Tra problemi per i combustibili fossili, è arrivata l'era del "picco del petrolio"?

10

Maggio è stato probabilmente il mese peggiore di sempre per il grande petrolio – e il migliore per i suoi avversari – poiché i tribunali e gli azionisti aziendali si sono schierati con gli attivisti ambientali per umiliare il più grande dei giganti dei combustibili fossili, culminando nel "mercoledì nero".

Quel giorno, il 26 maggio, si sono verificati tre eventi che sarebbero sembrati quasi impossibili non molto tempo fa: attivisti arrabbiati per le politiche climatiche di ExxonMobil hanno vinto tre seggi nel consiglio di amministrazione; Gli azionisti di Chevron hanno votato per costringere l'azienda a iniziare a ridurre le emissioni; e un giudice nei Paesi Bassi ha stabilito che Shell deve ridurre le sue emissioni del 45% entro il 2030.

Quindi cosa c'è dopo per il grande petrolio? Il gioco è finito? Abbiamo raggiunto il picco del petrolio?

Nelle ultime settimane, l'industria petrolifera è stata tesa un'imboscata da una combinazione di politiche di decarbonizzazione, cambiamenti dello stile di vita stimolati dalla pandemia e rapida implementazione di tecnologie verdi che potrebbero rendere il suo prodotto sempre più ridondante e trasformare i suoi pozzi in beni bloccati.

Il momento in cui il secolare progresso del consumo globale di petrolio è cessato è stato previsto da tempo dagli analisti del settore. Ma i loro grafici di tendenza hanno sempre suggerito che il picco del petrolio non si sarebbe verificato fino al 2030 o oltre. Non più. La pandemia di coronavirus ha causato un crollo del 9% della domanda di petrolio nel 2020 che molti economisti pensano non sarà mai recuperato.

Gli azionisti di Big Oil sono stati irrequieti per un po', a seguito di una serie di terribili ritorni finanziari.

"Le ricadute della pandemia potrebbero significare che il 2019 è stato l'anno del picco della domanda di petrolio", ha concluso Mark Lewis, capo della ricerca sulla sostenibilità presso l'asset manager BNP Paribas, in un post sul blog lo scorso giugno. Peter Nagle, economista della Banca Mondiale, ha affermato in un post sul blog che "un cambiamento nel comportamento delle persone" significa che è probabile che il consumo "rimarrà ben al di sotto della sua tendenza pre-pandemia".

I cambiamenti comportamentali includono la riduzione del pendolarismo poiché le persone lavorano da casa e i voli di lavoro ad alto consumo di gas che vengono "ridotti a favore di riunioni a distanza", ha affermato Nagle. Aggiungi la rapida ascesa dei veicoli elettrici e la crescente forza d'azione sui cambiamenti climatici e la miccia si accende per un grande cambiamento nella più grande industria del pianeta. Anche Nagle ha concluso che "la domanda di petrolio potrebbe aver raggiunto il picco nel 2019".

Gli azionisti di Big Oil sono stati irrequieti per un po', a seguito di una serie di terribili ritorni finanziari. Nel 2020, ExxonMobil ha registrato la prima perdita annuale netta nella sua storia di fusione, perdendo l'incredibile cifra di 22,4 miliardi di dollari. Anche Chevron era in territorio negativo.

Lewis cita le "tre D" che riducono il gusto mondiale per il petrolio: decarbonizzazione delle economie per soddisfare l'accordo sul clima di Parigi; deflazione della domanda con l'inizio delle fonti di energia rinnovabile e dei veicoli elettrici; e la "disintossicazione" poiché le città, incoraggiate dall'esperienza dell'aria pulita durante il blocco di Covid, frenano le emissioni di particolato e di ossido di azoto dalla combustione del petrolio. La maggior parte di questo dipende dal futuro dei veicoli a motore.

I taxi elettrici si allineano in una stazione ferroviaria a Shenzhen, in Cina, nell'ottobre 2019.
Nikada tramite Getty Images

Le automobili attualmente consumano quasi la metà del petrolio mondiale. Fino ad ora, la riduzione della domanda creata dai guadagni nell'efficienza del carburante dei veicoli è stata più che compensata dalla crescente popolarità dei SUV ad alto consumo di benzina e dall'aumento della proprietà di auto in tutto il mondo. Attualmente ci sono circa 1,4 miliardi di veicoli sulle strade del mondo.

Il punto di svolta per il petrolio sono destinati ai veicoli elettrici, che eliminano completamente la domanda di petrolio per alimentare le auto. Secondo l'Agenzia internazionale per l'energia (IEA), un organismo intergovernativo, alla fine del 2020 c'erano circa 10 milioni di auto elettriche sulle strade, oltre a più di 600.000 autobus e camion. Questo è meno dell'1% di tutti i veicoli, ma il 5% delle nuove auto acquistate in tutto il mondo è ora elettrico.

Rystad Energy, una società di consulenza energetica norvegese, afferma che l'ascesa dei veicoli elettrici sta avvenendo "prima e più velocemente" del previsto. Praticamente tutti i grandi produttori di veicoli del mondo stanno sviluppando nuovi modelli più economici con intervalli più lunghi tra le ricariche della batteria. Rystad prevede che i veicoli elettrici rappresenteranno il 23% delle vendite globali entro il 2025. Il suo senior partner Per Magnus ha detto a Reuters che la loro diffusione "scaverà nella domanda globale di petrolio in modo molto significativo".

General Motors promette che venderà solo veicoli elettrici entro il 2035. Alcuni analisti ritengono che potrebbe accadere anche prima. "Ora stiamo assistendo all'inizio di un ciclo virtuoso di calo dei costi delle batterie che presto renderà i veicoli elettrici molto più convenienti dei veicoli a combustione interna", ha scritto su Forbes l'anno scorso Ariel Cohen dell'Atlantic Council, un think tank.

Ad aprile, l'Agenzia internazionale dell'energia ha invitato le compagnie petrolifere a porre fine alle prospezioni petrolifere ea ridurre la produzione.

La maggior parte dei governi sostiene questa trasformazione per ridurre le emissioni di anidride carbonica. Il funzionamento dipenderà da come viene generata l'elettricità richiesta da questi veicoli. Se proviene dalla combustione di carbone o gas naturale, i benefici climatici potrebbero essere minimi. Ma l'aumento delle energie rinnovabili offre la speranza che i veicoli elettrici possano ridurre drasticamente le emissioni, oltre a fornire il picco del petrolio.

Ad aprile, l'AIE, un tempo difensore conservatore di tutti i tipi di tecnologie per la combustione di combustibili fossili, ha accettato questa visione. In un rapporto che traccia un percorso per l'industria energetica verso l'azzeramento delle emissioni nette entro la metà del secolo, ha invitato le compagnie petrolifere a porre immediatamente fine alle prospezioni petrolifere e a ridurre la produzione. Alcuni amministratori delegati del big oil si sono opposti. Ma nelle settimane che sono seguite, c'è stata una cascata di eventi che sembrano spingerli su quella strada.

Le cose sono iniziate alla Shell. Con sede in Europa, l'azienda è stata a lungo più preoccupata di molte altre di migliorare le sue credenziali ecologiche. A febbraio, Shell ha pubblicato la propria tabella di marcia verso il net-zero e ha affermato di ritenere che la sua produzione di petrolio avesse raggiunto il picco nel 2019.

Ma i critici hanno gridato al "greenwash", osservando che il piano includeva un aumento del 20% della produzione di gas naturale da qui al 2030 che sarebbe compensato da una massiccia piantagione di alberi. E alla riunione annuale della Shell il 18 maggio, quei critici hanno vinto il sostegno della più grande società di gestione patrimoniale britannica, Legal & General, per un voto contro il piano net-zero della società, sostenendo che non era abbastanza ambizioso. La rivolta non ha ottenuto la maggioranza, ma è stato un segnale di guai in vista per il grande petrolio.

Donald Pols, direttore del gruppo ambientalista Milieudefensie, festeggia il 26 maggio dopo che un tribunale olandese ha ordinato alla Shell di ridurre le proprie emissioni.
REMKO DE WAAL / ANP / AFP tramite Getty Images

Abbastanza sicuro, una settimana dopo, il 26 maggio, la ExxonMobil in perdita ha subito un'imboscata alla sua riunione annuale da un gruppo di attivisti. Sorprendentemente, gli insorti non erano attivisti per il clima, ma attivisti aziendali che avevano reclutato BlackRock, il più grande gestore patrimoniale del mondo e uno dei maggiori azionisti di Exxon, in una mossa di successo per sostituire tre membri del consiglio.

"Il rischio climatico è il rischio d'impresa", ha detto ai giornalisti il ​​fondatore del gruppo, Chris James. Voleva che i membri del consiglio di amministrazione fossero in grado di guidare l'azienda verso politiche a basse emissioni di carbonio che le consentissero di competere in un mondo in via di decarbonizzazione. Lo stesso giorno, oltre il 60% degli azionisti di Chevron ha votato a favore di una mozione presentata dagli attivisti per il clima per costringere la direzione a iniziare a ridurre le emissioni.

Punto di svolta EV: lo slancio si prepara per la transizione dei veicoli elettrici negli Stati Uniti. Leggi di più.

Il "mercoledì nero" è stato interrotto quando un giudice nei Paesi Bassi ha confermato un'azione intentata da Friends of the Earth e ha stabilito che Shell, che è registrata nei Paesi Bassi, deve ridurre le sue emissioni del 45 percento entro il 2030, in linea con le promesse fatte da European governi a rispettare l'accordo di Parigi sul clima.

Il giudice, Larisa Alwin, ha affermato che c'è "un ampio consenso internazionale sulla necessità di un'azione non statale, perché gli stati non possono affrontare da soli la questione climatica". Shell ha detto che sta valutando di appellarsi al verdetto e si è lamentata di essere stata individuata. Ma il suo amministratore delegato, Ben van Beurden, ha affermato che "raccoglierà la sfida" e "accelererà" i tagli alle emissioni a seguito della sentenza.

Il grande petrolio deve affrontare l'opposizione pubblica che nessuna manovra aziendale o controllo dei danni è in grado di bloccare.

Alla fine di maggio, l'agenzia di rating del credito Moody's ha dichiarato che la combinazione della sentenza del tribunale e dei voti degli azionisti "evidenzia il crescente rischio di credito per i principali produttori di petrolio a causa delle preoccupazioni sui cambiamenti climatici".

Gli stessi attivisti per il clima si stanno concentrando sul rischio di credito, prendendo di mira finanziatori e assicuratori di nuovi progetti, così come le stesse compagnie petrolifere. A maggio, i manifestanti in otto paesi africani hanno occupato le stazioni di servizio gestite dal gigante petrolifero francese Total, chiedendo agli investitori di cancellare un oleodotto pianificato di 900 miglia per portare il petrolio da un nuovo giacimento sulle rive del lago Albert in Africa orientale all'India Oceano.

Questo mese, i manifestanti di tutto il mondo hanno convinto diversi assicuratori a ritirarsi da un'importante espansione dell'oleodotto Trans Mountain che avrebbe portato il petrolio dalle sabbie bituminose dell'Alberta in Canada alla costa del Pacifico.

Anche il supporto di lunga data dei governi occidentali per il big oil ha iniziato a diminuire. Settimane dopo la revoca di un permesso che avrebbe consentito al proposto oleodotto Keystone XL di prelevare petrolio dalle sabbie bituminose dell'Alberta attraverso il territorio degli Stati Uniti, l'amministrazione Biden il 1 giugno ha sospeso i contratti di trivellazione petrolifera nelle ricche riserve del National Arctic Wildlife Refuge dell'Alaska.

Big Oil si trova di fronte a un'ondata di opposizione pubblica che nessuna manovra aziendale o controllo dei danni sembra placare. Alcuni vedono la scritta sul muro.

Una stazione di servizio Shell vuota a Monterey Park, in California, durante la pandemia di coronavirus nell'aprile 2020.
Kirby Lee / Associated Press

L'ampia revisione annuale dell'energia del colosso britannico dell'energia BP prevede da diversi anni il picco del petrolio negli anni '30. Ma nella sua ultima revisione del 2020, BP ha spostato drasticamente i pali. Dei tre scenari futuri presentati nella revisione, la domanda globale in due di essi raggiunge il picco nel 2019, con solo un piccolo aumento per un paio d'anni nel terzo. Gli analisti dell'azienda prevedono un calo entro il 2050 di qualsiasi cosa, dal 7% sotto "business as usual" al 70% se – come affermano i suoi dirigenti di sperare – il mondo punta a zero emissioni nette.

Quindi, come funziona?

Mentre il trasporto su strada rappresenta il 48% della domanda mondiale di petrolio, i prodotti petrolchimici rappresentano il 14%, l'aviazione il 7% e il trasporto marittimo il 6%. Quindi il net-zero richiederà anche tagli a quei mercati. Questi tagli possono spesso dipendere da tecnologie non ancora completamente sviluppate, ha affermato Rystad, la società di consulenza norvegese.

Prevede, ad esempio, riduzioni della domanda di prodotti petrolchimici da tecnologie che consentono un riciclaggio molto maggiore dei rifiuti di plastica. Si prevede inoltre che le navi passeranno alle celle a combustibile a idrogeno o alle batterie elettriche a partire dalla metà degli anni '30. Ma prevede una "forte traiettoria verso l'alto" della domanda di cherosene dell'aviazione fino al 2050, perché "non esiste una tecnologia valida per la sostituzione del petrolio".

Potrebbe essere eccessivamente cupo. Con l'industria aeronautica ora impegnata a compensare tutta la futura crescita delle emissioni, la pressione per le innovazioni per ridurre le sue emissioni può solo crescere. Boeing ha promosso l'idea di passare ai biocarburanti, mentre in Europa Airbus, il secondo produttore mondiale di aerei, sta puntando sull'idrogeno. Ha tre diversi aerei a idrogeno “concettuali” a emissioni zero.

La necessità fondamentale per il clima non è il picco del petrolio in sé, ma il picco dei combustibili fossili di ogni tipo. Allora che ne è degli altri?

Il carbone, il combustibile fossile più sporco, è probabilmente in guai ancora più gravi del petrolio. Il picco del carbone si è verificato nel 2013. Rystad pensa che il declino a lungo termine sia ormai iniziato. Un accordo pianificato per porre fine alla combustione del carbone non è riuscito a fare il comunicato dalla riunione del G7 di questo mese in Gran Bretagna, secondo quanto riferito perché l'amministrazione Biden temeva un respingimento in patria. Ma la maggior parte delle nazioni sviluppate sta seguendo le orme della Gran Bretagna, che si è impegnata a porre fine alla combustione del carbone nel 2025.

Nel frattempo, sebbene in Asia continui la costruzione di centrali elettriche a carbone, il fatto che i paesi in via di sviluppo abbiano bisogno e meritino il carbone come il modo più economico per far progredire le loro economie sta perdendo credibilità poiché i costi delle alternative precipitano. L'IEA afferma che l'energia solare fornisce ora l'elettricità più economica della storia.

Sono passati 49 anni da quando un importante rapporto prevedeva che il mondo sarebbe rimasto senza petrolio nel 2022.

I governi del G7 hanno promesso di cessare, dalla fine di quest'anno, tutte le esportazioni di centrali elettriche a carbone e gli aiuti per tali progetti nei paesi in via di sviluppo. La Banca asiatica per lo sviluppo afferma che andrà meglio e inizierà a pagare affinché i paesi chiudano le loro centrali a carbone prima del previsto.

Il picco del gas naturale potrebbe richiedere più tempo. Le sue emissioni sono la metà di quelle del carbone per ogni unità di energia prodotta e attualmente sta sostituendo il carbone nelle centrali elettriche. Rystad si aspetta che diventi il ​​combustibile fossile dominante entro il 2030. Ma dopo, si aspetta che l'ultimo combustibile fossile raggiunga il picco e diminuisca man mano che le rinnovabili prendono il sopravvento.

Il petrolio ha letteralmente guidato il XX secolo, ma ora la sua eclissi sembra sempre più assicurata. Sono passati 49 anni da quando il Club di Roma ha pubblicato I limiti della crescita, prevedendo che presto saremmo rimasti senza petrolio. La sua ipotesi migliore era che la fine sarebbe arrivata nel 2022. A un anno da quella scadenza, non abbiamo ancora esaurito il petrolio, anche se secondo l'AIE, le nuove scoperte nel 2019 sono state meno di un quarto di quelle fatte nel 2010.

Tra i segnali di pericolo, un leader mondiale dell'energia trova motivo di speranza. Leggi di più.

Ma il picco del petrolio potrebbe comunque essere alle porte, grazie alla contrazione della domanda di fronte al cambiamento climatico e al progresso delle nuove tecnologie. Vent'anni fa, la British Petroleum (BP) si è brevemente rinominata Beyond Petroleum. Presto potrebbe essere più di uno slogan.