utilizzare l'innovazione sostenibile per ridurre ciò che buttiamo via

0
40

Il nostro appetito per il cibo è un problema serio. L'enorme quantità di energia, terra e acqua utilizzata per riempire gli scaffali dei nostri supermercati significa che la sovrapproduzione moderna e il consumismo eccessivo stanno rapidamente esaurendo le risorse e danneggiando il pianeta.

Tuttavia, ogni anno più di un terzo della produzione alimentare mondiale va sprecata. Ciò equivale a ben 1,3 miliardi di tonnellate di cibo, di cui più di sette milioni di tonnellate vengono prodotte nel Regno Unito.

Ora più che mai la sopravvivenza della nostra produzione alimentare è imperniata sull'innovazione sostenibile. Ecco alcune idee attuali che tentano di affrontare in modo efficace (o meno efficace) lo spreco alimentare nella catena di approvvigionamento. Abbiamo assegnato a ciascuna tipologia un "punteggio di sostenibilità" su 20, sulla base di cinque fattori distinti, tra cui l'efficienza economica e ambientale.

Start-up della rivoluzione dello spreco alimentare

Più della metà degli sprechi alimentari nella produzione e nell'agricoltura è classificata come "evitabile" e rappresenta 1,4 miliardi di sterline di perdite nel Regno Unito. Ciò ha ispirato una serie di piccole imprese che utilizzano questi rifiuti per realizzare nuovi prodotti.

L'ex chef londinese Tom Fletcher, ad esempio, ha fondato Rejuce nel 2012 e da allora ha trasformato oltre 250 tonnellate di orribile frutta e verdura traballante in succhi e frullati. Una rete di fornitori fornisce all'azienda ingredienti locali ea basso costo, eliminando i propri costi di smaltimento nel processo.

Rejuce è stata in grado di crescere, vendendo ora più di 100.000 bottiglie all'anno, risparmiando cibo commestibile dallo spreco e trasformandolo in prodotti nutrienti.

Nel frattempo Toast Ale, è un'organizzazione senza scopo di lucro che produce bevande alcoliche, comprese le birre chiare e le birre artigianali, dal pane di scarto. Fornisce circa 13.000 fette di pane scartate ogni giorno dai produttori di sandwich.

Il sottoprodotto della produzione della birra viene quindi lavorato e dato alle fattorie locali per essere utilizzato come mangime per animali altamente nutriente. Vendendo online e attraverso i principali supermercati britannici Tesco e Waitrose, Toast Ale dona tutti i suoi profitti a Feedback, un ente di beneficenza che lavora per trasformare il sistema alimentare globale.

Queste aziende – e molte altre – stanno rimodellando il modo in cui percepiamo e utilizziamo i rifiuti come una risorsa che aggiunge valore, piuttosto che qualcosa che deve essere gettato via.

Punteggio di sostenibilità: 20

Digestione anaerobica

Gli impianti di digestione anaerobica (AD) forniscono energia rinnovabile e gas.
Wyke Farms, uno dei principali produttori di latte nel Regno Unito, utilizza questo approccio per alimentare i propri stabilimenti. I suoi impianti di digestione del biogas scompongono la materia organica del letame da cortile, la produzione di formaggio, i mulini per il sidro e le panetterie in energia naturale.

Questa elettricità viene quindi utilizzata per alimentare i siti di produzione e l'energia aggiuntiva viene reimmessa nella rete per fornire elettricità pulita alla comunità locale. Questo non solo fa risparmiare enormi quantità di bollette energetiche ogni anno, ma riduce anche la produzione di rifiuti dalla produzione, abbassando le emissioni di metano.

Non si ferma qui. Il materiale residuo delle piante AD sono ottimi fertilizzanti che vengono utilizzati sui terreni di Wyke Farms e dati agli agricoltori locali per aumentare la fertilità del suolo. L'azienda collabora anche con i propri fornitori per implementare approcci sostenibili che riducono gli impatti ambientali e fanno risparmiare denaro.

Ma l'AD porta alcune sfide. Richiede un grande investimento iniziale e potrebbe impedire ulteriori innovazioni nella gestione dei sottoprodotti dell'agricoltura e della produzione.

Punteggio di sostenibilità: 17

Combustione e incenerimento

Bruciare il cibo non fa bene all'ambiente poiché rilascia anidride carbonica nell'atmosfera. Ci sono anche preoccupazioni per le implicazioni per la salute degli inceneritori a causa dei loro deboli sistemi di monitoraggio dell'inquinamento.

Un rapporto pubblicato dal Partito dei Verdi ha mostrato un aumento di 5,5 milioni di tonnellate di rifiuti inviati per l'incenerimento nel Regno Unito tra il 2012 e il 2017, per un totale di oltre 10 milioni di tonnellate. Con tassi stagnanti di riciclaggio e compostaggio a circa 11 milioni di tonnellate in questo periodo, in alcune aree vengono inceneriti più rifiuti che riciclati. Quando si esamina un'azienda, si dovrebbe verificare quanto la combustione contribuisce ai livelli inferiori di spreco.

La combustione, l'incenerimento e l'AD consumano energia e sono costosi. Potremmo trarre vantaggio dall'energia generata attraverso questi metodi, se viene utilizzato il flusso di rifiuti appropriato (rifiuti non riciclabili, letame di fattoria). Ma l'utilizzo di rifiuti alimentari riciclabili o evitabili che potrebbero essere riutilizzati è un puro spreco di risorse, tempo e lavoro che è stato impiegato nella coltivazione e nella lavorazione del cibo.

Punteggio di sostenibilità: 6

Come si confrontano …

Un grafico che confronta i punteggi di ogni approccio.
Mehrnaz Tajmir, autore fornito

Nel complesso, come caso aziendale, l'innovazione sostenibile è intrinsecamente solida. Riduce gli sprechi e riduce gli impatti ambientali, oltre a risparmiare milioni ogni anno aumentando l'efficienza della catena di approvvigionamento.

Ancora più importante, è una cultura organizzativa che incoraggia attività e idee che aumentano l'efficienza ambientale e finanziaria e previene false affermazioni che non lo fanno. Naturalmente, ci saranno aziende che tenteranno di saltare sul carro, facendo false dichiarazioni sulla sostenibilità e sull'impatto ambientale delle loro operazioni.

Un modo per distinguere tra start-up "rivoluzionarie" e "carrozzone" è chiedere una trasparenza sempre maggiore e chiedersi da dove le aziende si riforniscono delle materie prime. In quanto consumatori, è nostra responsabilità porre domande e ritenere i marchi responsabili del loro utilizzo dell'innovazione sostenibile.