Riconoscere il potenziale di trasformazione delle economie di conservazione guidate dagli indigeni

63

Nell’ultimo decennio, il Canada ha assistito a un aumento del numero di iniziative per rendere più verde o circolare l’economia attraverso lo sviluppo sostenibile, nonché quelle che supportano e rafforzano la leadership ambientale indigena.

Entrambi i progetti sono disperatamente necessari, visti i nostri rapidi progressi verso la catastrofe climatica guidata dai capitalisti. Sebbene vi sia interesse nella creazione di nuovi sistemi economici, il Canada non riesce a riconoscere il potenziale di trasformazione delle economie di conservazione guidate dagli indigeni.

Queste economie hanno un immenso potenziale di riconciliazione e devono essere sostenute e coinvolte rispettosamente per creare nuovi sistemi economici condivisi ed equi.

La gestione ambientale non è solo ecologica. Tutti i fattori sociali ed economici richiedono il rispetto della terra, dell’acqua e degli animali per fermare il degrado e migliorare la salute dell’ambiente e dell’uomo.

Gli impegni del Canada

Nel settembre 2015, il Canada, insieme a tutti gli altri Stati membri delle Nazioni Unite, ha adottato l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile. Sono state individuate diciassette categorie di azioni con lo scopo di “non lasciare indietro nessuno” e con l’obiettivo di portare tutti in Canada a un livello di stabilità economica legato alla salute ambientale generale.

Nel novembre 2021, il Canada ha quindi fissato l’obiettivo di proteggere il 30% delle terre e degli oceani del paese entro il 2030.

Accanto a questo annuncio c’era il riconoscimento delle Aree Indigene Protette e Conservate (IPCA). Sono stati soprannominati “territori della vita” che funzionano come reti di ecosistemi nei territori tradizionali. Sono guidati dagli indigeni e rappresentano un impegno a lungo termine per la conservazione che eleva i diritti e le responsabilità degli indigeni.

Questi IPCA sono diventati anche siti generativi per le economie indigene, con il potenziale di influenzare un reale cambiamento nelle pratiche di sviluppo economico.

I processi e le attività che contribuiscono alla conservazione guidata dagli indigeni possono essere definiti pratiche di gestione ambientale. Le popolazioni indigene generalmente adottano un approccio olistico alla gestione e alla gestione dei loro territori che ha portato all’armonia con la terra e alla conservazione sostenibile della biodiversità.

Comprendere come l’amministrazione produca valori al di là di quelli monetari può creare opportunità di apprendimento vitali per alternative allo sviluppo convenzionale.

Una foto del lago Kluane nello Yukon. (Alenka Skvarc/Unsplash)

Nuove imprese e gestione ambientale

Le imprese dei Guardiani e dei Guardiani sono due forme di gestione ambientale indigena. In entrambi i casi, i valori culturali vengono rispettati e utilizzati per creare nuove imprese e sistemi di gestione ambientale.

A Kitasoo Xai’Xais, sulla costa centrale della Colombia britannica, la leadership della comunità ha creato un solido programma turistico attraverso lo Spirit Bear Lodge e il Coastal Stewardship Network. Lì, i membri della comunità sono impiegati per gestire i loro territori tradizionali, diventando guide per i turisti e condividendo le loro conoscenze ed esperienze all’interno della loro regione costiera unica.

Queste economie reciproche non si basano sulla creazione di ricchezza privata. Le comunità First Nations, Métis e Inuit in tutta Turtle Island stanno perseguendo lo sviluppo sostenibile investendo in transizioni energetiche pulite, lavorando come scienziati per supportare la ricerca sugli ecosistemi, creando partenariati regionali per la conservazione e sostenendo i nostri habitat condivisi attraverso movimenti collettivi.

Diversificare la nostra comprensione delle economie

Tra le richieste più forti per il consenso libero, preventivo e informato dei popoli indigeni – il che significa che gli indigeni devono dare o negare il consenso a un progetto che potrebbe interessare loro o i loro territori – su proposte di sviluppo ad alta intensità di terra, movimenti decoloniali come #LandBack e vari progetti per diversificare la nostra comprensione delle economie hanno messo radici.

Un recente articolo dei geografi Lindsay Naylor e Nathan Thayer indaga su come funziona il potere quando si considerano le soluzioni decoloniali e antirazziste come un’evoluzione necessaria per diversificare le nostre economie.

Nell’articolo esplorano come il quadro delle diverse economie “trascura il furto e l’occupazione della terra che si sono verificati nei secoli precedenti di colonialismo, che ha cambiato radicalmente i rapporti delle persone con la terra”.

Nei sistemi di sviluppo economico guidati dai coloni, la conservazione è considerata una caratteristica esterna che deve essere gestita da progetti di investimento di capitale e attività filantropiche. Propongono di capovolgere la sceneggiatura e di prestare molta attenzione alle voci e alle azioni dei popoli indigeni che possono offrire una guida tanto necessaria.

Gli autori di un articolo dello Yellowhead Institute recentemente pubblicato, Cash Back, scrivono:

“La molteplicità delle economie indigene non è una prospettiva futura: è già qui… In fondo, ciò che le rende economie indigene è che non sfruttano ciò da cui dipendono per vivere, persone comprese. E proteggono un mondo che non è disposto a valutare il tempo, le terre d’origine e i raccolti delle persone esclusivamente in contanti”.

Un campo di caccia e pesca a Deception Bay, Nunavik. (Damon in viaggio)

Andando avanti

I nuovi sviluppi economici basati sulla conservazione nell’economia blu, il finanziamento del progetto per la permanenza – che fornisce finanziamenti permanenti e completi alle aree di conservazione – e le azioni di finanziamento regionale della conservazione sono ottimi esempi di come le conoscenze e le voci indigene stiano iniziando a influenzare il modo in cui le politiche di sviluppo nazionali sono informati.

Questi piani e programmi coinvolgono diverse prospettive su come perseguire lo sviluppo economico che può essere considerato come “file parallele”, sistemi di conoscenza derivanti da distinti sistemi di conoscenza dei coloni e degli indigeni.

Questa idea di fila parallela deriva dal trattato Two Row Wampum che rappresenta la convivenza pacifica e rispettosa di due nazioni distinte.

La genialità di questo termine risiede nella sua capacità di proporre un sistema congiunto in cui sia le prospettive indigene che quelle dei coloni sono autodirette e complementari in collaborazione senza dover essere integrate insieme. Una rinascita dell’autonomia e della cultura indigene è una caratteristica fondamentale di questa strategia.

Potremmo tutti imparare dai continui sforzi collettivi dei Popoli Indigeni per allontanarsi dai modelli di accumulazione basati sui coloni e verso il mantenimento e lo sviluppo di sane economie di abbondanza.