Una decisione storica tra risultati scoraggianti

71

La recente conferenza sul clima COP27 è stata annunciata come il momento per attuare gli impegni presi sul cambiamento climatico presi alla COP21, tenutasi a Parigi nel dicembre 2015.

La COP27 si è svolta a Sharm El-Sheikh, in Egitto, in un contesto geopolitico, energetico ed economico incerto. Contrassegnato dal 30° anniversario della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, i suoi risultati erano molto attesi.

I risultati sono incoraggianti per certi aspetti e molto scoraggianti per altri.

In qualità di ricercatori dell’Università di Ottawa, dell’UQAM e dell’Università di Oxford, rappresentiamo il Center for Environmental Law and Global Sustainability. Abbiamo seguito la COP27 a distanza e di persona. Ecco i punti salienti principali che ne abbiamo ricavato.

I giovani attivisti chiedono ai leader mondiali di limitare il riscaldamento a 1,5 C alla COP27 del 19 novembre a Sharm El-Sheikh. (Foto AP/Nariman El-Mofty)

Finanziamento per perdite e danni: una decisione storica, ma…

Il convegno si è aperto con l’inserimento inaspettato del finanziamento dei sinistri e dei danni all’ordine del giorno e l’ambizioso obiettivo di raggiungere una decisione su questo controverso argomento. L’obiettivo di questo aspetto della finanza climatica è risarcire gli Stati per i danni subiti a causa degli impatti dei cambiamenti climatici.

Spinto in gran parte dai paesi in via di sviluppo, l’accordo raggiunto per creare un fondo e un comitato di transizione per rendere operativa la questione delle perdite e dei danni è una decisione storica, data la riluttanza di alcuni stati sviluppati nel determinare la forma e le conseguenze di questo fondo.

I manifestanti chiedono finanziamenti per perdite e danni dovuti al cambiamento climatico alla COP27 del 18 novembre. (AP Photo/Peter Dejong)

Il meccanismo dovrebbe essere operativo entro due anni, ma si teme che il suo finanziamento dipenda fortemente dai paesi sviluppati i cui impegni finanziari per il Fondo di adattamento sono ancora carenti. Inoltre la Cina, designata come Paese in via di sviluppo (ma che, di fatto, non lo è più), ha già rivelato che non contribuirà al fondo.

Anche i petrostati si oppongono all’idea di fornire qualsiasi contributo finanziario. Nel suo discorso di chiusura della sessione plenaria, il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha sottolineato l’importanza politica del fondo, ma si è rammaricato della sua inadeguatezza. Questo meccanismo rivela infatti un paradosso al centro dei negoziati sul clima: il finanziamento di misure per rimediare agli impatti del cambiamento climatico, da un lato, e il continuo rifiuto di eliminare i combustibili fossili, dall’altro.

L’obiettivo di 1,5 gradi scivola più lontano

L’attuazione auspicata dalla COP27 doveva esprimersi anche attraverso azioni concrete di riduzione delle emissioni di gas serra al fine di raggiungere gli obiettivi dell’Accordo di Parigi. L’obiettivo è mantenere l’aumento della temperatura media del pianeta ben al di sotto dei 2°C e proseguire gli sforzi per limitare l’aumento della temperatura a 1,5°C rispetto ai livelli preindustriali.

A questo proposito, la COP27 è stata bloccata dallo status quo, nonostante l’urgenza. Le parti, inclusa l’Arabia Saudita, si sono opposte all’aggiunta del limite di 1,5 gradi nel testo finale, anche dopo essersi impegnate a fissare “obiettivi climatici più severi” alla COP26. Altri paesi, tra cui il Regno Unito, il Canada e l’UE, hanno combattuto per preservare le conquiste del Patto di Glasgow. Il testo finale della COP27 si limita a ribadire gli obiettivi dell’Accordo di Parigi.

Raggiungere questo obiettivo sta diventando sempre più irrealistico. Solo 34 paesi hanno presentato o aggiornato i propri contributi nazionali alla riduzione delle emissioni dalla COP26. Tuttavia, gli attuali contributi a cui gli stati si sono impegnati non manterranno (ammesso che siano soddisfatti) l’aumento della temperatura globale al di sotto dei 2 gradi. L’obiettivo di 1,5°C è ora “in supporto vitale”.

Manca ancora la riduzione graduale dei combustibili fossili

Molti paesi vulnerabili agli impatti dei cambiamenti climatici, tra cui Tuvalu, hanno ribadito l’urgenza di eliminare gradualmente i combustibili fossili e hanno chiesto l’attuazione di un trattato di non proliferazione dei combustibili fossili.

Mentre alcuni partiti, guidati dall’India, hanno fatto pressione affinché il phase-down dei combustibili fossili fosse incluso nel testo finale, il Piano di attuazione di Sharm El-Sheikh ribadisce la formulazione proposta nel Patto di Glasgow, che si riferisce solo al carbone. Ha sicuramente giocato un ruolo la forte presenza del settore oil and gas, la cui partecipazione è aumentata del 25% rispetto alla COP26.

La partecipante canadese Lauren Latour manifesta contro i combustibili fossili alla COP27 a Sharm El-Sheikh il 18 novembre. (AP Photo/Peter Dejong)

Il Canada ha sostenuto il mantenimento di questa formulazione prima di qualificare la sua posizione di fronte alle critiche. Senza dubbio questo tema verrà discusso nuovamente alla prossima COP28 negli Emirati Arabi Uniti.

Il Canada alla COP

A differenza della COP26, il primo ministro Justin Trudeau e il suo omologo del Québec, François Legault, non hanno partecipato. Tuttavia, il Canada ha avuto una forte presenza alla COP27 con una delegazione di 377 membri guidata dal ministro dell’Ambiente e dei cambiamenti climatici Steven Guilbeault.

Il Canada ha avuto una delegazione di 377 membri alla COP27, guidata dal ministro dell’Ambiente Steven Guilbeault, mostrato qui con le controparti di Norvegia e Nuova Zelanda, il 19 novembre a Sharm El-Sheikh. (Foto AP/Nariman El-Mofty)

La delegazione comprendeva un’ampia gamma di parti interessate oltre al settore pubblico federale. Questi includevano rappresentanti di organizzazioni indigene, rappresentanti provinciali e municipali, rappresentanti di ONG, ma anche otto lobbisti del settore dei combustibili fossili.

Anche il Canada ha ospitato per la prima volta un padiglione nell’area dei negoziati. Le attività sono state organizzate attorno a tre pilastri guida: ambizione, attuazione e partenariato. Queste attività sono state tuttavia offuscate dall’organizzazione di eventi che hanno caratterizzato il settore dei combustibili fossili, stimolando a loro volta manifestazioni da parte di attori della società civile (che non hanno ostacolato lo svolgimento degli eventi).

Un poliziotto caotico per i partecipanti

Una moltitudine di problemi logistici ha limitato l’accesso alle negoziazioni, inclusi padiglioni inaccessibili alle persone con mobilità ridotta, costi di alloggio eccessivi e fluttuanti, cancellazioni last minute di prenotazioni alberghiere e aumenti di prezzo e vari ostacoli alla circolazione sicura per le persone con disabilità.

C’erano anche problemi digitali. I partecipanti hanno riscontrato problemi di accesso alla piattaforma virtuale. Sul posto, una delle maggiori sfide è stata l’installazione dell’applicazione ufficiale sviluppata dal Ministero delle Comunicazioni e dell’Information Technology egiziano, che richiedeva autorizzazioni eccessive per l’accesso. In effetti, molte delegazioni si sono chieste se il governo egiziano stesse effettivamente utilizzando l’applicazione a fini di sorveglianza.

Simon Stiell, segretario esecutivo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, alla sessione plenaria di chiusura della COP27 a Sharm El-Sheikh il 20 novembre. La COP28 si svolgerà il prossimo anno a Dubai. (Foto AP/Peter Dejong)

Occhi puntati su Dubai

La COP27 segna 30 anni di negoziati, con la prospettiva di una traiettoria catastrofica di temperature in aumento tra 2,5 e 3 gradi. I risultati della COP27 sono estremamente deludenti in questo senso data l’urgenza della situazione. Riflettono differenze politiche colossali che evidenziano le principali sfide della governance ambientale a livello internazionale.

Dimostrano anche la difficoltà delle nostre società a fare a meno dei combustibili fossili. Le speranze dei difensori del clima si rivolgono ora, ancora una volta, alla prossima COP. La 28a edizione si svolgerà negli Emirati Arabi Uniti, una regione la cui economia si basa in gran parte sullo sfruttamento dei combustibili fossili.