un sondaggio lo scompone

56

Il cambiamento climatico è una grave minaccia per la produzione alimentare e sta spostando le persone e aumentando i rischi per la salute a livello globale. Affrontare il cambiamento climatico richiede ingenti risorse, inclusi investimenti finanziari per decarbonizzare le economie e produrre cibo in modo sostenibile. Richiede soprattutto cooperazione e impegno internazionale, basati su un’accurata comprensione delle questioni rilevanti.

Tuttavia, anche i paesi meno sviluppati hanno sfide concorrenti. In Sud Africa, ad esempio, la povertà, la disuguaglianza, la violenza e l’accesso all’istruzione e all’occupazione tendono a oscurare gli sforzi per il cambiamento climatico.

Nel 2022, il governo sudafricano ha iniziato a pensare a come incorporare le sfide ambientali nel bilancio nazionale utilizzando le prove di 11 progetti in corso. Questo è un passo importante verso il trattamento del cambiamento climatico come una priorità nazionale. Tuttavia, attualmente altre sfide socioeconomiche che affliggono la popolazione sono al centro della spesa nazionale del governo.

Questo è comprensibile. In Sud Africa, una donna su quattro di età compresa tra 18 e 49 anni ha subito violenze da parte di un partner intimo. La prevalenza dell’HIV è al 13,5% e l’attuale disoccupazione è la più alta da molti anni al 33,9%. I sudafricani li considerano questioni urgenti che meritano un’attenzione immediata. Si riflettono nel Piano di sviluppo nazionale del paese.

Tutte queste preoccupazioni sono collegate, tuttavia. Il cambiamento climatico rappresenta un rischio aggiuntivo per gli sforzi attuali e futuri per proteggere i mezzi di sussistenza, far crescere l’economia e prevenire malattie e perdite di vite umane. È quindi importante sapere cosa pensa il pubblico delle questioni ambientali e del valore di affrontarle.

Questa è stata la motivazione per il mio studio degli atteggiamenti dei sudafricani nei confronti delle questioni ambientali in relazione alle sfide socioeconomiche concorrenti.

Lo studio ha utilizzato l’indagine sugli atteggiamenti sociali sudafricani del 2017 di un campione di persone rappresentativo a livello nazionale. Nel sondaggio, 3.173 adulti hanno scelto quelle che all’epoca consideravano le tre sfide più importanti in Sudafrica. Le questioni ambientali erano nella lista da cui potevano scegliere.

Le questioni ambientali non sono apparse tra le prime 10 sfide più importanti identificate. Solo lo 0,09% degli intervistati ha indicato le questioni ambientali come la priorità più importante nel Paese. L’ambiente si è classificato al 17° posto tra le principali priorità degli intervistati. I problemi con il punteggio più alto sono stati la disoccupazione, l’HIV e la criminalità.

L’analisi delle risposte ha rivelato che il 77,62% degli intervistati aveva atteggiamenti negativi nei confronti dell’ambiente e il 22,37% aveva atteggiamenti positivi.

I risultati del sondaggio suggeriscono che i sudafricani preferirebbero vedere gli sforzi per affrontare altre sfide, anche se il cambiamento climatico intensificherà tali sfide. I risultati suggeriscono anche dove potrebbero concentrarsi gli sforzi per cambiare le percezioni.

Il sondaggio è stato condotto cinque anni fa e da allora la pandemia di COVID-19 ha avuto un enorme impatto sulla vita delle persone. Quindi è possibile che, se interrogate oggi, le preoccupazioni climatiche possano essere ancora più in basso nell’elenco delle priorità per la popolazione sudafricana.

Atteggiamenti e percezioni circa le preoccupazioni ambientali

La popolazione dello studio era costituita da adulti, di età pari o superiore a 16 anni, di entrambi i sessi e di tutte le razze, località geografiche e nazionalità. I risultati sono stati controllati per queste caratteristiche demografiche e socioeconomiche.

I partecipanti hanno risposto a tre domande:

  • quelle che vedevano come le tre sfide più importanti del Sudafrica (in ordine)

  • se le “tasse del popolo” fossero utilizzate per l’ambiente

  • se debbano essere spese più tasse per l’ambiente.

Di tutti gli intervistati, il 65% ha indicato la disoccupazione (1°), il 15% l’HIV/AIDS (2°) e l’11% la criminalità e la sicurezza (3°) come le tre principali sfide del paese. Solo lo 0,09% degli intervistati ha indicato l’ambiente come priorità assoluta. Quest’ultimo gruppo di intervistati erano tutti maschi.

Neanche le questioni ambientali sono apparse nella top 10 della seconda o terza sfida più importante.

L’elenco delle seconde priorità più importanti era guidato da: criminalità e sicurezza; fornitura di servizi; corruzione. Qui, l’ambiente è arrivato al 15° posto (1,04%). Di coloro che hanno classificato l’ambiente al 2° posto, il 69% erano donne.

L’elenco delle terze questioni più importanti era dominato da: povertà; corruzione; formazione scolastica. L’ambiente era 10° (3,18%), con un mix più uniforme di uomini e donne.

I partecipanti che hanno classificato le sfide sociali come una priorità principale avevano anche maggiori probabilità di avere atteggiamenti positivi nei confronti delle sfide ambientali. Ciò dimostra che esiste un gruppo comune all’interno della popolazione che potrebbe essere preso di mira per i movimenti di cambiamento ambientale e sociale.

Tra gli intervistati che ritenevano che si dovessero spendere più soldi delle tasse per l’ambiente, il 62,28% erano uomini e il 37,72% donne.

I maschi e i residenti urbani avevano maggiori probabilità di avere atteggiamenti negativi nei confronti delle questioni ambientali rispetto alle femmine e ai residenti rurali.

I gruppi che erano inclini a essere negativi nei confronti dell’ambiente erano: di età superiore ai 16-19 anni; femmina; Nero; meno istruito; disoccupato.

La scoperta che le donne non danno la priorità alle sfide ambientali tanto quanto i maschi è un’opportunità per informare le donne sui benefici immediati che le strategie sul cambiamento climatico potrebbero presentare alla cura e al funzionamento quotidiano delle loro famiglie. Circa il 42% delle famiglie in Sud Africa sono guidate da donne.

Implicazioni per gli sforzi per il cambiamento climatico

Questi risultati ci dicono che gli interessi economici, sociali e sanitari in competizione attualmente mettono in ombra gli interessi ambientali in Sud Africa. Ciò è giustificabile al momento, ma molti di questi problemi saranno esacerbati dal cambiamento climatico in futuro, aggiungendo un’altra sfida alle prospettive di sviluppo del paese.

In secondo luogo, gli sforzi per ridurre le sfide concorrenti potrebbero creare un’opportunità per una maggiore consapevolezza sui cambiamenti ambientali e sulle preoccupazioni per lo sviluppo.

Dovrebbero essere sviluppate strategie che si concentrino sull’inclusione di donne e residenti rurali, tra gli altri, per informare e aiutare il pubblico a ridurre l’impronta di carbonio e creare tecnologie sostenibili.

In tal modo, ci sono due fattori importanti da ricordare. Gli interventi non dovrebbero costare di più al pubblico e rendere la popolazione più vulnerabile. E le soluzioni ricercate e le informazioni comunicate dovrebbero essere adatte ai mezzi di sussistenza della popolazione, alle esigenze di produzione e consumo alimentare e alle economie. Cioè, è necessaria una strategia e una soluzione guidate dall’Africa.