Riconoscere le conoscenze indigene non è solo culturalmente valido, è una buona scienza

59

Inondazioni, incendi e siccità in Australia devastano vite, distruggono la fauna selvatica e danneggiano le proprietà. Questi disastri sono costati anche miliardi di dollari a causa della perdita di produttività agricola ed economica, vitalità ambientale e costi per la salute mentale. Le persone cercano soluzioni a lungo termine da politici e ricercatori.

È tempo di ascoltare le persone delle Prime Nazioni che hanno una vasta conoscenza del Paese.

Per decine di migliaia di anni, le persone delle Prime Nazioni hanno affrontato il cambiamento climatico in questo continente e applicato con successo le loro conoscenze alla gestione del territorio. La loro conoscenza e il loro contributo meritano il pieno riconoscimento.

A tal fine, la nostra nuova ricerca sostiene che i ricercatori australiani devono riconoscere il valore delle persone delle Prime Nazioni per trovare modi nuovi e più efficaci per affrontare i problemi climatici e ambientali.

À lire aussi : Cambiare stagione: utilizzare la conoscenza indigena e la scienza occidentale per aiutare ad affrontare gli impatti dei cambiamenti climatici

Il cambiamento climatico deve essere affrontato

La revisione indipendente di Graeme Samuel della legge federale sull’ambiente nel 2020 ha rilevato che i luoghi naturali dell’Australia erano in chiaro e grave declino. La revisione richiedeva strategie a lungo termine, comprese quelle che “rispettano e sfruttano le conoscenze degli indigeni australiani per informare meglio su come viene gestito l’ambiente”.

Insegniamo prospettive indigene in una vasta gamma di discipline. Questi approcci promuovono il riconoscimento dei legami inestricabili tra gli esseri umani e il loro ambiente.

Questo modo di pensare può portare un senso di responsabilità e responsabilità ambientale. Ciò potrebbe portare a nuovi approcci a problemi come il cambiamento climatico e le catastrofi naturali.

Nell’Australia sudorientale, il cambiamento climatico nel secolo scorso ha portato a modelli meteorologici che aumentano la probabilità di incendi boschivi.

Allo stesso tempo, le pratiche di gestione del territorio non indigene, comprese quelle che prevengono le pratiche di burn-off culturale, hanno aumentato la quantità di materiale vegetale infiammabile, provocando talvolta incendi più intensi.

Ma le prove suggeriscono che i regimi antincendio indigeni aiutano a gestire le foreste, proteggere la biodiversità e prevenire incendi catastrofici.

Gli scienziati hanno anche dimostrato come l’implementazione delle conoscenze sugli incendi indigeni può ridurre la distruzione ambientale e le emissioni di gas serra. Un esempio è il West Arnhem Land Fire Abatement Project nel Northern Territory. Tali pratiche aiutano le comunità indigene a mantenere e proteggere le loro pratiche culturali offrendo allo stesso tempo vantaggi finanziari.

In un altro esempio, gli scienziati hanno riconosciuto l’accuratezza delle conoscenze indigene sul comportamento di propagazione degli incendi degli uccelli e hanno collaborato con i proprietari tradizionali per raccogliere prove di ciò. Gli scienziati hanno documentato alcune specie di uccelli che diffondono deliberatamente incendi raccogliendo bastoncini ardenti e facendoli cadere in aree non bruciate per scacciare le prede. La comprensione di questo fenomeno ha consentito agli scienziati di comprendere meglio la diffusione degli incendi controllati e una politica regionale informata di gestione degli incendi.

Tali esempi di collaborazione accademica-indigena non si limitano solo alla gestione degli incendi.

Nella Tasmania orientale, allevatori e scienziati stanno lavorando a fianco della comunità indigena nell’ambito di una sovvenzione del Fondo per la siccità futura del governo federale da 5 miliardi di dollari.

I detentori di conoscenze indigeni forniscono agli agricoltori competenze sulla gestione dei prati e sulla resilienza alla siccità al fine di migliorare la sostenibilità attraverso la gestione rigenerativa del territorio.

À lire aussi : Prendersi cura del Paese significa affrontare la crisi climatica con una leadership indigena: 3 cose che il nuovo governo deve fare

Le perdite culturali continueranno se non facciamo nulla

Il costo culturale del non valorizzare la rilevanza globale delle conoscenze indigene è stato evidenziato dalla distruzione delle grotte nella gola di Juukan nel maggio 2020. Questa perdita del patrimonio globale non è stata solo catastrofica per i proprietari tradizionali indigeni. Antropologi e archeologi consideravano l’incidente una profanazione e un danno per le future ricerche sulla storia profonda del sito.

La revisione Samuel raccomandava che il patrimonio culturale indigeno fosse protetto meglio dalla legislazione. Tuttavia, il governo dell’Australia occidentale ha recentemente approvato una legislazione che consente ancora la distruzione dei siti del patrimonio culturale.

Nel creare modalità collaborative per avanzare nella ricerca, gli studiosi possono essere modelli di ruolo nell’apprezzare e impegnarsi con le prospettive e le conoscenze indigene.

Questo approccio può essere utilizzato da una società più ampia, comprese le decisioni politiche sulla gestione del territorio.

Imparare a rispettare le culture indigene rafforza la nostra resilienza sociale, economica e ambientale. Lavorando con le popolazioni indigene, è probabile che prolungheremo il nostro tempo sul nostro pianeta e supporteremo le pratiche continue delle più antiche culture umane viventi sulla Terra.