Sollevare il coperchio sul problema minerario illegale su piccola scala del Ghana

0
41

L'estrazione dell'oro su piccola scala in quello che è il moderno Ghana può essere fatta risalire al XV secolo. Continua ad essere un importante mezzo di sostentamento per molti ghanesi a reddito relativamente basso ed è altamente significativo per l'economia nel suo complesso. In effetti, la sua importanza economica è aumentata notevolmente negli ultimi anni.

Secondo la legge ghanese, l'estrazione mineraria è "riservata ai ghanesi". Nonostante ciò, nell'ultimo decennio c'è stato uno sviluppo notevole: l'arrivo di un gran numero di minatori stranieri, in particolare dalla Cina.

Nel 2006 un piccolo numero di minatori cinesi e altri minatori stranieri è venuto in Ghana per dedicarsi all'estrazione dell'oro. Poi un aumento dei prezzi dell'oro dal 2008 in poi ha portato a una vera e propria corsa all'oro e all'arrivo di un numero significativo di minatori stranieri. La maggior parte lavorava su base illecita e illegale. I minatori stranieri provenivano da paesi dell'Africa occidentale, oltre che da Armenia e Russia. Ma la concentrazione maggiore proveniva dalla Cina.

Entro il 2013, l'entità del coinvolgimento dei cittadini cinesi nell'estrazione dell'oro informale in Ghana stava invitando una copertura mediatica sempre più ostile, nonché focolai di violenza. Il governo è stato finalmente costretto ad agire. Quindi il presidente John Mahama ha istituito una task force interministeriale per combattere l'estrazione mineraria illegale su piccola scala. Il presidente è stato attento a includere sia ghanesi che non ghanesi. Ma il sottotesto era chiaro: questa misura era principalmente rivolta ai minatori stranieri.

Entro la metà del 2013 un numero significativo di cittadini stranieri, la maggior parte dei quali cinesi, era stato arrestato o deportato. Molti altri se ne sono andati volontariamente. Di conseguenza la presenza visibile di minatori stranieri nelle miniere d'oro su piccola scala è diminuita. Ma, come dimostra la ricerca in cui siamo stati coinvolti negli ultimi 15 anni, ci sono state eredità durature di questo breve e intenso periodo di coinvolgimento straniero.

La nostra ricerca ha spaziato dall'analisi dei conflitti, della collusione e della corruzione nell'estrazione dell'oro su piccola scala, in particolare in relazione ai minatori cinesi e allo stato del Ghana. Abbiamo anche esaminato l'impatto della corsa all'oro informale della Cina in Ghana, nonché la militarizzazione e la criminalizzazione dell'estrazione dell'oro artigianale e su piccola scala.

I nostri risultati hanno rivelato che il settore è pieno di corruzione. Concludiamo anche che è improbabile che la chiusura del coinvolgimento straniero nell'estrazione mineraria su piccola scala a fronte di investimenti locali estremamente bassi e di un'elevata disoccupazione possa funzionare. La nostra opinione è che il governo potrebbe dover spostare la sua attenzione. Invece di cercare di vietare l'attività, dovrebbe consentirla e accompagnarla con una migliore regolamentazione.

Il settore minerario

L'anno scorso il Ghana ha superato il Sud Africa come il più grande produttore di oro in Africa. L'estrazione artigianale e su piccola scala rappresenta il 35% della produzione totale di oro del Ghana.

Per molti anni, l'attività mineraria su piccola scala ha subito un benevolo abbandono da parte dello stato che si è concentrato sull'estrazione su larga scala. Anche le istituzioni finanziarie locali rimasero disinteressate e fu fatto molto poco per far avanzare la tecnologia di produzione.

L'estrazione su piccola scala è stata illegale fino al 1989, quando è stata approvata una nuova legge per legalizzare e regolarizzare il settore introducendo un processo di autorizzazione. Questo è stato poi consolidato nel Minerals and Mining Act nel 2006 che ha consentito ai minatori artigianali di richiedere una concessione di 25 acri massimo in aree designate attraverso la Commissione dei minerali.

Ma si stima che meno del 30% dei minatori su piccola scala sia formalmente registrato. La maggior parte rimane informale e illecita, nota come "galamsey".

All'inizio del nuovo millennio sono avvenuti grandi cambiamenti. L'attività mineraria su piccola scala del Ghana è rimasta intrappolata nel vortice della globalizzazione che ha portato a un aumento del movimento di persone attraverso i continenti, a una più facile circolazione delle finanze, alla migrazione tecnologica e all'intensificazione dell'attività mineraria. Un settore per così tanto tempo privo di investimenti ha scoperto all'improvviso nuovi pretendenti.

Tra loro c'erano minatori e uomini d'affari della contea di Shanglin nella provincia cinese del Guangxi, che avevano già familiarità con l'estrazione dell'oro su piccola scala nel loro paese d'origine. Avevano sviluppato una tecnologia più avanzata per aumentare la produzione di oro e sono stati in grado di ottenere prestiti dalle banche cinesi per investire nell'attività.

Conflitto, collusione e corruzione

Nella nostra ricerca su conflitti, collusioni e corruzione, abbiamo esaminato come i minatori artigianali ghanesi hanno rapidamente colto l'opportunità e hanno stretto partnership informali con gli investitori cinesi. La maggior parte delle collaborazioni era illegale perché le leggi del Ghana riservano attività minerarie su piccola scala ai ghanesi.

Ma c'era un'eccezione: le società straniere potevano agire come “fornitori di servizi di supporto” per i piccoli concessionari.

Dopo il picco del prezzo dell'oro nel 2008, ne è seguito uno stupefacente illecito, gratuito per tutti. Sia i minatori ghanesi che quelli cinesi si sono impegnati sia nel conflitto che nella collaborazione sull'accesso all'oro. La situazione è stata descritta come “fuori controllo” e caratterizzata da “una cultura dell'impunità” al suo apice nel 2012 e 2013.

I minatori cinesi, in particolare, che numerano decine di migliaia, hanno introdotto la meccanizzazione e nuove tecnologie.

Esaminando l'impatto di questo periodo, abbiamo scoperto che la migrazione irregolare in un settore informale ha avuto effetti di lunga durata. Cambiamenti irreversibili sono avvenuti in un breve lasso di tempo.

Una conseguenza degli sviluppi è stata che le ricompense economiche sono diventate maggiori. Un altro era che anche la disuguaglianza tra i ghanesi coinvolti nell'estrazione mineraria su piccola scala aumentava notevolmente. Ciò includeva una dimensione di genere, poiché donne, bambini e molti giovani venivano lasciati a estrarre gli "scarti" rimasti dopo l'estrazione di oro alluvionale meccanizzata.

Un altro effetto dell'aumento delle miniere su piccola scala è stato la perdita di molti acri di coltivazioni di cacao. Ciò ha portato a un calo significativo della produzione di cacao.

Un'altra conseguenza sono stati i danni ambientali incalcolabili alla terra e ai corpi idrici. I corsi d'acqua ei fiumi venivano deviati per scopi minerari e le acque superficiali e sotterranee erano inquinate da sostanze chimiche pericolose, in particolare cianuro e mercurio per la lavorazione dell'oro.

La compagnia idrica del Ghana ha riferito che tra il 2008 e il 2018 c'è stata una perdita del 50% di acqua disponibile per il trattamento. Ha avvertito che se l'estrazione illegale non fosse stata controllata, il Ghana potrebbe importare acqua nei prossimi 10 anni.

Già in alcuni villaggi nelle regioni occidentali e centrali del Ghana, i residenti devono recarsi nelle aree urbane per acquistare acqua in bustine da bere e alimenti di base come la manioca per nutrirsi a causa dell'inquinamento da mercurio e diesel del suolo e delle risorse idriche.

La task force del governo ha fatto poco per fermare l'attività. Recenti prove di peggioramento della qualità dell'acqua lo dimostrano. I media del Ghana continuano inoltre a riportare arresti ricorrenti di minatori illegali, sia stranieri che locali.

A nostro avviso, è improbabile che l'attività mineraria su piccola scala con coinvolgimento straniero si fermi. Lo Stato farebbe meglio creando una legislazione per questo gruppo di medio livello, che ha rivendicato spazio per se stesso, e per regolamentarlo.