Rallenta e abbraccia la natura: come creare città migliori quando la pandemia è finita

0
9

Durante l'ultimo anno di lavoro da casa, ho fatto numerose passeggiate mattutine, a pranzo e serali nel mio quartiere nella parte orientale di Lund in Svezia. Il mio quartiere ha tre dighe per immagazzinare l'acqua piovana in caso di pioggia estrema. Questi aiutano a rallentare l'acqua invece di sovraccaricare il sistema fognario sotterraneo della città, il che aumenterebbe il rischio di inondazioni.

È stato in una di queste dighe di acqua piovana che ho stretto amicizia con un bellissimo e maestoso airone. Come altri uccelli, l'airone sembra aver trovato la sua casa qui e si sposta tra le tre dighe a seconda dell'ora del giorno.

Una volta ho visto l'airone pescare un pesce, come una versione migliore di uno di questi programmi televisivi sulla natura. Questa vivida immagine dell'airone con il pesce mi è rimasta impressa, forse perché l'ho osservata direttamente con i miei occhi.

À lire aussi:
Come mantenere un ritmo di vita più lento dopo il blocco

Mi ritrovo a tornare all'immagine dell'airone pescatore ea riflettere sul fatto che io e questo uccello dipendiamo dallo stesso ecosistema. L'airone per habitat e cibo, io per scopi ricreativi (come le mie passeggiate indotte da pandemia) e per essere salvato dalle inondazioni. Siamo così separati, eppure collegati.

Spazi multifunzionali

Queste dighe non sono solo una soluzione per la gestione dell'acqua. Quando fa freddo, gelano e forniscono strutture per il pattinaggio sul ghiaccio. Oltre ad avere un aspetto visivamente sorprendente, forniscono anche ecosistemi e un habitat per animali e animali selvatici in cui prosperare.

Questo tipo di infrastruttura multifunzionale sta diventando sempre più popolare, con molte città che adottano le cosiddette "soluzioni basate sulla natura" non solo per risolvere i problemi ambientali e salvaguardare la biodiversità, ma anche per fornire alla popolazione locale spazi ricreativi.

Airone fiorente nella diga dell'acqua piovana.
Björn Wickenberg

Nel progetto Naturvation, che esamina il potenziale delle soluzioni basate sulla natura per trasformare le città, sono stati raccolti quasi 1.000 esempi da 100 città.

Uno dei miei esempi preferiti è la Urban Forest Strategy di Melbourne, sviluppata per adattare la città ai cambiamenti climatici e per migliorare il benessere delle persone che vi abitano. Il piano ha visto la città aumentare il numero di alberi e spazi verdi.

Ha comportato anche la creazione di un database che mappa tutti gli alberi della città. Attraverso questo database, le persone sono state quindi in grado di inviare e-mail a singoli alberi, come un modo per connettersi e comunicare il loro amore per il loro albero preferito.

I giardini botanici di Melbourne, che ospitano un'ampia varietà di alberi.
TK Kurikawa / Shutterstock

Legami con la natura umana

Essere consapevoli della natura e delle sue funzioni di supporto vitale, compreso il modo in cui noi esseri umani ci relazioniamo ad essa, è importante. Aiuta le nostre società a funzionare in modo più sostenibile ea riconoscere le relazioni simbiotiche che abbiamo con le piante e gli animali che ci circondano.

Ma oltre a riflettere e modificare le nostre relazioni con il mondo naturale, dobbiamo anche ripensare a come utilizziamo lo spazio in modo da posizionare la natura al centro delle cose.

Ciò non solo aiuterà a garantire che consideriamo il mondo naturale e il benessere delle persone, ma significherà anche un migliore accesso agli spazi verdi e blu – come parchi, foreste e prati, ma anche fiumi, laghi, canali, cascate e persino fontane. La disuguaglianza in termini di accesso agli spazi esterni è stata evidenziata durante i blocchi del COVID-19, con le persone che apprezzano maggiormente il ruolo che la natura può svolgere in termini di benessere mentale e fisico.

Prato di querce urbane. Passeggiata nella natura vicino alla casa dell'autore.
Björn Wickenberg, autore fornito

Un nuovo mondo lento

In contrasto con il mondo moderno altamente efficiente e accelerato, la pandemia ha rallentato le cose. Molti di noi ora passano meno tempo a correre, a fare il pendolare e a percorrere lunghe distanze. Invece, trascorriamo più tempo a casa e nei nostri quartieri locali.

Questo cambiamento ha fornito un'opportunità per una profonda riflessione su chi siamo e su come ci relazioniamo con la natura. In effetti, molte persone hanno sfruttato questa opportunità per fuggire dalla città e dirigersi verso la campagna o la costa.

In questo contesto, le soluzioni basate sulla natura offrono opzioni promettenti per il mondo post-pandemia. Questo perché, in termini di pianificazione urbana, è un approccio che, se ben implementato, concretizza i legami natura-cultura, rispondendo anche ad alcune delle sfide legate all'adattamento ai cambiamenti climatici nelle aree urbane. In definitiva, dobbiamo lavorare con la natura, non contro di essa, se vogliamo davvero muoverci nella giusta direzione.