori più grandi.

Anche l'impegno della comunità in progetti come questo è vitale. Le iniziative sul biogas, specialmente quelle più grandi, possono diventare un successo solo quando c'è fiducia e cooperazione tra i membri della comunità che gestiranno il sistema e ne condivideranno il bottino. Sia una comunità motivata che politiche locali di supporto sono ingredienti necessari per far prosperare un progetto di biogas.

L'utilizzo del biogas per generare energia rinnovabile ha il potenziale per accelerare significativamente la decarbonizzazione, riducendo la produzione di carbonio di un paese, contribuendo a rendere la catena di approvvigionamento energetico più sostenibile a lungo termine. Ma senza il sostegno del governo, il futuro del biogas rimane incerto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui