Tre graphic novel che affrontano in modo creativo la crisi climatica

90

Con l’aggravarsi della portata e della gravità della crisi ambientale, i nostri scaffali e schermi sono stati bombardati da un vortice di generi a tema climatico, dalla finzione climatica (cli-fi) ai film catastrofici.

Questi libri e film tendono a inciampare nello stesso problema: come collegare le esperienze quotidiane della vita umana alle scale molto più grandi del cambiamento ambientale? E, cosa più importante, come farlo in un modo che non crolli in un’esilarante assurdità o in una futile apocalisse, ma che faccia sentire la crisi immediata e reale?

À lire aussi : I romanzi grafici aiutano gli adolescenti a conoscere il razzismo, il cambiamento climatico e la giustizia sociale – ecco un elenco di letture

Negli ultimi anni, le preoccupazioni ambientali emerse nella fiction e nei film hanno trovato espressione anche nei fumetti. Ma c’è qualcosa di speciale nella forma di “graphic novel” o “narrativa grafica”.

Poiché combina immagini e testo, disponendoli insieme sulla pagina, la narrativa grafica si è dimostrata particolarmente abile nel colmare le macro scale del cambiamento ambientale con le micro scale della nostra vita umana quotidiana.

1. Qui di Richard McGuire (2014)

Come suggerisce il titolo, Here è una graphic novel ambientata in un unico luogo: il soggiorno della casa d’infanzia dell’autore. In netto contrasto con le telecamere volanti dei film catastrofici, la nostra prospettiva su questo spazio non si sposta mai. Spazialmente, la graphic novel rimane radicata nella familiare scala umana di un normale soggiorno.

Pagine da qui di Richard McGuire.

Tuttavia, mentre questo spazio non cambia mai, McGuire utilizza timestamp e pannelli mobili per mostrare le immagini dello stesso luogo così come è cambiato nel corso di miliardi di anni.

Ci vengono mostrate esperienze umane familiari, da nascite e morti a feste e giochi. Ma McGuire ci presenta anche scene di questo pezzo di terra quando era una palla gassosa ostile, molto prima dell’evoluzione dell’Homo sapiens, e ci fa avanzare di decine di migliaia di anni, permettendoci di intravedere un futuro dopo gli umani.

Qui di Richard McGuire. Casa casuale dei pinguini

Sebbene questa graphic novel rimanga incentrata sull’umano, comprende anche le inconcepibili durate del tempo che costituiscono il cambiamento planetario. Poiché la loro forma richiede loro di attenersi per lo più a una sequenza lineare di causa ed effetto, romanzi e film non sono in grado di catturare questo scontro senza diventare incoerenti.

La disposizione spaziale della narrazione grafica, tuttavia, consente al romanzo di McGuire di giustapporre scale molto diverse, il che rivela le loro connessioni. Qui è in grado di mostrare l’innalzamento del livello del mare che torna indietro dal futuro e si schianta contro le finestre delle case riscaldate con combustibili fossili.

2. Paying the Land di Joe Sacco (2020)

Il fumetto documentario di Joe Sacco, Paying the Land, affronta lo stesso problema in modo diverso. Racconta la storia dell’industria dei combustibili fossili nei Territori del Nordovest del Canada e le sue violente conseguenze per le comunità indigene Dene che hanno abitato la terra per migliaia di anni.

Il titolo deriva dall’antica pratica dei Dene di ripagare la terra con un dono ogni volta che ne prendono qualcosa di cui hanno bisogno per sopravvivere, come legno, pesci e caribù. Al contrario, le società di fracking recuperano petrolio e gas naturale da molto al di sotto della superficie iniettando pericolosi cocktail di sostanze chimiche nei suoi substrati. Invece di mostrare rispetto per la terra, la ripagano con tossine velenose.

Joe Sacco in una conversazione su Paying the Land.

Sacco illustra questi due diversi rapporti con la terra nell’impaginazione delle sue pagine. Quando siamo con i Dene, che vivono in modo sostenibile sulla terra, non ci sono linee o griglie che ci separino dall’ambiente raffigurato nelle immagini del libro. Ma quando il fumetto si rivolge all’industria dei combustibili fossili, queste linee rette e griglie affilate spezzano sia la pagina che la terra, proprio come le tossine esplose durante il processo di fracking.

La forma visiva della graphic novel ci allena quindi a diversi modi di vedere la terra: possiamo suddividerla in proprietà e risorse, oppure possiamo riconoscere che stiamo vivendo nello stesso ambiente che viene avvelenato.

Mostrando le connessioni tra scale geografiche e storiche che di solito ci sono invisibili, Paying the Land rivela che la violenza e lo sfollamento subiti dai Dene sono intimamente legati al carburante che alimenta le nostre auto e riscalda le nostre case.

3. Papere: due anni nelle sabbie bituminose di Kate Beaton (2022)

Raccontando la sua esperienza autobiografica come operaia nelle sabbie bituminose dell’Alberta, il libro di memorie grafico di Kate Beaton, Ducks, mostra come l’estrazione di risorse abbia gravi conseguenze per i giovani canadesi.

Sovraccoperta di anatre. Jonathan Capo

Gravata dal debito studentesco, Kate è spinta a trovare lavoro nel settore dell’estrazione. Lavorando in siti minerari remoti privi di un controllo manageriale sufficiente, si trova a rischio di violenza maschile. Sebbene sia alle prese con questa cultura tossica, la combinazione delle sue pressioni finanziarie personali con un’economia fallimentare costruita attorno ai combustibili fossili le impedisce di andarsene prima che il suo prestito venga ripagato.

Pagina di Cape Breton da Ducks. Jonathan Capo

I capitoli di Beaton iniziano con inquietanti disegni delle sabbie bituminose che sembrano strani paesaggi lunari. L’isolamento e la claustrofobia di queste ambientazioni viene poi comunicata attraverso piccoli pannelli che compongono il resto del fumetto.

Ducks offre una visione insolita delle pressioni strutturali che incidono violentemente sulla vita quotidiana delle persone, ma soprattutto su quella delle donne e dei giovani.

I fumetti si distinguono dai film e dai romanzi nelle loro rappresentazioni della crisi climatica. Accostando le immagini sulla pagina, incoraggiano i lettori a tracciare collegamenti che mostrano come le scale a volte incomprensibili del cambiamento ambientale siano legate ai dettagli più intimi della nostra vita quotidiana.