vivere con il fuoco e affrontare le nostre paure

0
7

È solo metà novembre ma dobbiamo camminare presto per evitare il caldo. Un vento del nord solleva nuvole di polvere e polline, inviando ondate sporche attraverso i paddock. I lunghi rami degli alberi della gomma gemono sopra le loro teste. Foglie e ramoscelli sporcano la strada. Ci fermiamo per staccare un ramo di lato.

Nemmeno l'estate ancora e già stiamo affrontando il nostro primo grado di incendio catastrofico della stagione. Normalmente, non mi preoccupo nemmeno molto degli incendi fino a dopo Natale. Negli stati meridionali, sono gennaio e febbraio i più pericolosi.

Viviamo sulle colline di Adelaide e non programmiamo mai vacanze fuori casa in quei mesi, anche se fa caldo e fa caldo. Ora sono preoccupato che dovremo annullare i nostri programmi per le vacanze pre-natalizie. L'inverno sarà l'unico momento in cui potremo partire.

Incontriamo un'amica che porta a spasso il suo cane. Condividiamo esclamazioni reciproche sul tempo e sul rischio e lei mi ricorda la riunione del gruppo dei vigili del fuoco di quartiere. Dovrei andare. Lo so, meglio della maggior parte delle persone, quanto possono essere importanti e salvavita. Ma semplicemente non voglio.

Durante il fine settimana, mio ​​marito ci aveva fatto avviare la pompa antincendio. È positivo assicurarsi che tutto funzioni, ma nutro un vago e irrazionale risentimento per il fatto che mi si debba insegnare come farlo ogni anno. So perché. Mike ha tutta quella conoscenza meccanica incorporata nel suo cervello come un istinto primario, ma le informazioni sgorgano dal mio come l'acqua attraverso la sabbia. Non posso fare affidamento sul ricordare cosa fare in caso di emergenza.

Conosco i miei limiti. Ho attaccato alla pompa uno schema plastificato etichettato con le istruzioni numerate. Non lasciare niente al caso. Anche le mie figlie stanno correndo attraverso la pompa quest'anno, nel caso si trovassero a casa da sole.

Carburante acceso, acceleratore acceso, aria aperta.

Temo che il cavo di trazione sarà troppo duro, ma il mio più giovane lo strattona con determinazione esercitata e la pompa parte per prima.

Choke off, throttle up, water on.

Alla pompa antincendio.
Autore fornito

Gli irrigatori attivano un ritmo sordo e sordo intorno alla veranda, spruzzando una nebbia sul giardino e sul gatto mentre Mike esamina i dettagli più fini della protezione della pompa con una copertura e un irrigatore in caso di incendio.

Guardo il giardino assorbire la generosità inaspettata e noto che alcune piante sono diventate un po 'leggy. Il loro sottobosco è legnoso con l'età. Dovrò tagliarlo, potare la vecchia crescita. Alcuni di loro potrebbero dover andare. Per quanto amo le piante australiane e le loro abitudini legate all'acqua, non posso averne molte in giardino. La maggior parte di loro sono semplicemente troppo infiammabili.

Tutto ciò che facciamo qui, ogni decisione che prendiamo, è influenzata dal rischio di incendio: il giardino, la casa, le nostre vacanze, i nostri spostamenti, dove parcheggiamo le auto, la nostra corrente e la nostra fornitura d'acqua, persino le nostre telecomunicazioni.

È implacabile. Una mia amica che ha attraversato il Mercoledì delle Ceneri ha detto che era solo stanca, dopo 45 anni, della costante preoccupazione. Voleva trasferirsi in un posto più sicuro. Ma non riusciva a decidersi a lasciare la boscaglia.

Forse sarebbe più facile non conoscere il rischio, vivere nell'ignoranza.

Sebbene la preoccupazione sia costante, molte persone non riescono a lasciare la boscaglia.
Autore fornito

'Troppo occupato'

Qualche settimana fa i miei vigili del fuoco locali hanno organizzato un open day. I volontari sono stati impegnati per giorni, pulendo il capannone, preparando lo sfrigolio della salsiccia. Molte nuove persone si sono trasferite nell'area, principalmente dalla città, ed è probabile che non apprezzino i rischi di vivere in una zona soggetta a incendi boschivi.

La brigata ha messo cartelli, distribuito volantini e ha bussato alle porte con inviti. Durante il giorno delle porte, mi avvicino e chiedo quante persone si sono presentate.

"Oh, circa una mezza dozzina", dice il capitano allegramente, prima di aggiungere: "Be ', forse quattro in realtà. E solo due di questi sono nuovi. "

Qualcuno chiede di una famiglia che si è trasferita in una proprietà in fondo alla strada, una giovane coppia con bambini e un papà casalingo. Sarebbe interessato a unirsi ai vigili del fuoco?

“Ha detto che era troppo occupato. Forse più tardi, quando i bambini saranno più grandi ".

Sono sempre di più le persone che si spostano nei margini urbani ad alto rischio delle nostre principali città, dove le case si mescolano alla vegetazione infiammabile. Sempre meno persone hanno il tempo o la voglia di unirsi ai vigili del fuoco volontari locali.

Molti di loro fanno il pendolare per lavoro. Pensano che i pompieri siano ciò che accade quando si chiama lo 000. Non sembrano rendersi conto che fuori dalla città, ogni comunità è per sé. Dobbiamo combattere i nostri fuochi.

À lire aussi:
La cupa stagione degli incendi si profila, ma molti australiani rimangono impreparati

Aumento della popolazione nell'interfaccia urbana.
Autore fornito.

Sto guardando i notiziari pieni di immagini degli incendi nel New South Wales. I capifamiglia traumatizzati stanno di fronte alle macerie contorte delle loro case. Masse cadute di mattoni e ferro sono tutto ciò che resta di una casa piena di ricordi.

"Non ci saremmo mai aspettati …"

"Non ho mai visto…."

"Non avrei mai immaginato …"

Non importa quanto siamo ben preparati per gli incendi, sottovalutiamo sempre l'entità della perdita: le foto, gli animali domestici di famiglia, i ricordi e i cimeli, o semplicemente i decenni di lavoro per costruire una casa, una proprietà, un business.

Guardando lo schermo della televisione, non posso fare a meno di notare i tronchi degli alberi anneriti accanto alle rovine delle loro case. Ho lavorato per un po 'nella sicurezza della comunità per la Country Fire Authority quando vivevamo a Victoria, ricercando e scrivendo rapporti, e in seguito un libro, su come le persone rispondono agli incendi boschivi.

Conosco bene i fattori di rischio: vicinanza alla vegetazione autoctona, carichi di carburante, sgombero intorno alle case, costruzione e manutenzione di case e, soprattutto, comportamento umano.

Partire non è facile

Anch'io vivevo in una foresta, con eucalipti maturi che circondavano la mia casa. Abbiamo sempre saputo che questo era un rischio. Abbiamo ripulito il sottobosco e rimosso le "scale" di vegetazione che potevano consentire ai fuochi di terra di arrampicarsi sugli alberi. Abbiamo rimosso nuovi alberelli che crescevano vicino alla casa.

Abbiamo fatto tutto il possibile per rendere sicura la nostra casa degli anni '70: installazione di irrigatori, sigillatura del tetto, copertura di tutte le fasce di legno con rivestimenti metallici.

In un incendio medio, probabilmente saremmo stati bene. Ma quando gli incendi di Kinglake si avvicinarono da nord il Sabato Nero, non ero più sicuro che saremmo sopravvissuti. Un cambio di vento dell'ultimo minuto ha spazzato via il fuoco dalla nostra casa.

Il personale dell'esercito si unisce alla polizia della Victoria nella ricerca delle vittime di incendi nella zona di Kinglake nel 2009.
Jo Dilorenzo / Dipartimento della Difesa

Come molte persone, dentro e intorno alla zona di impatto, gli incendi ci hanno sradicati e scollegati. C'erano così tanti morti, così tante persone e case scomparse. Eppure così tanti vivono ancora negli stessi edifici rischiosi, spesso ricostruiti negli stessi luoghi rischiosi. Come se non imparassimo mai.

Non ci sentivamo più così attaccati alla nostra casa. Quando si è presentata l'opportunità di partire, l'abbiamo colta. Quando ci siamo trasferiti in South Australia, volevamo ancora vivere nella boscaglia, nonostante il rischio di incendi. Ma sembrava impossibile trovare una casa che fosse stata costruita per la sicurezza degli incendi boschivi.

Un agente immobiliare mi ha mostrato una casa in legno sopraelevata che si affacciava a sud-ovest su vasti ettari di foresta nativa. Una trappola mortale, se mai ce ne fosse stata una.

"Sì", ha convenuto l'agente. "Devo solo trovare un acquirente a cui non importa."

La nostra nuova casa è costruita in pietra, acciaio e ferro, con finestre con doppi vetri e una semplice linea del tetto circondata da irrigatori e pavimentazione dura. Ogni crepa e fessura è sigillata. E si trova nel mezzo di un paddock sgombrato circondato da un giardino a bassa infiammabilità. Ci affacciamo sulla boscaglia da una distanza più sicura.

Quando i miei figli erano piccoli, li ho impacchettati e li ho portati in città in ogni giorno di divieto totale di incendi. Era il consiglio prevalente delle autorità antincendio. Non riesco a ricordare nessun altro che lo abbia fatto: è troppo difficile, troppo dirompente e troppo scomodo. E cosa fai con gli animali domestici, i cavalli e le pecore? Per non parlare di aziende agricole e aziende i cui beni sono praticamente non assicurabili.

Inoltre, ci sono così tanti giorni di divieto totale di incendi e stanno diventando sempre più frequenti. Presto partiremo per tutta l'estate e non tutti hanno un posto più sicuro dove andare.

I miei ex colleghi del CFA hanno confermato che poche persone accettano questo consiglio di andarsene nei giorni di divieto totale di incendi. Quando le categorie di rischio di incendio sono state aggiornate per includere "catastrofico", le persone hanno semplicemente ricalibrato la loro gamma di rischio di incendio per adattarle.

Ora i giorni di divieto totale di incendi sono eventi quotidiani, ordinari e la gente parla di andarsene solo se il rischio è catastrofico o "codice rosso". E anche allora, pochi di loro lo fanno.

Ecco perché le agenzie dei vigili del fuoco continuano a impegnarsi così tanto nell'insegnare alle persone come rimanere e difendere le loro case, perché è lì che andranno a finire, indipendentemente da quello che viene loro detto o da quello che dicono. Dopo le morti scioccanti del Sabato Nero, i politici urbani hanno tuonato con furia ipocrita.

"Perché non dici alla gente di andarsene?"

Come se fosse così facile.

Una grave ustione vicino a Kinglake.
Autore fornito

Il destino di altre persone

Mi vengono in mente i programmi di sicurezza antincendio di quartiere. Si tratta di gruppi di vicini nelle aree a rischio di incendio che si incontrano regolarmente per intraprendere corsi di formazione sulla preparazione al fuoco. Funzionano in diversi stati, come Community Fireguard in Victoria, Community Fire Safe in SA e Community Fire Units in NSW.

Alcuni dei gruppi in Victoria hanno continuato per anni, spesso si incontrano ogni anno appena prima della stagione degli incendi per eseguire i loro piani e discutere i problemi che potrebbero avere. Condividono consigli su come proteggere le proprietà, cosa fare quando le cose vanno male, la casa che offre il rifugio più sicuro, chi parte e chi rimane. Stabiliscono alberi telefonici per avvertire tutti di pericoli imminenti e per rimanere in contatto.

So che questi programmi funzionano. Ho esaminato molti dei gruppi di vigili del fuoco sopravvissuti al Black Saturday e li ho confrontati con i vicini che non erano in gruppo.

I membri attivi dei gruppi di vigili del fuoco erano più propensi a difendere le loro case. Le case dei membri attivi avevano anche maggiori probabilità di sopravvivere, anche quando non erano difese. Una manciata sentiva che il loro addestramento non li aveva preparati alla gravità degli incendi che stavano affrontando. In verità, non credo che nessuno, nemmeno il vigile del fuoco più esperto, si aspettasse la gravità di quegli incendi. Ma la stragrande maggioranza era certa che il loro addestramento fosse stato d'aiuto e avesse salvato le loro vite.

Bruciando su una proprietà privata.
Autore fornito.

In ogni gruppo ci sono persone che fanno il lavoro e quelle che non lo fanno. Ci sono sempre vicini che sono troppo impegnati per l'allenamento e chiedono solo gli appunti, che non leggono mai. Vogliono essere sull'albero del telefono, anche se non hanno preparato la loro proprietà e non hanno pensato a cosa fare in caso di emergenza. Questi membri "inattivi" non sembrano beneficiare della formazione. Le loro case hanno gli stessi tassi di perdita delle persone che non fanno parte di gruppi di vigili del fuoco.

Non importa quanto gli altri membri del gruppo li sostengano e li incoraggino, non aiuta. Ho già provato ad aiutare, gestendo un gruppo di vigili del fuoco, ma non voglio farlo di nuovo. Non voglio ritenermi responsabile del destino degli altri. È sufficiente assumersi la responsabilità per me e la mia famiglia.

Ricordo gli istruttori dei vigili del fuoco che si incolpavano di se stessi, che venivano incolpati da altri, quando i quartieri in cui avevano lavorato subivano morti e perdite di case. Spesso hanno preso di mira le località più rischiose, aree praticamente indifendibili. Le loro informazioni non sono state sempre accettate.

I formatori, alcuni dei quali avevano perso amici, vicini e case negli stessi incendi, si sono sentiti criticati per i consigli che non erano stati dati e anche per i consigli che non erano stati seguiti. Non puoi difenderti da un tale dolore rabbioso, in particolare quando porti così tanto del tuo. Devi solo ascoltare. Un tribunale, che cerca solo qualcuno da incolpare, non è il luogo in cui risolvere le complessità delle tragedie degli incendi boschivi.

Inizialmente avevo pensato, quando ho scritto il mio libro sugli incendi boschivi, che sarebbe stata una semplice analisi delle lezioni che avevamo imparato. Dopo gli incendi del Black Saturday, ho dovuto scrivere un libro completamente diverso. Mi sono reso conto che non si trattava di lezioni apprese (anche se ce ne sono molte), si trattava del nostro fallimento nell'imparare dalla storia, della nostra sorprendente capacità di ripetere gli errori del passato.

Sempre più difficile proteggere le persone

"Non ci saremmo mai aspettati …"

"Non ho mai visto…."

"Non avrei mai immaginato …"

Le stesse cose si dicono dopo ogni incendio. Incolpare la mancanza di bruciature prescritte in parchi lontani quando sappiamo che la preparazione entro 100 metri dalle nostre case è molto più importante.

In attesa di un avvertimento "ufficiale", mentre una nuvola giallo-nera dall'aspetto malvagio scorre sopra la tua testa e le braci cadono sfrigolando nella piscina accanto a te.

Un incendio boschivo a nord di Perth nel 2018 manda fumo sulla città.
Sophie Moore / AAP

Politici con metodi facili e abili per segnare punti che distolgono l'attenzione dal loro stesso ostacolo politico.

La speranzosa negazione che le cose brutte accadano solo ad altre persone e non succederanno a noi.

Abbiamo appena vissuto l'anno più caldo mai registrato e il secondo anno più secco mai registrato. Abbiamo perso foreste pluviali che non hanno bruciato per millenni e potrebbero non riprendersi. Con il cambiamento climatico, gli incendi sono diventati più frequenti in tutti gli stati australiani e, con eventi meteorologici più estremi, è probabile che diventino ancora meno prevedibili e più pericolosi.

Non si può evitare il fatto che nei prossimi decenni ci troveremo di fronte a un ambiente sempre più pericoloso. Abbiamo più persone che vivono in zone più pericolose, in un clima in peggioramento. I nostri vigili del fuoco volontari stanno invecchiando e le brigate locali lottano per invogliare nuovi membri a unirsi. Sta diventando sempre più difficile proteggere le persone.

Sarebbe bello se ci fosse un proiettile d'argento a proteggerci. Se le fiamme prescritte su larga scala nei parchi effettivamente proteggessero case e vite, o se avessimo abbastanza camion dei pompieri e bombardieri ad acqua per salvarci tutti.

Sarebbe fantastico se avessimo una suite coesa di politiche integrate sugli incendi boschivi tra gli stati, abbastanza forti da sopravvivere da una generazione all'altra. Potrebbero includere standard edilizi adeguati e accesso ai materiali, codici di pianificazione e sviluppo efficaci, strategie municipali, statali e federali integrate che incorporino campagne di istruzione, salute e sicurezza. Potremmo creare una cultura della consapevolezza del fuoco, piuttosto che risposte in preda al panico ai disastri seguite da un lungo, inevitabile scivolamento nell'apatia e nella noia.

Forse un giorno lo faremo. Ma nel frattempo, la nostra migliore protezione sta nelle nostre mani, salvaguardando la nostra proprietà e facendo piani attentamente ponderati in anticipo su come salvare le nostre vite. Non è un percorso facile e nessuno di noi vuole intraprendere. Ma alla fine, siamo gli unici che possono farlo.

Per preservare l'anonimato, l'aneddoto su una giornata di porte aperte dei vigili del fuoco locali si basa su più conversazioni in diverse brigate in momenti diversi. Rappresenta una tipica discussione avuta nelle brigate di tutto il paese e non dovrebbe essere interpretata come rappresentazione delle opinioni o del comportamento di alcuna brigata o individuo in particolare.

Le opinioni espresse appartengono all'autore e non riflettono né rappresentano quelle del CFA o di qualsiasi altra agenzia antincendio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui