Tra le pressioni climatiche, un appello per un piano per spostare le specie minacciate di estinzione

0
6

I conservazionisti, ha scritto l'ecologo Mark Schwartz quasi tre decenni fa, hanno affrontato un enigma incombente: molte specie probabilmente non sarebbero state in grado di tenere il passo con il ritmo previsto del cambiamento climatico e di conseguenza potrebbero essere estinte. Questo non rappresentava "un problema di conservazione insormontabile", ha scritto: le persone potevano aiutare le specie a raggiungere luoghi con condizioni fisiche e biologiche adeguate. Potrebbero trasportare animali in via di estinzione in habitat tagliati da montagne, fiumi o barriere umane, per esempio, o piantare alberi o arbusti in via di estinzione più in alto sui pendii delle montagne o più a nord.

In un certo senso, queste sarebbero azioni ordinarie. Le persone hanno spostato specie in tutto il mondo per migliaia di anni, come agricoltori e orticoltori, e per semplice curiosità. Ma la lunga esperienza aveva dato agli ambientalisti motivo di essere cauti nel compiere tali azioni da soli, ha scritto Schwartz. La salvezza di una specie potrebbe significare la distruzione di un'altra.

Tre decenni dopo, le persone stanno ancora discutendo se il rischio di spostare le specie in condizioni più favorevoli superi il rischio di inerzia. Questo dibattito ha generato centinaia di articoli scientifici, resoconti dei media e persino dibattiti collaterali, incluso su cosa chiamare la nuova pratica di conservazione (che, in questo articolo, verrà chiamata "colonizzazione assistita"). È un dibattito alimentato meno da differenze di fatto e più da differenze di filosofia.

In un articolo pubblicato il mese scorso su Science, un gruppo di ricercatori ha offerto un potenziale percorso per aggirare questo vicolo cieco. Propongono che alla prossima Conferenza delle Parti della Convenzione sulla diversità biologica, che si terrà a Kunming, in Cina, questo ottobre, i firmatari concordino una serie di linee guida sulla colonizzazione assistita che le persone di tutto il mondo potrebbero utilizzare per pesare in modo coerente ed esplicito. i rischi connessi a potenziali progetti di colonizzazione assistita. Sebbene questo quadro di valutazione del rischio sia finora ipotetico, un certo numero di altre organizzazioni e governi hanno pubblicato rapporti e documenti politici sulla colonizzazione assistita negli ultimi anni – un suggerimento che la controversa tecnica di conservazione potrebbe finalmente discendere dall'alto regno della teoria più solido della pratica.

"La colonizzazione assistita sarà l'unica speranza per molte di queste specie", dice un ecologista.

L'ecologo della conservazione dell'Università del Montana Jedediah Brodie, l'autore principale dell'articolo, afferma di essere stato un ritardatario nel dibattito sulla colonizzazione assistita. Si è interessato la scorsa estate, mentre studiava le interazioni tra alberi da frutto e animali che disperdono i semi a Palau, una nazione insulare a est delle Filippine. L'innalzamento dei mari e l'aumento delle temperature potrebbero alla fine rendere le diverse centinaia di isole basse di Palau inospitali per molte delle specie che vi abitano, una percentuale elevata delle quali non si trova da nessun'altra parte. È improbabile che i pipistrelli e i piccioni che disperdono i fichi, l'albero del pane e i parenti del mangostano studiati da Brodie trasportino tutti gli alberi su coste più sicure, ad esempio nell'Asia continentale, da soli, dice. "Sono venuto via pensando, 'La colonizzazione assistita sarà l'unica speranza per molte di queste specie.'"

La domanda era: come pianifichereste effettivamente un simile progetto transfrontaliero? Durante le conversazioni di Brodie con scienziati più versati nel dibattito, è diventato evidente che, nonostante tutte le discussioni sulla colonizzazione assistita, la guida pratica a livello internazionale era scarsa. "Questo è qualcosa di cui parliamo da decenni, ma con cui non abbiamo fatto nulla, in parte perché è ancora controverso", dice. "A causa di questa controversia non abbiamo la politica e i quadri normativi".

Nell'articolo, intitolato "Politica globale per la colonizzazione assistita delle specie", Brodie ei suoi coautori sostengono che l'imminente incontro delle parti della Convenzione sulla diversità biologica è la migliore opportunità per impostare una politica globale sulla colonizzazione assistita. In questi incontri, i rappresentanti dell'Unione Europea e delle 196 nazioni che sono parte del trattato (che gli Stati Uniti hanno firmato, ma non ratificato) stabiliscono obiettivi di conservazione, che aiutano a dare priorità alla spesa e aiutano le Nazioni Unite a stabilire i propri Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.

Brodie ei suoi coautori suggeriscono che le parti convocino una task force per sviluppare linee guida sulla colonizzazione assistita, che aiuterebbero le persone a valutare su quali specie concentrarsi; dove, quando e come spostarli; come soppesare i rischi dell'azione e dell'inazione; e come condurre tali azioni oltre i confini internazionali. Brodie dice che il suo gruppo non sta sostenendo la colonizzazione assistita in generale, ma solo che la comunità internazionale ha un quadro in base al quale giudicare tali azioni. "La colonizzazione assistita sarà utile in alcuni casi e non in altri", afferma. "Vogliamo che ci sia un modo ufficiale per il mondo di decidere quando è giustificato o meno."

L'ecologa Jedediah Brodie raccoglie esemplari di Pandanus aimirikensis, una specie vegetale endemica di Palau, una nazione insulare del Pacifico minacciata dall'innalzamento dei mari; il gigantesco occhio bianco un uccello in via di estinzione trovato solo a Palau.

Jedediah Brodie; Michael Stubblefield / Alamy Foto Stock

Uno dei coautori di Brodie sull'articolo era Schwartz, ora professore di ecologia all'Università della California, Davis. Dopo aver esposto l'enigma posto dalla colonizzazione assistita nel suo articolo del 1992, Schwartz ha fatto il primo caso esplicito contro la pratica, in un documento del 2004 contro uno sforzo da parte di un gruppo di cittadini preoccupati che lavorano per spostare l'albero torreya della Florida in via di estinzione dal suo piccolo raggio nella Florida Panhandle più a nord negli Stati Uniti orientali

In quell'articolo, Schwartz espose quella che sarebbe diventata la serie standard di argomenti contro la pratica: non era chiaro – e non sarebbe sempre stato chiaro – che il cambiamento climatico fosse davvero la minaccia più imminente per la specie. Spostare le specie come metodo di conservazione minacciava anche di annullare decenni di lavoro per rallentare il tasso di invasioni biologiche, ha scritto, creando direttamente nuovi invasori o semplicemente confondendo il pubblico, dando il permesso implicito a chiunque di spostare qualsiasi cosa, ovunque. Forse la cosa più fondamentale, ha scritto, la colonizzazione assistita significherebbe che gli ambientalisti non stavano più lavorando per riportare gli ecosistemi alle loro condizioni in un periodo specifico della storia. "Senza un obiettivo, ogni tipo di gestione, compresi quelli che provocano la perdita di specie autoctone, è senza dubbio un successo", ha scritto. "Temo un tale successo."

Alcuni scienziati condividono ancora queste preoccupazioni. Il biologo dell'Università del Tennessee Daniel Simberloff afferma che gli autori dell'articolo di Science cadono in un vecchio errore, supponendo che i rischi di spostare le specie da un luogo all'altro siano qualcosa che può essere previsto con precisione. Una delle lezioni chiave della biologia delle invasioni, dice, è che una specie che sembra perfettamente innocua quando viene spostata in un luogo può diventare un invasore dilagante in un altro.

La posizione di Schwartz, tuttavia, si è ammorbidita nel corso degli anni. In parte il motivo, dice, è che il problema del cambiamento climatico è diventato più urgente. Per lo più, però, è stato il fatto che la posizione è diventata sempre più insostenibile. La gente praticava già la colonizzazione assistita, spesso in modi che Schwartz considerava sconsiderati. Insieme ai torreyas della Florida, negli ultimi anni le persone hanno contribuito alla colonizzazione di sequoie giganti in California, due specie di farfalle e un lichene nel Regno Unito e due specie di albatro alle Hawaii, solo per citarne alcune.

Rispetto al numero di specie minacciate dal cambiamento climatico, questi progetti sono pochi, ma il numero sembra destinato a crescere. "Avremo un tasso crescente di persone preoccupate e desiderose di intraprendere un'azione", afferma Schwartz. "Quindi è diventato più urgente creare la struttura affinché le persone siano in grado di valutare il rischio".

"Si possono bilanciare i benefici del salvataggio delle specie con i rischi di conseguenze negative", afferma un ricercatore.

Se la Convenzione sulla diversità biologica si propone di creare linee guida per la colonizzazione assistita, ha una serie di documenti a cui guardare come modelli. Il primo, pubblicato nel 2013, è "Linee guida per la reintroduzione e altre traslocazioni di conservazione" dell'Unione internazionale per la conservazione della natura. Insieme alla colonizzazione assistita, le linee guida affrontano la reintroduzione di specie in luoghi in cui esistevano in precedenza, come un recente tentativo di reintrodurre il bisonte di legno in Alaska; rafforzamento delle popolazioni esistenti; e sostituzioni ecologiche, in cui gli ambientalisti sostituiscono una specie precedentemente presente con un'altra con funzione ecologica simile, come l'introduzione negli anni 2000 di due specie di tartarughe dal Madagascar e dall'Atollo di Aldabra nell'isola di Mauritius, le cui cinque tartarughe native si sono estinte .

Il documento delinea ciò che le persone pensano di eseguire una traslocazione di conservazione dovrebbero considerare, inclusi i requisiti climatici e di habitat della specie, il benessere degli individui coinvolti, le considerazioni genetiche e la conformità normativa. "Riteniamo che attraverso una buona scienza e un processo decisionale strutturato si possano bilanciare i benefici in termini di salvataggio delle specie dall'estinzione contro i rischi di conseguenze negative", afferma Axel Moehrenschlager, un ecologo che presiede l'IUCN Conservation Translocation Specialist Group ed è un co- autore del documento Science.

Altri potenziali modelli includono il "Codice scozzese per le traslocazioni di conservazione", pubblicato dall'agenzia per la natura scozzese nel 2014, e un rapporto del National Park Service degli Stati Uniti pubblicato all'inizio di quest'anno. I dipendenti del Park Service hanno già assistito la colonizzazione di trote toro in diversi sistemi lacustri e fluviali nel Glacier National Park, nel tentativo di proteggerli da trote di lago invasive e non autoctone.

Ma nessuno di questi quadri ha il peso che le linee guida della Convenzione sulla diversità biologica (CBD) avrebbero, afferma Susan Lieberman, vice presidente della politica internazionale presso la Wildlife Conservation Society e un altro coautore del documento di Science. "Se il CBD adotta qualcosa, viene quindi adottato dai governi e ha più autorità", dice. Una serie internazionale di linee guida sulla colonizzazione assistita aiuterebbe i paesi a redigere le proprie linee guida e aiuterebbe nei casi in cui potrebbe essere necessario spostare le specie oltre i confini nazionali.

Un raro albero di torreya maturo a Madison, in Florida.
Jason Smith

Le linee guida del CBD creerebbero anche più spazio per la discussione, afferma Sarah Dalrymple, ecologa delle piante della John Moores University di Liverpool, che ha contribuito a redigere le linee guida per il trasferimento gestito della IUCN e della Scozia. Dice che l'asprezza del dibattito ha reso difficile persino la discussione di potenziali esperimenti. Una politica ufficiale, dice, "permetterebbe alle persone di sentirsi più come se potessero esplorare il potenziale della migrazione assistita, senza dover mettere la testa sopra il parapetto e rischiare di essere abbattute".

Nicola Mitchell, fisiologo della conservazione presso l'Università dell'Australia occidentale a Perth, è d'accordo. Ha guidato un gruppo che ha condotto un esperimento di colonizzazione assistita con la tartaruga palustre occidentale in via di estinzione, introducendo tartarughe allevate in cattività in habitat diverse centinaia di chilometri a sud del loro areale naturale a nord di Perth, sulla costa occidentale dell'Australia. In uno dei siti sperimentali, i ricercatori hanno scoperto che il tasso di crescita delle tartarughe era più lento di quello delle tartarughe nel loro intervallo naturale – un'indicazione, dice, che quei siti erano ancora troppo freddi e un dettaglio che poteva solo essere appreso. attraverso la sperimentazione. "C'è un sacco di grattacapi accademici sulla colonizzazione assistita, ma non vediamo nessuno provarci", dice. "Sono le prove effettive che stiamo facendo che ci dicono davvero di più".

Il dibattito sulla colonizzazione assistita è la prova che molti conservazionisti e biologi rimangono bloccati in un vecchio paradigma, in cui qualsiasi intervento umano in natura è indesiderabile e irto, afferma Cuauhtémoc Sáenz-Romero, genetista forestale presso l'Universidad Michoacana de San Nicolás de Hidalgo. Sáenz-Romero ha condotto esperimenti piantando pini messicani e abeti a monte del loro areale naturale nelle montagne del Messico centrale (un progetto progettato anche per aiutare le farfalle monarca che svernano) e mira a fare lo stesso con diversi abeti rossi messicani in futuro. Molti dei suoi frequenti collaboratori scientifici lavorano nel settore forestale. In quel settore, dice, dove i profitti futuri dipendono dai silvicoltori che piantano alberi adatti alle condizioni locali, la colonizzazione assistita sta rapidamente diventando una cosa ovvia. Sáenz-Romero dice che è tempo che anche gli ambientalisti diano uno sguardo pragmatico alla pratica.

"Gli esseri umani hanno sconvolto l'ecologia dell'intero pianeta", dice, aumentando la quantità di anidride carbonica nell'atmosfera a livelli che non si vedevano da milioni di anni. La colonizzazione assistita può essere una misura straordinaria, dice, ma in questi tempi "dobbiamo guardare a cose straordinarie".

Un errore fondamentale è presumere che i rischi dello spostamento delle specie possano essere previsti con precisione, afferma uno scettico.

Non tutti sono d'accordo sul fatto che le linee guida per la valutazione del rischio di colonizzazione assistita siano utili o addirittura possibili. "Non mi offendo dicendo che dovremmo provare a valutare il rischio", dice Simberloff dell'Università del Tennessee. Ma pensa che gli autori dell'articolo di Science non apprezzino appieno quanto sia difficile prevedere gli effetti del movimento delle specie.

Non è inoltre d'accordo con il suggerimento degli autori secondo cui, nelle aree in cui gli esseri umani hanno aiutato la colonizzazione di una specie, quella specie potrebbe essere considerata "neo-nativa". Il suggerimento ha lo scopo di conciliare un conflitto con molte leggi nazionali e internazionali che vietano l'introduzione di specie "aliene" nelle aree naturali protette. "Le persone per anni hanno cercato di ridefinire le specie introdotte come" native "secondo alcuni criteri ad hoc", afferma Simberloff, una pendenza scivolosa per non preoccuparsi delle invasioni biologiche. Mentre molti scienziati temono che il cambiamento climatico causerà l'estinzione di molte specie, le specie invasive sono attualmente un fattore di estinzione maggiore.

L'US Park Service ha assistito la colonizzazione di trote toro nei sistemi lacustri e fluviali nel Glacier National Park.
USGS

Specie o ecosistemi: qual è il modo migliore per ripristinare il mondo naturale? Leggi di più.

Schwartz rimane anche per lo più contrario alla colonizzazione assistita, ma pensa che sia necessaria un'ulteriore discussione. Egli osserva che la colonizzazione assistita è la più semplice di una nuova suite di controverse tecniche di conservazione, tra cui la de-estinzione – utilizzando materiale genetico antico per resuscitare specie estinte – e l'evoluzione assistita, o utilizzando l'ingegneria genetica per equipaggiare meglio una specie contro il caldo, le malattie, o altri guai esistenziali. Sebbene la Conferenza sulla diversità biologica finora non abbia fornito alcuna indicazione che affronterà la questione della colonizzazione assistita, gli autori dell'articolo di Science sono ottimisti che lo farà. Se la comunità internazionale della conservazione riesce a trovare un modo per navigare in questo dibattito, afferma Schwartz, fornirà una road map per altre domande più difficili da affrontare.

"Se riusciamo a mettere i nostri guanti intorno alla colonizzazione assistita ed emergere con alcune politiche per ciò che guida le nostre azioni e decisioni", dice, "penso che saremmo in un posto migliore per gestire queste questioni più complicate".