Rifugio urbano: come le città possono aiutare a risolvere la crisi della biodiversità

0
7

L'anno scorso, mentre miliardi di persone in tutto il mondo erano bloccate dal coronavirus, gli studenti dell'ecologista del Queens College Bobby Habig hanno scoperto una lince rossa che vagava per il fiume Bronx a New York City, meglio conosciuta per il suo recente passato come fogna a cielo aperto e deposito di pneumatici per automobili. e telaio arrugginito che come habitat per sfuggenti gatti selvatici. A gennaio, un gufo delle nevi, originario della tundra artica canadese, è atterrato a Central Park per la prima volta in 130 anni e ha trascorso più di un mese a integrare la sua solita dieta di lemming boreali con cibi urbani scelti come topi e ratti. Per settimane un coyote è stato avvistato nel Ramble, un "deserto" di 37 acri di falesie rocciose e foresta collinare nel cuore di Central Park.

New York non era l'unica città in cui la fauna selvatica vagava liberamente. I leoni marini hanno galoppato fino alle vetrine chiuse nel porto argentino di Mar Del Plata. Le capre di montagna, che normalmente vivono sulla rocciosa Great Orme in Galles, masticavano siepi e fioriere al pascolo nella vicina cittadina balneare di Llandudno. Un puma è stato visto nelle strade deserte di Santiago, la capitale del Cile.

Aree urbane come queste sono state a lungo ritenute prive di biodiversità, soprattutto dagli americani, che glorificano la natura selvaggia e credono che la natura possa prosperare solo dove le città non esistono. "È stato facile per le persone pensare che le città fossero solo questi paesaggi lunari, ambienti completamente sterili con solo umani e forse alberi o erba", ha affermato Seth Magle, direttore dell'Urban Wildlife Institute presso il Lincoln Park Zoo di Chicago. Persino gli scienziati hanno accettato la narrazione e hanno creduto che "non abbiamo affari da spendere tempo o energia nelle città", ha detto.

Come ha affermato Eric W. Sanderson, scienziato senior per la conservazione della Wildlife Conservation Society, "Non posso dirvi il numero di analisi di conservazione in cui luoghi come le città con un'elevata influenza umana sono stati semplicemente bloccati perché hanno un valore di biodiversità pari a zero – loro" ri sprecato. Non c'è niente lì."

La fauna selvatica sta occupando sempre più nuove nicchie come i tetti verdi, le zone umide costruite e i lotti liberi.

Questo è chiamato "l'errore dei deserti biologici" dagli autori di un nuovo articolo su BioScience, che sostengono che le città contribuiscono più di quanto pensiamo alla biodiversità regionale. In effetti, una serie di studi recenti ha scoperto che molto prima della pandemia, le città del pianeta erano importanti rifugi per una serie di piante e animali, in alcuni casi anche di specie minacciate e in via di estinzione.

Mentre il valore delle aree urbane per la conservazione della fauna selvatica rimane controverso, c'è un crescente riconoscimento che le città sono la chiave per il futuro della conservazione mentre l'impronta umana si espande senza sosta in tutto il mondo. In effetti, i ricercatori stanno lavorando sempre più con urbanisti, architetti paesaggisti e gestori della fauna selvatica urbana per rendere le città parte della soluzione alla crisi globale della biodiversità.

Recenti studi hanno scoperto che gli animali, dai pescatori ai coyote, stanno apparendo in vigore nelle aree urbane. Magle indica l'espansione delle popolazioni di coyote negli Stati Uniti come una storia di successo urbano. "Il novantanove percento è bravo a evitarci e a mangiare scoiattoli e topi", ha detto. "Negli ultimi due anni, abbiamo improvvisamente visto una tonnellata di scoiattoli volanti a Chicago", ha detto Magle. "Non li abbiamo mai considerati una specie urbana, e ora li vediamo ovunque". Un'altra sorpresa, ha detto, è il ritorno delle lontre alla Windy City. "Chi ha mai pensato, data la qualità dell'acqua, che avremmo mai visto di nuovo le lontre in città, ma ora sono qui."

Alcune specie, come il falco pellegrino, hanno tassi di sopravvivenza più elevati o un maggiore successo riproduttivo nelle città rispetto alle aree rurali. Alcuni preferiscono persino i paesaggi urbani. Un'analisi del 2017 di 529 specie di uccelli a livello globale ha rilevato che 66 sono state trovate solo nelle aree urbane, inclusi non solo i classici uccelli urbani come i piccioni selvatici, ma anche una varietà di specie native delle loro regioni, come i gufi scavatori e i fringuelli gorgheggianti neri e rossicci. . Secondo un'altra recensione, nelle città di tutto il mondo persistono diverse comunità di specie di api autoctone e, in molti casi, popolazioni più diverse e abbondanti di api autoctone vivono nelle città rispetto ai vicini paesaggi rurali. In Australia, i ricercatori hanno recentemente identificato 39 specie "ultime possibilità" in pericolo che sopravvivono solo in piccole macchie di habitat urbano, tra cui alberi, arbusti, una tartaruga, una lumaca e persino orchidee.

Le capre di montagna vagano per le strade di Llandudno, nel Galles, il 31 marzo 2020 mentre sono in vigore le misure di quarantena.
Christopher Furlong / Getty Images

Per secoli, l'urbanizzazione ha portato alla rimozione e alla frammentazione della vegetazione naturale. Dopo l'attacco iniziale, è emerso un complesso mosaico di nuovi habitat costituiti da piante autoctone, non autoctone e invasive, dominate da edifici, strade e altre superfici impermeabili e contaminate dall'inquinamento.

Gli ecologisti urbani li vedono come una serie di "filtri" che rendono difficile la persistenza di molte specie nelle città, specialmente quelle con requisiti di habitat specifici. Myla Aronson, ecologista urbana della Rutgers University, ha sottolineato, ad esempio, che le cosiddette piante ericacee come mirtilli e rododendri, che richiedono terreni acidi, stanno scomparendo dalle città. Una causa probabile, ha detto, è che il cemento ha aumentato l'alcalinità degli ambienti urbani.

Mentre l'urbanizzazione continua a rappresentare una minaccia sostanziale per le specie e gli ecosistemi, le città abbondano di una serie "meravigliosamente diversificata" di habitat non convenzionali "che possono fornire habitat o risorse importanti per la biodiversità nativa", hanno scritto gli scienziati dell'Università di Melbourne in un articolo del 2018 in Conservation Biology . Questi vanno da resti di ecosistemi nativi come foreste, zone umide e praterie, a spazi verdi urbani tradizionali come parchi, cortili e cimiteri, nonché campi da golf, fattorie urbane e orti comunitari. Inoltre, poiché le città investono in infrastrutture verdi per migliorare il danno ambientale, la fauna selvatica sta occupando sempre più nuove nicchie, tra cui tetti verdi e zone umide costruite e colonizzando ex aree dismesse e lotti vuoti. E i ruoli positivi che le città giocano nella promozione della biodiversità "possono essere rafforzati attraverso la progettazione intenzionale", scrivono gli autori dell'articolo di BioScience sulla "fallacia dei deserti biologici".

Negli ultimi anni, gli ecologisti urbani si sono ritagliati una nuova nicchia nel campo della biologia della conservazione. Un documento fondamentale, pubblicato nel 2014, ha analizzato 110 città in una serie di regioni biogeografiche con inventari completi della vita vegetale residente e 54 con elenchi completi di uccelli. Secondo lo studio, le città hanno conservato la maggior parte della loro biodiversità nativa. Aronson, l'autrice principale dell'articolo, e i suoi colleghi hanno anche scoperto, tuttavia, che le piante e gli uccelli nelle città studiate erano diventati molto meno abbondanti, perdendo rispettivamente il 75% e il 92 percento della loro densità preurbana.

Alcune specie sono diventate più tolleranti alle temperature più elevate nelle città.

Un altro documento fondatore della biologia della conservazione urbana, pubblicato due anni dopo, è stato scritto da scienziati australiani che hanno scoperto che le città ospitano il 30% delle piante e degli animali in pericolo del paese, tra cui il cacatua nero di Carnaby, un grande cacatua socievole che vive solo nel sud-ovest dell'Australia , dove l'agricoltura su larga scala ha frammentato gran parte del suo habitat. In effetti, hanno scoperto che le città contenevano sostanzialmente più specie minacciate per chilometro quadrato rispetto alle aree non urbane. "Le città australiane sono importanti per la conservazione delle specie minacciate", hanno scritto.

Darwinismo urbano: come le specie si stanno evolvendo per sopravvivere nelle città. Leggi di più.

Gli scienziati hanno descritto diversi modi in cui le aree urbane possono beneficiare della biodiversità regionale. Ad esempio, le città possono fornire un rifugio dalle pressioni come la competizione o la predazione che le specie autoctone affrontano nel paesaggio circostante. Una maggiore densità di prede nelle città è stata collegata al successo di diversi rapaci urbani, tra cui i falchi di Cooper, i falchi pellegrini, gli astori crestati e gli aquiloni del Mississippi. Le città fungono anche da punti di sosta dove gli uccelli migratori possono riposarsi e fare rifornimento. I grandi parchi cittadini, come Highbanks Park a Columbus, Ohio, forniscono un habitat di sosta fondamentale per tordi, capinere e altri uccelli canori migratori.

I ricercatori hanno anche documentato adattamenti che hanno reso alcune specie, come le formiche delle ghiande e le pulci d'acqua, più tolleranti alle temperature più elevate nelle città che nelle aree circostanti. Questi adattamenti, dicono, potrebbero creare popolazioni che potrebbero essere maggiormente in grado di tollerare i cambiamenti climatici e in futuro potrebbero colonizzare e aiutare a fortificare le popolazioni rurali.

Ma la biologia della conservazione urbana è ancora agli inizi e molto resta da imparare. “Poiché non ne abbiamo idea, partiamo dal presupposto che la fauna selvatica si comporterà allo stesso modo negli habitat urbani” come in quelli rurali, ha detto Magle. Ma questa previsione è quasi sempre sbagliata. "Devi buttare via l'intero playbook", ha detto. "A volte scherzo dicendo che mi sembra di fare ricerche su un pianeta alieno".

Un leone marino su un marciapiede a Mar del Plata, in Argentina, durante un blocco del coronavirus, 16 aprile 2020.
Mara Sosti / AFP via Getty Images

Magle, che ha iniziato come biologo della fauna selvatica urbana studiando i cani della prateria dalla coda nera che vivono nelle strisce mediane del marciapiede vicino alla sua casa a Boulder, in Colorado, ha fondato l'Urban Wildlife Institute (UWIN) per affrontare una delle principali lacune della ricerca nella conservazione urbana biologia, la mancanza di dati multicity. “Qualcuno scriverebbe un articolo su come i coyote di Toledo siano super attivi di notte. Poi qualcuno che ha studiato i coyote a Dallas sarebbe arrivato e avrebbe detto: "Beh, non ho trovato quello che hai trovato, quindi ti sbagli". E mi ha fatto impazzire", ha detto. UWIN ha sviluppato protocolli di monitoraggio della fauna selvatica che utilizzano strumenti come le telecamere attivate dal movimento per comprendere meglio l'ecologia e il comportamento delle specie urbane, trovare differenze tra le regioni e trovare modelli che rimangono coerenti in tutto il mondo. Questi protocolli sono attualmente utilizzati da partner di ricerca negli Stati Uniti e in Canada.

Ad oggi, quasi tutti gli studi sulla fauna selvatica urbana sono stati condotti in Nord America, Europa e Australia. UWIN sta cercando di trovare partner in Asia e in Africa, dove si trova la maggior parte delle aree urbane che si prevede diventeranno megalopoli nel prossimo decennio. Inoltre, solo pochi gruppi carismatici come i grandi mammiferi, gli impollinatori e gli uccelli canori hanno ricevuto la maggior parte dell'interesse della ricerca. Poco si sa di altri gruppi, come topi, arvicole, toporagni e altri piccoli mammiferi, insetti come mosche e falene, rettili e anfibi.

Inoltre, "Vale la pena ricordare che alcune specie sono un problema" nelle aree urbane, ha detto Magle. "Alcuni sono un fastidio o portano malattie." Ha detto che le città più verdi devono essere meglio informate dalla scienza della fauna selvatica "così possiamo essere sicuri di attrarre le specie che vogliamo".

"Penso che una delle maggiori lacune della ricerca sia come bilanciare le diverse esigenze di più specie con uno spazio limitato", ha affermato Aronson, che è stato coautore di diversi articoli sulle esigenze di ricerca nella biologia della conservazione urbana. Inoltre, ha sottolineato, gli scienziati ancora non sanno davvero quanta biodiversità possono supportare i diversi tipi di spazi verdi, sebbene la sua ricerca abbia dimostrato che le dimensioni sono di gran lunga il fattore più importante nella previsione del loro valore di conservazione. "Spazi più grandi conservano la maggior parte delle specie", ha detto. Un'altra incognita, secondo Aronson, è se gli spazi verdi lavorino insieme per fornire connettività dell'habitat attraverso una città e, in tal caso, come e su quale scala. "Queste sono le grandi domande", ha detto. "Ce ne sono molti di più".

La conservazione “non riguarda solo la biodiversità, ma il rapporto umano con quella biodiversità”.

Nel frattempo, più della metà della popolazione umana mondiale vive in aree urbane, e si prevede che questa cifra salirà al 70% entro il 2050. Un sorprendente 60% della superficie aggiuntiva prevista per diventare urbana nel prossimo decennio deve ancora essere edificata. E alcune delle aree urbane in più rapida espansione si trovano in foreste tropicali umide mega-diverse lungo la costa brasiliana e nell'Africa occidentale e nel sud-est asiatico.

Più di dieci anni fa, Sanderson della Wildlife Conservation Society, stava meditando sul futuro della conservazione mentre si trovava sotto la Cross-Bronx Expressway, una delle autostrade più trafficate degli Stati Uniti, accanto al fiume che ha dato il nome all'autostrada. A soli tre isolati a monte, allo zoo del Bronx, si trova il quartier generale del suo datore di lavoro, una delle più antiche e prestigiose organizzazioni di conservazione del paese, che si dedica alla conservazione della natura nei luoghi più remoti e scarsamente popolati del pianeta. "Al contrario", ha detto, "prima di me c'era l'antitesi di un luogo selvaggio: un ecosistema che, nel volgare popolare della conservazione, era stato "martellato", che era letteralmente circondato da persone".

Tuttavia, anni di sforzi della comunità per estirpare piante invasive, rimuovere immondizia e portare via le auto abbandonate dal fiume Bronx hanno dato i loro frutti, e anche prima che la lince rossa facesse il suo debutto alla fine dell'anno scorso, un castoro è riapparso nel 2007 dopo un'assenza di 200 anni. L'area è l'ultimo posto che la maggior parte dei gruppi di conservazione considererebbe una priorità, Sanderson e la co-autrice Amanda Huron hanno scritto in "Conservation in the City", un editoriale del 2011 in Conservation Biology, eppure le persone si erano impegnate allegramente a ripulire il fiume, " perché abitano lì».

Un gufo delle nevi a Central Park, New York, il 27 gennaio 2021.
Immagini di copertina tramite immagini AP

La conservazione, ha detto Sanderson in una recente intervista, "non riguarda solo la biodiversità, ma il rapporto umano con quella biodiversità". Più la natura è sana nelle città, dove vivono le persone, migliore sarà la relazione e più le persone si preoccuperanno di preservare la biodiversità ovunque, ha affermato.

In effetti, Sanderson crede che le città siano "il modo in cui la conservazione alla fine avrà successo". In un articolo che analizza le tendenze demografiche ed economiche, lui e due colleghi del WCS hanno scoperto, in uno studio del 2018, che man mano che le persone sono migrate dalle campagne alle città, la povertà è diminuita e i livelli di fertilità sono diminuiti. E contrariamente al pensiero convenzionale, il consumo pro capite diminuisce anche nelle aree densamente popolate. "Il paradosso del conservatore", hanno scritto, "è che le stesse forze che stanno distruggendo la natura ora stanno anche creando le circostanze per il successo a lungo termine".

Habitat ai margini: fare spazio alla fauna selvatica in un mondo urbanizzato. Leggi di più.

Traendo deduzioni dai modelli attuali, Sanderson e i suoi coautori prevedono un grave collo di bottiglia durante i prossimi 30-50 anni, con una maggiore pressione sui sistemi viventi, quando ci si può aspettare una maggiore perdita di biodiversità. "Tuttavia, se riusciamo a sostenere abbastanza la natura attraverso il collo di bottiglia", scrivono, le pressioni diminuiranno, e tra cento anni, con la stragrande maggioranza delle persone che vivranno nelle città, pochissime delle quali in condizioni di estrema povertà, la popolazione umana potrebbe stabilizzarsi e persino diminuire. L'unico percorso sensato per raggiungere un mondo con 6 miliardi di persone e vaste distese naturali, concludono, è che gli ambientalisti continuino gli sforzi per proteggere la biodiversità, anche nelle città, "per costruire le basi per un recupero duraturo della natura".

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui