tre modi in cui i leader possono utilizzare questi vertici per creare un mondo più sostenibile

48

Davos 2023 è il primo incontro annuale di persona del World Economic Forum (WEF) dall’inizio della pandemia di COVID. L’incontro annuale vede i leader del mondo degli affari, della politica e della società civile riunirsi nella località montana svizzera con accademici, giornalisti e celebrità per discutere le agende economiche globali. Molti lo considerano essenzialmente un forum per i ricchi, ma il vertice di Davos del 2023 è tornato a “un punto di svolta critico per il mondo”, secondo il WEF.

Lo slogan dell’incontro di quest’anno – Cooperazione in un mondo frammentato – fa cenno a ciò che il Rapporto sui rischi globali recentemente pubblicato dal WEF chiama le “policrisi” che colpiscono il nostro mondo interconnesso. Queste crisi che si intersecano vanno dal cambiamento climatico e le carenze energetiche all’insicurezza alimentare e alla migrazione forzata. Il WEF chiede “un’azione collettiva coraggiosa” per affrontarli.

Sulla scia del COVID, molte persone sembravano essere più consapevoli di quanto il mondo sia vulnerabile agli eccessi della produzione economica. Il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, ha dichiarato che abbiamo bisogno di costruire più “economie e società sostenibili”, e le speranze più ampie abbondavano per una maggiore cooperazione globale sulla salute umana e ambientale.

Quindi, quando gran parte del mondo è emersa da blocchi e restrizioni, i governi nazionali si sono concentrati nuovamente sulla ripresa economica. Ciò fa naturalmente appello ai più antichi impulsi umani di progresso. Ma ha anche portato a un’occasione mancata per ripensare a come le economie dovrebbero essere organizzate per un mondo più sostenibile. I leader globali avrebbero potuto usare questo tempo per rispondere al danno ecologico del capitalismo tardo moderno lavorando per un sistema economico più regolamentato, socialmente e ambientalmente responsabile.

I leader politici di tutto il mondo potrebbero non aver colto questa opportunità subito dopo il COVID, ma le Nazioni Unite hanno esplorato questi problemi e pubblicato una nuova visione per la sicurezza globale nel 2022 chiamata New Threats to Human Security in the Anthropocene. Sono stato uno degli autori di sfondo del rapporto, che delinea tre sfide vitali per garantire la sostenibilità del pianeta:

1. Tutelare la sicurezza umana e ambientale

Il rapporto delle Nazioni Unite documenta la mancanza di un’azione globale in risposta alle misure scientifiche allarmanti della salute planetaria – dalle emissioni di gas serra all’aumento della temperatura, dalla deforestazione alla perdita di biodiversità. Sottolinea le connessioni tra produzione economica industriale, cambiamento climatico e salute umana.

Tra le molte ragioni per cui l’impatto del capitalismo sull’ambiente deve ancora essere pienamente riconosciuto, una delle più importanti è l’ascesa politica del neoliberismo. Questo modo di pensare promuove idee di libero mercato che hanno a lungo messo da parte l’ambiente nel promuovere lo sviluppo economico. La Dasgupta Review del 2021 del governo britannico, che esamina la relazione tra economia e biodiversità, ha sottolineato lo stesso punto.

Il neoliberismo dà costantemente la priorità alla sicurezza militare ed economica rispetto alla sicurezza umana e ambientale. Ciò ha significato che la produzione economica globale valorizza il profitto sia sulla salute planetaria che su quella umana. Probabilmente i migliori esempi di ciò sono l’ascesa del settore agroalimentare “Big Farm” e il ruolo che i mercati della fauna selvatica non regolamentati potrebbero aver svolto nell’emergere di COVID.

2. Misurare lo sviluppo in modo diverso

Definire e misurare lo sviluppo è anche una considerazione importante per i leader mondiali di oggi. Ma quando si collega la crescita economica allo sviluppo, è importante utilizzare misure diverse dal PIL.

Leggi anche : Oltre il PIL: cambiare il modo in cui misuriamo il progresso è la chiave per affrontare un mondo in crisi – tre eminenti esperti

Il rapporto sullo sviluppo umano 2020 dell’UNDP ha introdotto quelli che chiama “aggiustamenti della pressione planetaria” per misurare lo sviluppo umano. Questo classifica lo sviluppo di un paese non solo in termini di prosperità economica, ma anche in relazione alle emissioni di carbonio e all’utilizzo delle risorse pro capite.

Altri modelli alternativi e misure di benessere economico, compresa la decrescita, stanno prendendo piede presso i responsabili politici. I sostenitori della decrescita vogliono trasformare il modo in cui viene misurato il benessere e il modo in cui le nostre economie sono regolate per garantire che le risorse siano utilizzate in modo più sostenibile. Ma questo richiede sia l’accettazione politica che un consenso più ampio da parte del pubblico.

Leggi anche : Decrescita: perché alcuni economisti pensano che abbandonare la crescita sia l’unico modo per salvare il pianeta – podcast

3. Utilizzare la governance globale per creare un pianeta condiviso

Costruire consenso su come creare un mondo più sostenibile intraprenderà un’azione globale collettiva su interessi condivisi. Richiederà solidarietà e robusti strumenti di governance globale per consentire la regolamentazione e la responsabilità. Ciò comporta conseguenze legali per i paesi che non aderiscono a convenzioni concordate come l’Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici o la Convenzione del Consiglio d’Europa sul paesaggio. E le organizzazioni internazionali come l’Organizzazione mondiale della sanità avranno bisogno di più poteri per supervisionare le leggi internazionali come il regolamento sanitario internazionale nel monitoraggio e nella lotta alla diffusione globale della malattia.

I governi possono anche utilizzare incentivi finanziari per incoraggiare le aziende a proteggere la biodiversità e promuovere soluzioni basate sulla natura ai problemi del settore. Anche la tecnologia può giocare un ruolo, anche se è importante diffidare sia dei limiti che della retorica della “correzione tecnologica”.

Il Centro Congressi di Davos, in Svizzera, durante l’incontro annuale 2020 del World Economic Forum. makasana foto/Shutterstock

Un mondo più sostenibile significa comprendere le crisi umane e ambientali del pianeta che si intersecano e capire come affrontarle in modo olistico, cooperativo e responsabile. Dopodiché, la sfida consiste nell’utilizzare le istituzioni ei meccanismi di governance globale già esistenti, oltre a spingere i leader a prendere decisioni coraggiose che mettano la sicurezza umana e ambientale per tutti al di sopra del profitto infinito per pochi.