Una nuova ondata di leggi anti-protesta potrebbe violare le libertà religiose per gli indigeni

0
7

Per quattro giorni nel giugno 2021, migliaia di manifestanti hanno partecipato al Treaty People Gathering in opposizione alla Linea 3, un oleodotto per il petrolio greggio che dovrebbe essere costruito attraverso le tradizionali terre d'origine dei popoli Ojibwe nel nord del Minnesota.

Per iniziare il raduno, gli anziani indigeni hanno condotto una cerimonia religiosa pubblica. Dicevano preghiere e cantavano canzoni che benedicevano e santificavano le sorgenti del fiume Mississippi. Hanno anche pregato per le persone coinvolte nella protesta, oltre 100 delle quali sono state successivamente arrestate per violazione di domicilio e altri atti di disobbedienza civile.

Come studioso indigeno di religione e ambiente, sono interessato a come i nativi americani proteggono i loro paesaggi sacri e come si fondono la protesta con la religione.

E vedo come le repressioni della polizia sulle proteste come quella di Line 3 abbiano il potenziale per violare la libertà religiosa degli indigeni.

Leggi anti-protesta

Più di 30 stati degli Stati Uniti, incluso il mio stato di origine, il Montana, hanno approvato leggi "anti-protesta" negli ultimi anni per fermare il tipo di protesta e disobbedienza civile condotta sulla linea 3 in Minnesota.

Diverse leggi anti-protesta sono attualmente pendenti nella legislatura del Minnesota.

Queste nuove leggi aumentano drasticamente le tasse e il carcere per i condannati. In Montana, ad esempio, una persona ritenuta colpevole di aver danneggiato "infrastrutture critiche" può essere multata fino a 150.000 dollari e imprigionata per 30 anni. Montana ha aggiunto costi aggiuntivi per coloro che assistono i manifestanti. Anche se non partecipano ad alcuna disobbedienza civile, una persona o un gruppo che "compensa, fornisce corrispettivo o remunera" i protestati può essere ritenuto "responsabile indiretto" e ricevere condanne simili.

Le leggi anti-protesta sono in netto contrasto con la lunga storia dell'uso della disobbedienza civile negli Stati Uniti come strumento di cambiamento sociale, come quella praticata dal dottor Martin Luther King, Jr. e altri durante la lotta per la difesa civile. diritti. La disobbedienza civile è la "violazione pubblica, nonviolenta e coscienziosa della legge". In altre parole, lo scopo della disobbedienza civile è infrangere la legge e farsi arrestare per cambiare la società.

Ad esempio, l'attrice e attivista Jane Fonda ha lanciato l'"esercitazione antincendio del venerdì" nel 2019 per attirare l'attenzione sulla crescente crisi climatica. Per tutto l'inverno del 2019 e del 2020, Fonda e altre celebrità e attivisti sono stati arrestati ogni venerdì al Campidoglio degli Stati Uniti.

Ma questo tipo di disobbedienza civile in cerca di pubblicità ha attirato le ire dell'industria energetica e dei sostenitori di leggi anti-protesta.

Tutela della libertà religiosa religious

Gli indigeni negli Stati Uniti hanno lottato per praticare le loro religioni e proteggere i loro paesaggi sin dalla fondazione della nazione. Danze e rituali indigeni un tempo erano illegali in molte comunità. Fu solo nel 1978 che l'American Indian Religious Freedom Act divenne una politica federale e concesse agli indigeni il "diritto intrinseco della libertà di credere, esprimere ed esercitare [their] religioni tradizionali”.

Nonostante il cambiamento di politica, la professoressa di diritto Kristen Carpenter sostiene nell'Harvard Law Review che, caso dopo caso, la Corte Suprema ha negato "la libertà religiosa agli indiani d'America". Ciò è particolarmente vero quando si tratta della protezione dei paesaggi sacri. La sentenza del 1988 su Lyng v. Northwest Indian Cemetery Protective Association, nota come il caso "G-O Road", ad esempio, ha creato il precedente per consentire la costruzione di siti sacri indigeni.

Le nuove leggi anti-protesta e le proposte di legge sono allarmanti per vari gruppi. Centinaia di scienziati hanno recentemente firmato una lettera aperta in cui affermano di essere "gravemente preoccupati" per l'aumento della criminalizzazione delle proteste ambientali.

Le organizzazioni per le libertà civili, nel frattempo, temono che le nuove leggi anti-protesta possano limitare i diritti del Primo Emendamento alla libertà di parola e alla libertà di riunione.

Ma la crescente criminalizzazione delle proteste ha anche il potenziale per violare il diritto alla libertà religiosa del Primo Emendamento. Questo perché le proteste indigene spesso trasformano i luoghi di protesta in luoghi di pratica religiosa e persino di pellegrinaggio.

La polizia arresta gli attivisti ambientali presso la stazione di pompaggio dell'oleodotto della linea 3 vicino all'Itasca State Park in Minnesota il 7 giugno 2021.
Kerem Yucel/AFP tramite Getty Images

L'ombra della conquista

Gli attivisti ambientalisti indigeni negli Stati Uniti hanno a lungo sostenuto di non essere manifestanti ma "protettori" di paesaggi sacri e bacini idrografici. Credono che il loro ruolo sia quello di mantenere la terra indigena da ulteriore degrado ambientale o danni.

Nel suo nuovo libro "Movimenti di protesta religiosa e sociale", lo storico Tobin Miller Shearer sostiene che gli indigeni usano i luoghi di protesta come luoghi di pratica religiosa dove approfondiscono la loro spiritualità. Condivide come la protesta dell'oleodotto Dakota Access in North Dakota è diventata una "protesta religiosamente permeata" che "ha amplificato e approfondito le pratiche spirituali" dei manifestanti. Si tenevano preghiere quotidiane e si bruciavano fuochi sacri.

Alcuni indigeni vanno alle proteste ambientali proprio per questo motivo: per partecipare a un rituale religioso comunitario.

Louise Erdrich, autrice di Ojibwe vincitrice del Premio Pulitzer, ha descritto la sua esperienza nel campo di protesta di Line 3 in un articolo per il New York Times. “Ogni mattina alle 10, le persone si riuniscono per pregare”, ha scritto. "Ogni giorno ci sono più persone nel cerchio".

Per Erdrich, il campo non era solo un luogo di protesta ma di connessione spirituale.

"Siamo qui sulla terra, omaa akiing", ha spiegato, "e le acque sono vive di energia".

[3 media outlets, 1 religion newsletter. Get stories from The Conversation, AP and RNS.]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui