Ross Garnaut pensa che l’Australia possa diventare una superpotenza a basse emissioni di carbonio; Clive Hamilton non è convinto

47

Ross Garnaut è una grande bestia nel mondo della politica climatica australiana e uno dei preferiti dai laburisti sin dai suoi giorni come consigliere economico di Bob Hawke. La sua Revisione sui cambiamenti climatici del 2008 ha spostato il quadrante sulla politica, incoraggiando i governi Rudd e Gillard a perseguire leggi sui prezzi del carbonio. È caduto in disgrazia quando la Coalizione, guidata da Tony Abbott e dominata dai negazionisti della scienza del clima, ha sconfitto il governo laburista nel 2013 sulla scia di una campagna per spaventare il prezzo del carbonio.

Ora è tornato con il seguito di Superpower: Australia’s Low-Carbon Opportunity (2019), una visione ottimistica per trasformare l’Australia in “una superpotenza globale nell’energia, industria a basse emissioni di carbonio e assorbimento di carbonio nel paesaggio”.

La Superpower Transformation è promossa come un “piano pratico” per mettere in atto la visione del Superpower. Garnaut è stato affiancato da sei esperti, che coprono vari elementi del piano per ridurre a zero le emissioni dell’Australia e costruire una nuova economia energetica che aiuterà materialmente anche il resto del mondo.

Recensione: The Superpower Transformation – a cura di Ross Garnaut (La Trobe University Press).

L’Australia, sostiene Garnaut, è benedetta da una sovrabbondanza delle cinque dotazioni di cui noi e il mondo abbiamo bisogno per l’energia a zero emissioni di carbonio e la rivoluzione industriale ora in corso.

Sono:

  • abbondanti risorse di energia rinnovabile

  • distese di terreno adatte allo stoccaggio del carbonio

  • la più grande fornitura al mondo di minerali ad alta intensità energetica, che possono essere trasformati in metalli a emissioni zero in Australia

  • gran parte dei minerali più scarsi necessari per produrre batterie, turbine eoliche e parchi solari

  • le competenze e le infrastrutture rimaste dalle vecchie industrie delle risorse.

Garnaut sostiene che se seguiamo “il percorso della Superpotenza” non solo l’Australia può raggiungere emissioni nette zero ben prima del 2050, ma potremmo anche esportare beni e servizi a emissioni zero che potrebbero ridurre direttamente le emissioni globali di circa l’8%.

È un gran numero. Come sottolinea Garnaut, è più di quanto l’Europa possa fare andando a zero. Infatti, dice, è abbastanza grande da “migliorare materialmente” le possibilità del mondo di preservare “l’ordine politico da cui tutti dipendiamo”.

Le affermazioni audaci si moltiplicano. Seguire il progetto stabilito in Superpower Transformation porrebbe fine alle guerre climatiche. Ripristinerebbe la prosperità in ritardo dell’Australia, ci isolerebbe dalla volatilità dei prezzi energetici globali, porterebbe piena occupazione e standard di vita in aumento. Migliorerebbe la sicurezza nazionale. In breve, il percorso della Superpotenza è “un ponte […] dall’incoerenza politica alla speranza e all’opportunità”.

Terra promessa

Se questo suggerisce un tono evangelizzatore alla visione di Garnaut, allora forse abbiamo bisogno di intravedere la terra promessa per mantenere alto il morale, poiché gli avvertimenti degli scienziati diventano più cupi di mese in mese e il paese è devastato da inondazioni, incendi e ondate di caldo.

Nel 2008, l’importante revisione di Garnaut per gli stati e il governo Rudd era molto buona sulla scienza, ma debole sugli obiettivi. Ha esortato il mondo a puntare a una strategia di superamento di 550 parti per milione di CO2 atmosferica prima di tornare a 450 parti per milione, coerentemente con un riscaldamento di 2°C. È stato pesantemente criticato per essere andato morbido sugli obiettivi nel perseguimento di consigli politicamente calibrati al nuovo governo laburista – consigli che l’Australia avrebbe dovuto portare al mondo.

Ora è andato dall’altra parte. Invece di superare il limite, Garnaut ha adottato l’obiettivo rigoroso di limitare il riscaldamento globale a 1,5°C, come previsto dall’accordo di Parigi del 2015. Con un nuovo governo laburista federale che sembra prendere sul serio i suoi obblighi di politica climatica, possiamo aspettarci che questo nuovo libro venga studiato da coloro che contribuiscono a formulare e attuare la politica.

Nonostante l’obiettivo ambizioso e le audaci affermazioni fatte per il percorso della Superpotenza, quando Garnaut arriva ai consigli politici effettivi diventa più cauto. Va in punta di piedi lungo quello che vede come un percorso fattibile. Sulla delicata questione del divieto di nuove miniere di carbone e giacimenti di gas, dice che non dovremmo interferire nei piani di investimento delle società private, anche se dovremmo far loro pagare le loro emissioni fuggitive.

Garnaut ritiene che le massicce emissioni delle esportazioni australiane di carbone e gas non siano affari nostri, perché le nazioni che le bruciano sono responsabili. È una posizione coerente con le regole di Kyoto e la posizione del governo, ma è sempre più in disaccordo con il pensiero progressista sul clima.

Tuttavia, quando non ha d’occhio il governo albanese, l’obiettivo visionario del progetto di Garnaut per il futuro dell’Australia traspare. Quando arriviamo alla fine del suo lungo capitolo di apertura (ammesso che sia uno slog), emergiamo sentendoci sollevati e incoraggiati.

Quando giriamo pagina al Capitolo 2, tuttavia, usciamo dal bagno caldo delle possibilità di speranza e in una doccia fredda di traiettorie di emissioni reali.

Ross Garnaut al Jobs and Skills Summit, Parliament House, Canberra, settembre 2022. Lucas Coch/AAP

À lire aussi : Cambiamento climatico: la compensazione del carbonio non funziona, ecco come risolverlo

Budget stretti

Un capitolo scritto da Malte Meinshausen – forse la principale autorità australiana in materia di budget e percorsi – e i suoi colleghi Zebedee Nicholls, Rebecca Burden e Jared Lewis spiega i numeri sui budget di carbonio consentiti nel mondo e in Australia. Si propone di rispondere alla domanda: “La transizione sarà abbastanza rapida da evitare esiti climatici catastrofici?”

Sebbene siano stati indiscutibilmente compiuti progressi dalla conferenza di Parigi del 2015, in questo decennio deve verificarsi un cambiamento di direzione di vasta portata in ciascuna delle grandi nazioni inquinanti, se si vuole avere la possibilità di avvicinarsi a 1,5°C.

Meinshausen e i suoi coautori considerano cosa sarebbe necessario se l’Australia vuole fare la sua giusta quota, una quota che è stata determinata nel rapporto 2014 dell’Autorità per i cambiamenti climatici come lo 0,97% del bilancio globale del carbonio (ero un membro del CCA in quel momento). Ci dicono senza mezzi termini che l’obiettivo del 43% del nuovo governo entro il 2030 non è coerente con i nostri impegni internazionali.

In effetti, in tutto il mondo, gli obiettivi nazionali sono “tristemente inadeguati” e l’Australia non è certamente all’altezza dei leader. Potremmo non essere più ritardatari, ma stiamo procedendo a grandi passi nel mezzo di un branco che si muove lentamente.

Gli autori ci dicono anche che “sono necessarie politiche forti per portare l’Australia quasi a zero entro il 2035”. Sì, il 2035. Questo è l’anno entro il quale è necessario ottenere la maggior parte dei tagli alle emissioni. I tagli rimanenti diventano molto più difficili, richiedendo una o due scale per accedere al frutto alto. Gli autori non lo dicono esplicitamente, ma il messaggio è abbastanza chiaro. L’Australia non ridurrà le sue emissioni abbastanza profondamente e abbastanza rapidamente per dare il suo giusto contributo all’obiettivo globale di limitare il riscaldamento a 1,5°C.

Per essere efficace, il sequestro del carbonio nel suolo e nella vegetazione deve essere sicuro per mille anni. Immagine: Barrington Tops, NSW, Australia. Nicholas Rodi/Unsplash

Garnaut è ottimista riguardo alle possibilità di immagazzinare molto più carbonio nei suoli e nella vegetazione australiani, ed è supportato da un capitolo rosa sul carbonio terrestre di Isabelle Grant. Ma Meinshausen e i suoi colleghi, in un breakout box conciso e incisivo, ci ricordano che qualsiasi compensazione dal sequestro deve essere genuina e permanente. Permanente significa che ovunque mettiamo il carbonio catturato, deve essere ancora lì tra 1.000 anni se vuole compensare le emissioni derivanti dalla combustione di combustibili fossili.

Sono scettici. Prendi le foreste: devono essere esenti da incendi, malattie, siccità e attacchi di coleotteri, tutti fattori più probabili in un clima caldo. Gli autori osservano che solo mettere il carbonio in bacini geologici sicuri e protetti “ha un’alta probabilità di permanenza”. In due schiaccianti pagine finali, concludono che in base a qualsiasi serie di presupposti ragionevoli o addirittura ottimistici, il percorso della Superpotenza non può essere raggiunto. Invece, l’Australia dovrà fare cose oltre il taglio delle emissioni nazionali se non vogliamo essere puniti dalla comunità internazionale.

Quali cose? Potremmo contribuire di più al fondo “perdite e danni” per aiutare i paesi poveri a far fronte ai disastri che abbiamo contribuito a causare. Potremmo inviare tecnologie verdi e minerali di transizione energetica ai paesi in via di sviluppo (non gratuitamente, ovviamente). Infine, potremmo compensare il nostro consumo eccessivo del bilancio delle emissioni globali (che ha lasciato meno per gli altri) con “un programma forte di emissioni negative sostenibili”.

Questo è un po’ strano, dal momento che gli autori hanno sostanzialmente inscatolato il sequestro terrestre e la cattura e lo stoccaggio geologico del carbonio su larga scala rimane un sogno irrealizzabile, anche perché comporterebbe la costruzione di una vasta infrastruttura industriale ad alta intensità di risorse per compensare parte dei danni causati dall’altra vasta infrastruttura industriale ad alta intensità di risorse.

Entro la fine del secondo capitolo, ci chiediamo se la speranza che Garnaut ha acceso in noi sia, in effetti, hopium.

À lire aussi : COP27: tre motivi per cui i paesi ricchi non possono più ignorare gli appelli a pagare il mondo in via di sviluppo per il caos climatico

Feticismo della crescita

Superpower Transformation è un importante contributo alla vasta letteratura sulla transizione energetica. Eppure, come la maggior parte di quella letteratura, caratterizza implicitamente il cambiamento climatico come un’esternalità o un costo senza prezzo (molto grande) di un sistema altrimenti funzionante.

In quanto economista ortodosso, non sorprende che Ross Garnaut abbia fiducia nel sistema politico-economico prevalente e nella perpetua espansione economica su cui si basa. In effetti, piuttosto che mettere in discussione la sostenibilità del progetto di crescita, una delle promesse di Superpower Transformation è che aumenterà il tasso di crescita economica dell’Australia.

È scomodo ricordare che, dei nove confini planetari che delimitano lo spazio operativo sicuro affinché le società umane continuino a prosperare, quattro sono già stati violati e un altro, l’acidificazione degli oceani, quasi sicuramente lo sarà. La capacità rigenerativa del pianeta e la sua capacità di assorbire i nostri rifiuti sono ora ben oltre i limiti sostenibili.

Gli enormi investimenti che andranno nella nuova rivoluzione energetica, con una quantità sproporzionata in Australia, ridurranno le emissioni di carbonio. Eppure le risorse necessarie per la transizione energetica, ei rifiuti da essa generati, sono entrambi enormi. I volumi di allumina e minerale di ferro necessari per consentire il necessario ampliamento della rete di trasmissione dell’energia elettrica sono da soli sbalorditivi.

C’è un capitolo in Superpower Transformation del professore di geologia Mike Sandiford che inizia accennando al lato oscuro della decarbonizzazione dell’economia, ovvero gli “incrementi straordinari nell’offerta dei metalli critici di transizione energetica”. Ma il capitolo si esaurisce senza venire a capo di come questo possa funzionare.

Garnaut stima che i parchi solari necessari per lo zero netto in Australia coprirebbero 3,75 milioni di ettari – “incredibilmente grandi”, scrive. La durata di vita dei pannelli solari è di 25-30 anni, il che significa che devono essere sostituiti con nuovi ogni 25-30 anni, o forse molto prima perché quelli nuovi sono migliori. Ciò significa demolire il paesaggio attraverso l’Australia occidentale e il Queensland per estrarre i metalli necessari per sostituire i pannelli solari, un processo che non avrà mai fine.

Al momento, costa circa 20-30 dollari per riciclare un pannello solare e 1-2 dollari per mandarlo in discarica. A meno che non vengano compiuti rapidi progressi nelle tecnologie di riciclaggio dei pannelli solari, presto ci troveremo di fronte a un enorme problema di smaltimento dei rifiuti, un'”ondata di rifiuti solari”.

Circa il 90% degli stock ittici del mondo è completamente o sovrasfruttato. Linda Robert/Unsplash

La popolazione umana è di quasi otto miliardi e si prevede che raggiungerà quasi 11 miliardi entro la fine del secolo, con ogni essere umano che consumerà in media più risorse rimanenti del pianeta. Le sollecitazioni sugli oceani stanno già raggiungendo livelli estremi. Circa il 90% degli stock ittici mondiali è completamente sfruttato o sovrasfruttato. Gli oceani si stanno riscaldando e acidificando. In alcuni punti, sono fortemente inquinati e contaminati dalla plastica.

Quindi c’è qualcosa di sbagliato nel sistema che guida la nostra economia e guida le nostre vite. Abbiamo bisogno di soluzioni tecnologiche come quelle descritte in dettaglio in Superpower Transformation, ma resta il timore che gli investimenti in tecnologie pulite non possano mai tenere il passo con le richieste di risorse dovute al consumo globale in aumento esponenziale.

Qualcosa deve dare: o gli esseri umani cambiano radicalmente il modo in cui viviamo sul pianeta o il sistema terrestre che ci sostiene si romperà irreparabilmente, se non l’ha già fatto.