Quanto costa l’estrazione di coltan nella Repubblica Democratica del Congo alle persone e all’ambiente

43

La Repubblica Democratica del Congo (RDC) è ricca di risorse naturali: si stima che i suoi giacimenti di minerali non sfruttati valgano 24 trilioni di dollari. Tra questi ci sono oro, diamanti, cobalto e zinco.

Un altro minerale strategico estratto nella Repubblica Democratica del Congo è il coltan, un nome derivato da “columbite-tantalite”. Nel 2021, la produzione di coltan della RDC ammontava a circa 700 tonnellate, rendendo il paese dell’Africa centrale il più grande produttore mondiale di coltan di gran lunga.

Coltan è indispensabile per la fabbricazione di tutti i moderni dispositivi tecnologici. Il minerale viene raffinato in polvere di tantalio, che viene utilizzata per realizzare condensatori resistenti al calore in laptop, cellulari e altri dispositivi elettronici di fascia alta.

Il mercato globale del coltan è stato valutato a 1.504,81 milioni di dollari nel 2019. Si prevede che raggiungerà i 1.933,92 milioni di dollari entro la fine del 2026, crescendo a un tasso del 5,58% all’anno tra il 2021 e il 2026.

Ma attivisti, giornalisti e studiosi hanno trovato una relazione tra sfruttamento del coltan e degrado ambientale su larga scala, violazioni dei diritti umani, violenza e morte.

Ciò può essere visto in violazione delle leggi ambientali, del lavoro minorile nei siti minerari e della complicità delle compagnie minerarie negli abusi delle popolazioni a rischio.

Nel mio nuovo studio, ho posto due domande di ricerca: quali danni provocano l’estrazione e il commercio di coltan all’ambiente e alla popolazione locale nel nord-est della RDC? E cosa possono fare il governo della Repubblica Democratica del Congo e il settore privato per garantire un approvvigionamento responsabile del coltan?

Lo sfruttamento del Coltan sta distruggendo gli ecosistemi e interessando gli habitat della fauna selvatica. Gli animali vengono spostati dal loro habitat naturale, rendendoli vulnerabili ai bracconieri. Le sostanze chimiche utilizzate nel lavaggio del coltan inquinano i corpi idrici e sono dannose per le persone e gli animali.

Il mio studio aumenta la consapevolezza delle implicazioni di questa estrazione illecita e suggerisce interventi multi-stakeholder per fermare la criminalità ambientale.

Criminalità ambientale

Le informazioni per la mia analisi provenivano da un’indagine qualitativa sul campo, dalla legislazione e dai rapporti delle Nazioni Unite sui conflitti estrattivi nella RDC.

I dati provengono anche da interviste con funzionari del Centro di Certificazione, Competenza e Valutazione, Ministero delle Miniere, coalizioni della società civile, Agenzia per l’ambiente congolese e organizzazioni non governative nel Kivu settentrionale e meridionale.

Il mio studio concepisce il crimine ambientale come attività che violano la legislazione ambientale e causano danni o rischi significativi per l’ambiente, la salute umana o entrambi.

Coltan viene estratto attraverso un processo abbastanza primitivo. I minatori lavorano insieme scavando grandi crateri nei letti dei torrenti, raschiando via il terreno dalla superficie per raggiungere il coltan sotterraneo.

Lo sfruttamento indiscriminato del coltan sta influenzando drammaticamente la biodiversità ambientale e sconvolgendo gli ecosistemi intorno ai siti minerari.

Secondo i dati disponibili sulla piattaforma Global Forest Watch gestita dal World Resources Institute, la RDC ha perso l’8,6% della sua copertura arborea dal 2000. Una delle principali cause di deforestazione nella RDC è l’attività mineraria.

Osservatori con cui ho parlato hanno notato che le valutazioni di impatto ambientale vengono eseguite raramente prima dell’estrazione del coltan. Minatori artigianali e compagnie straniere violano persino siti del patrimonio storico come il Parco Nazionale Kahuzi Biega.

Il primo impatto dell’estrazione del coltan è quando i minatori rimuovono la vegetazione e il terriccio. Ciò aumenta il tasso di erosione.

La maggior parte dei minatori di coltan artigianali lavora in siti dove non c’è controllo statale. Prendono più coltan che possono senza alcuna regolamentazione. Ad esempio, mentre il Ministero delle Miniere raccomanda ai minatori di scavare a una profondità non superiore a 30 metri sotto la superficie, a volte scavano fino a 200 metri.

Gli attivisti ambientali a Bukavu confermano che lo sfruttamento del coltan ha portato alla perdita di alberi. È noto che distrugge gli ecosistemi, diminuisce lo stock di carbonio, interrompe il processo di fotosintesi e influisce sulla qualità dell’aria. Colpisce anche gli habitat della fauna selvatica.

Ad esempio, le province del Nord e del Sud Kivu contengono la maggior parte del coltan della Repubblica Democratica del Congo. Il Kahuzi Biega National Park, uno degli ultimi santuari per il gorilla di pianura orientale in pericolo di estinzione, si estende su entrambe le province. L’estrazione di Coltan ha distrutto gran parte dell’habitat naturale dei gorilla, rendendoli vulnerabili ai bracconieri. La popolazione di gorilla di pianura orientale nel parco è crollata da 8.000 nel 1991, quando l’estrazione del coltan è iniziata lì, a circa 40 nel 2005. La popolazione attuale è ora stimata in 250.

Il processo di separazione, setacciatura e cernita dei minerali avviene manualmente mediante lavaggi in ruscelli e fiumi. Le sostanze chimiche utilizzate inquinano i corpi idrici e sono dannose per le creature acquatiche. Le sostanze chimiche sono anche note per produrre sostanze radioattive dannose per la salute umana.

Danni umani

Le attività dei minatori di coltan e delle imprese associate sono comunità di sfruttamento e impoverimento. Gli osservatori notano che le imprese minerarie di coltan raramente compensano le comunità colpite implementando programmi di sviluppo, che è un requisito legale in termini di leggi minerarie.

A Mwenga a Shabunda, 50 minatori artigiani sono morti nel settembre 2020 a causa delle attività legate all’estrazione del coltan.

Le buche scavate dai minatori artigianali sono raramente coperte dopo la cessazione delle attività minerarie. E le frane hanno intrappolato i minatori sottoterra.

I conflitti tra i membri di una cooperativa di minatori artigianali chiamata Cooperamma e la società mineraria di coltan SMB hanno portato a violenze che hanno causato la morte nel sito minerario di Rubaya nel Nord Kivu.

Lavoro minorile

Il codice minerario della Repubblica Democratica del Congo è stato riformato nel 2017 per penalizzare l’uso del lavoro minorile o la vendita di minerale estratto da bambini. Eppure gran parte del coltan del paese viene estratto grazie al lavoro di oltre 40.000 bambini minatori. Lavorano in condizioni pericolose come rondelle e scavatrici.

Facendo il lavoro degli adulti in un ambiente pericoloso, i bambini minatori affrontano i rischi di cattiva salute, molestie e abusi. Potrebbero abbandonare la scuola o non avere mai l’opportunità di frequentare.

La quantità di coltan estratta attraverso il lavoro minorile rimane dispersa, non certificata e non rintracciabile. Viene scambiato nell’economia sommersa e incanalato nella catena di approvvigionamento globale del coltan attraverso il contrabbando, la contraffazione e la collusione.

Raccomandazioni

L’approccio alla riforma estrattiva nella RDC è attualmente inadeguato per affrontare i danni umani e ambientali associati all’estrazione del coltan.

Il mio studio fornisce raccomandazioni specifiche per affrontare le sfide individuate.

Il governo deve riformare l’Agenzia per l’ambiente congolese per far rispettare le valutazioni di impatto ambientale e l’attuazione dei piani di gestione ambientale. ‬‬‬‬‬‬‬‬

Le organizzazioni della società civile dovrebbero formare ed equipaggiare gruppi di osservatori a livello locale per monitorare e riferire sui siti minerari di coltan. Ciò fornirà un rapporto ombra da confrontare con gli audit effettuati da agenti statali.

In linea con le migliori pratiche globali, si consiglia alle società a monte che estraggono e raffinano il coltan di mitigare i rischi ambientali associati alle loro operazioni.

  • Il rapporto completo è stato pubblicato per la prima volta dal progetto ENACT, una partnership tra l’Institute for Security Studies, l’Interpol e la Global Initiative against Transnational Crime, finanziato dall’UE.