Una comunità thailandese custodisce – e difende – i suoi boschi

92

Vicino al confine tra Thailandia e Myanmar, il villaggio di 100 persone di Ban Hmong Kua è una comunità ascetica i cui residenti – membri del popolo etnico Karen – hanno un profondo legame con la foresta tropicale circostante e i suoi ruscelli cristallini. In “We and the Woods”, il regista Weeraphan Thavorn parla con gli asceti, che esprimono una crescente preoccupazione per l’impatto del cambiamento climatico e l’intensificarsi del disboscamento e dello sviluppo nella loro regione.

“Oggi il clima non è lo stesso”, dice uno degli anziani del gruppo. “I venti non sono più naturali. Ci sono molti venti tossici. La nebbia che vedi non è più natura: è smog, fumo che proviene da fumi o incendi. Ogni flusso d’acqua trasporta veleno con il suo flusso.

Come mostra il film di Thavorn, la comunità insegna l’interconnessione di tutta la natura: alberi, suolo, ruscelli e aria. “Diciamo [people], ‘Per favore, non distruggere le fonti d’acqua. Per favore, non abbattere gli alberi sulla montagna’”, dice l’anziano. “Sostengono che non ha nulla a che fare con il suolo e l’acqua. Non sono ben informati”.

Le circa 400 persone nei villaggi circostanti, la maggior parte dei quali contadini, tengono in grande considerazione gli asceti – buddisti ma non monaci. Per proteggere i boschi, raccolgono il 10 per cento dei loro guadagni dalla vendita di curcuma e altri prodotti per aiutare a finanziare le attività delle guardie forestali. Una delle guardie più giovani, facendo eco alla visione del mondo degli asceti, dice a Thavorn: “Se l’acqua si asciuga, se la foresta è scomparsa, non sono le autorità ad essere nei guai, ma la gente che vive lì”.

Informazioni sul regista: Weeraphan Thavorn è un regista e grafico il cui lavoro è stato presentato dalla televisione pubblica thailandese. Il suo film “We and the Woods” è stato presentato in anteprima al Changing Climate, Changing Lives Film Festival del 2022, vincendo il secondo posto nel concorso di cortometraggi documentari.

Informazioni sul concorso: Lo Yale Environment 360 Film Contest premia i migliori documentari ambientali dell’anno, con l’obiettivo di riconoscere lavori che in precedenza non erano stati ampiamente visti. Quest’anno abbiamo ricevuto 490 candidature da sei continenti, con un premio di $ 2.000 al vincitore.