Sulle coste sudafricane, le donne portano avanti un raccolto una volta negato

0
7

Durante l'era dell'apartheid, il popolo Sokhulu fu allontanato con la forza dalle proprie terre costiere e gli fu proibito, sotto minaccia di arresto e imprigionamento, di raccogliere le ricche risorse marine da cui dipendeva da tempo.

Nel suo film, "Ulwandle Lushile: Meeting the Tides" – il secondo classificato nel 2021 Yale Environment 360 Video Contest – la scienziata marina Tembisa Jordaan mostra come le donne di Sokhulu stiano ancora una volta portando avanti la tradizione della raccolta sostenibile delle cozze e della sua trasmissione. a una generazione più giovane. Dopo la fine dell'apartheid, un ecologista oceanico ha lavorato con le donne e le ha aiutate a reimparare i metodi di raccolta sostenibile che tradizionalmente facevano parte della loro cultura.

Inizialmente Jordaan aveva pensato di scrivere un documento accademico sul Sokhulu, ma ha deciso che la loro storia non doveva essere consegnata a una rivista accademica e ha deciso di fare un film. "Volevo dissipare questo pensiero comune secondo cui le persone costiere e rurali non sanno nulla dell'ambiente e non si preoccupano dell'uso o della conservazione sostenibili", afferma. “Sanno provvedere a se stessi, se la legge glielo permette”.

Il titolo del suo lavoro, "Ulwandle Lushile", si traduce dallo Zulu come "l'acqua dell'oceano è bruciata" o "il mare è asciutto". Descrive la bassa marea, il momento migliore per raccogliere le cozze.

Informazioni sul regista: Tembisa Jordaan è una scienziata marina e responsabile della gestione della biodiversità e dell'economia della biodiversità presso Ezemvelo KZN Wildlife. Di recente ha recitato in un documentario sulla conservazione marina in tre parti intitolato "I nostri oceani". Il suo cortometraggio, "Ulwandle Lushile", è il risultato del lavoro che ha svolto nella gestione delle risorse marine con le comunità costiere della KZN.

Informazioni sul concorso: Lo Yale Environment 360 Video Contest premia i migliori film ambientali dell'anno, con l'obiettivo di riconoscere il lavoro che non è stato visto ampiamente in precedenza. Le iscrizioni per il 2021 sono state ricevute da sei continenti, con un premio di $ 2.000 per il primo classificato.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui