quanti libri sulla crisi climatica ci vorranno per salvare il pianeta?

0
58

È di nuovo quel periodo dell'anno. Opuscoli ed e-mail spruzza un raccolto eccezionale di nuovi libri sulla crisi climatica.

Goodreads

Questa volta ci sono dei grandi nomi: How to Evitare un Disastro Climatico di Bill Gates, Climate Crisis and the Global New Deal di Noam Chomsky e Robert Pollin, All We Can Save di Ayana Elizabeth Johnson e Katharine K. Wilkinson, What Can I Fare? La verità sul cambiamento climatico e come risolverlo di Jane Fonda, nonché nuovi sforzi di David Attenborough e Tim Flannery.

La marea di nuovi libri in arrivo mi fa riflettere e chiedermi se scrivere ancora più libri sui cambiamenti climatici sia una perdita di tempo prezioso. Quando l'ONU chiede ai governi di agire per raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2050, i libri stanno solo predicando ai convertiti? La mia risposta è no, ma questo non significa che pubblicare, acquistare o leggere più libri è la risposta alla nostra emergenza climatica in questo momento.

À lire aussi:
Saggio del venerdì: pensare come un pianeta – crisi ambientale e scienze umane

Decenni di libri

Ad aprile, nel 50 ° anniversario della Giornata della Terra, il New York Times ha detto ai lettori che questo potrebbe essere l'anno in cui avranno finalmente letto sul cambiamento climatico. Ma molti l'hanno già fatto.

I primi titoli risalgono al 1989: The Greenhouse Effect, Living in a Warmer Australia di Ann Henderson-Sellers e Russell Blong; il mio contributo, Living in the Greenhouse, e il primo libro rivolto al pubblico statunitense, The End of Nature di Bill McKibben.

Goodreads

La scienza si stava ancora sviluppando allora. Sapevamo che l'attività umana stava aumentando la concentrazione atmosferica di gas serra come l'anidride carbonica e il metano. Anche i cambiamenti climatici misurabili erano evidenti: più giornate molto calde, meno notti molto fredde, cambiamenti nell'andamento delle precipitazioni.

La conferenza di Villach del 1985 era culminata in una dichiarazione concordata che avvertiva che poteva esserci un collegamento, ma scienziati cauti dicevano che erano necessarie ulteriori ricerche prima di poter essere sicuri che i cambiamenti avessero una causa umana. C'erano teorie alternative credibili: l'energia del Sole potrebbe cambiare, potrebbero esserci cambiamenti nell'orbita terrestre, potrebbero esserci fattori naturali che non avevamo riconosciuto.

A metà degli anni '90, il dibattito nella comunità scientifica era sostanzialmente terminato. Oggi c'è a malapena una manciata di scienziati del clima credibili che non accettano le prove che l'attività umana abbia causato i cambiamenti che stiamo vedendo. Le dichiarazioni concordate del Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici, l'IPCC, hanno portato all'adozione del protocollo di Kyoto nel 1997.

E così, con l'aumentare dell'urgenza avvertita dagli scienziati, furono pubblicati altri libri.

Il libro di Al Gore, ex vicepresidente degli Stati Uniti e Premio Nobel 2007, Our Choice: A Plan to Solve the Climate Crisis è stato pubblicato per la prima volta nel 2008 e da allora è stato pubblicato in 20 edizioni. Ci sono stati libri più che sufficienti per fornire un elenco dei 100 migliori titoli più venduti sull'argomento, consigliati da artisti del calibro di Elon Musk e stimati scienziati e commentatori del clima. Quelli che ho acquisito riempiono un intero scaffale di libreria: dozzine di titoli che descrivono il problema, fanno previsioni disastrose, invitano all'azione.

La predicazione ai convertiti potrebbe non essere una cosa così cattiva.
Becca Tapert / Unsplash, CC BY

À lire aussi:
'La Terra stava morendo. Ucciso dalla ricerca del denaro ", rileggendo Stark di Ben Elton come profezia

Fatti non parole

Il nuovo lotto di libri rischia di diffondere più disperazione? Se i libri precedenti non hanno cambiato la nostra traiettoria climatica, allora che senso ha far sentire ai lettori che la causa è senza speranza e che un futuro tetro è inevitabile?

Goodreads

No. Scrivere più libri non è una perdita di tempo, ma al momento non dovrebbero nemmeno essere una priorità assoluta. Lo scopo di scrivere un libro è riassumere ciò che sappiamo sul problema e identificare modi credibili per andare avanti.

Questi erano i miei obiettivi quando ho scritto Living in the Greenhouse nel 1989 e Living in the Hothouse nel 2005. Lo scopo principale del primo libro era quello di attirare l'attenzione su un problema che era in gran parte non riconosciuto, cercando di informare e persuadere i lettori che dovevamo agire. Con l'uscita del secondo libro, l'obiettivo era di contrastare lo tsunami di disinformazione scatenato dall'industria dei combustibili fossili, dalle istituzioni conservatrici e dalla stampa di Murdoch. Rupert Murdoch ha parlato all'AGM di News Corp questa settimana, sostenendo: "Non neghiamo il cambiamento climatico, non siamo negazionisti".

Ma ci sono due ragioni per cui non sto lavorando a un terzo libro in questo momento.

Il primo è il tempo. Se iniziassi a scrivere oggi, l'anno prossimo sarebbe tardi prima che il libro sarebbe nei negozi. Non possiamo permetterci un altro anno di inattività. Ancora più importante, l'inazione del nostro governo nazionale non è il risultato di una mancanza di conoscenza.

Il 9 novembre, il capo delle Nazioni Unite António Guterres ha affermato che il mondo non è ancora all'altezza della leadership necessaria per raggiungere le emissioni nette di carbonio zero entro il 2050:

Il nostro obiettivo è limitare l'aumento della temperatura a 1,5 gradi Celsius sopra i livelli preindustriali. Oggi siamo ancora diretti verso almeno tre gradi.

Alcuni credono che l'inazione sia spiegata dalla corruzione della nostra politica con le donazioni dell'industria dei combustibili fossili. Altri vedono un conflitto fondamentale tra l'azione concertata necessaria e le ideologie dominanti dei partiti di governo. Rendere i decisori più informati sulla scienza non risolverà nessuno di questi problemi.

Potrebbero essere risolti, tuttavia, dall'evidenza che una maggioranza crescente di elettori desidera vedere un'azione per rallentare il cambiamento climatico.

E la pandemia COVID-19 ha concentrato, piuttosto che distratto, la comunità sui rischi del cambiamento climatico. Un recente sondaggio del Boston Consulting Group su 3.000 persone in otto paesi ha rilevato che circa il 70% degli intervistati è ora più consapevole dei rischi del cambiamento climatico rispetto a prima della pandemia. Tre quarti affermano che rallentare il cambiamento climatico è importante quanto proteggere la comunità dal COVID-19.

La crescente consapevolezza e il senso di urgenza sono supportati da un altro recente studio che esamina il comportamento di ricerca su Internet in 20 paesi europei. I ricercatori hanno trovato segni di crescente sostegno per un programma di recupero post-COVID che enfatizza la sostenibilità.

I libri hanno anche istruito i giovani lettori sull'emergenza climatica.
Shutterstock

À lire aussi:
Perché non ha senso economico ignorare il cambiamento climatico nella nostra ripresa dalla pandemia

Il cambiamento sta avvenendo, è necessario di più

Tuttavia, predicare ai convertiti non è necessariamente una cosa negativa. Potrebbe aver bisogno che gli venga ricordato perché sono stati persuasi che l'azione è necessaria, o hanno bisogno di aiuto per contrastare le mezze verità e le bugie sfacciate che vengono spacciate nel dibattito pubblico. I libri possono compiere questa missione. Così posso parlare ai gruppi della comunità, cosa che faccio regolarmente.

Dico al pubblico che l'urgente priorità ora è trasformare in azione la conoscenza che abbiamo sugli impatti accelerati dei cambiamenti climatici e sulle risposte economicamente valide. I nostri stati e territori hanno ora l'obiettivo di zero emissioni di carbonio entro il 2050, quindi sto tenendo presentazioni spiegando come questo può essere raggiunto. Abbiamo urgentemente bisogno che il governo del Commonwealth raggiunga la comunità.

Le proteste di massa hanno chiesto una leadership ambientale.
Unsplash / Markus Spiske, CC BY

Il cambiamento sta avvenendo rapidamente. Più di 2 milioni di famiglie australiane ora dispongono di pannelli solari. Il solare e l'eolico hanno fornito più della metà dell'elettricità utilizzata dal South Australia lo scorso anno e quello stato ha ottenuto il primato mondiale la mattina dell'11 ottobre: ​​per un breve periodo, l'intera domanda di elettricità è stata soddisfatta da pannelli solari.

Il compito urgente non è pubblicare più libri sulla crisi, ma cambiare il discorso politico e costringere il nostro governo nazionale a svolgere un ruolo positivo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui