15 delle azioni pubbliche di maggior impatto di Animal Equality

138

Da quando Animal Equality è stata fondata nel 2006, il nostro team è stato in prima linea nel guidare cambiamenti significativi per gli animali attraverso dimostrazioni pubbliche strategiche e potenti.

Dall’esecuzione di salvataggi aperti di animali che soffrono negli allevamenti intensivi all’interruzione delle industrie crudeli che sfruttano e maltrattano gli animali, ecco 15 delle nostre azioni e proteste di maggior impatto.

1. Attivisti Incatenarsi a un mattatoio – Madrid, 2006

La prima grande azione sul campo di Animal Equality è stata quella di bloccare l’ingresso di un mattatoio a Madrid, impedendo l’ingresso a un camion che portava agnelli verso la morte. Quattro attivisti – tra cui due dei nostri co-fondatori, Sharon Núñez, Presidente di Animal Equality, e Javier Moreno – si sono incatenati ai cancelli del macello, mentre altri hanno manifestato insieme a loro con cartelli con la scritta “rispetta gli altri animali” e “il vegetarianismo salva gli animali”. Il macello ha presentato una denuncia che è andata in tribunale, ma alla fine i nostri quattro attivisti sono stati assolti da tutte le accuse.

2. Open Rescue of Six Piglets – Castilla La Mancha, 2007

Infiltrandosi in un allevamento intensivo di suini spagnoli, Animal Equality ha effettuato un salvataggio aperto di sei suinetti che venivano allevati per il consumo umano. Le scene che abbiamo trovato all’interno della fattoria erano deplorevoli. Le madri maiali confinate in minuscole casse urlavano in agonia, incapaci di confortare i loro bambini che vivevano tra i cadaveri dei loro fratelli e sorelle che non erano sopravvissuti alle dure condizioni della fattoria.

Avevamo una nuova casa in un santuario in attesa dei maialini che siamo stati in grado di salvare, dove da allora hanno potuto vivere la loro vita felici e liberi dalla sofferenza.

3. Dimostrazione della sede di Campofrío – Madrid, 2008

Dopo che l’importante azienda alimentare spagnola Campofrío ha pubblicato una pubblicità anti-vegetariana, Animal Equality ha condotto indagini su uno degli allevamenti di suini dell’azienda per esporre la verità ai consumatori.

La fattoria era disseminata di maialini morti. Abbiamo portato i loro corpi al quartier generale di Campofrío e abbiamo organizzato una dimostrazione con i cadaveri per mostrare al personale dell’azienda e alla stampa la realtà dietro le sue affermazioni di marketing.

4. Scalare un’arena – Barcellona, ​​2008

Il co-fondatore di Animal Equality, Jose Valle, e l’attivista Tomás García, si sono sospesi dalla facciata dell’arena La Monumental di Barcellona e hanno srotolato un grande striscione chiedendo la fine del cosiddetto “sport” della corrida.

L’arena ha chiuso pochi anni dopo, nel 2011.

5. Saltando in un’arena – Barcellona, ​​2008

In concomitanza con l’azione di cui sopra, altri quattro attivisti di Animal Equality, tra cui il nostro co-fondatore Javier Moreno, sono saltati nell’arena mentre si stava svolgendo un evento, mettendo a rischio la loro incolumità per attirare l’attenzione sulla nostra causa di fronte a migliaia di spettatori.

Hanno alzato dei manifesti che segnalavano la nostra richiesta di abolizione della corrida, mentre un toro appena torturato stava morendo nella sabbia.

6. Prima protesta per la Giornata internazionale dei diritti degli animali – Madrid, 2008

Nel 2008, Animal Equality ha tenuto la sua prima protesta per la Giornata internazionale dei diritti degli animali, riunendo individui compassionevoli per una commovente manifestazione a Madrid per condannare lo sfruttamento di animali non umani.

Cinquanta attivisti si sono riuniti, vestiti con tute bianche, tenendo i corpi di animali come polli, maiali e volpi che avevamo trovato morti negli allevamenti intensivi. Da allora, abbiamo commemorato ogni anno la Giornata internazionale dei diritti degli animali, spesso con azioni su larga scala simili in paesi di tutto il mondo, tra cui Brasile, Germania e Italia.

7. Protesta in passerella contro la pelliccia – Madrid, 2009

Per protestare contro l’uso della pelle e della pelliccia di animali nell’industria della moda, Animal Equality ha interrotto la settimana della moda di Madrid saltando in passerella durante la sfilata del marchio di lusso Roberto Torretta, che utilizza prodotti animali come pellicce e pelle. Hanno mostrato poster per attirare l’attenzione sul nostro messaggio.

L’azione ha avuto un enorme impatto sui media: è stata trasmessa ripetutamente praticamente su tutti i canali televisivi spagnoli e ripresa dai principali giornali sia nel paese che in tutto il mondo.

8. Giornata internazionale senza carne – Madrid, 2009

In occasione della Giornata internazionale senza carne nel 2009, Animal Equality ha organizzato una potente azione in una zona trafficata di Madrid. Sei attivisti giacevano ancora in grandi vassoi di carne per strada, imbrattati di sangue finto e ricoperti da un involucro di plastica per assomigliare ai pacchi di carne animale che si possono acquistare nei supermercati.

I vassoi sono stati etichettati come “carne umana” per incoraggiare i passanti a riflettere sulle conseguenze delle nostre scelte alimentari.

9. Open Rescue Of Hens – Madrid, 2010

Nel 2010, Animal Equality ha salvato cinque galline da una struttura per uova in gabbia. Le galline sono state tenute in condizioni di estrema reclusione, rinchiuse dietro le sbarre di una gabbia e sottoposte a un processo che prevedeva severe restrizioni alimentari e oscurità totale per costringere i loro corpi a iniziare un nuovo ciclo di deposizione delle uova.

Abbiamo portato gli uccelli a farli visitare da un veterinario e abbiamo assicurato loro una nuova casa dove non vengono più sfruttati o maltrattati.

Foto © Jo-Anne McArthur / Animal Equality

10. Cento croci che rappresentano animali – Madrid, 2011

Per celebrare la Giornata mondiale dei vegani nel 2011, Animal Equality ha installato 100 croci per cimiteri nella piazza Callao di Madrid. Ogni croce era accompagnata dalla fotografia di un animale che era stato sfruttato e ucciso in una fattoria, un macello o un laboratorio.

Il numero 100 è stato scelto per simboleggiare le 100 vite che si stima salvi ogni anno passando a una dieta vegana.

11. Scena del crimine animale – Londra, 2011

Sulle rive del fiume Tamigi a Londra, abbiamo organizzato una dimostrazione con nastro adesivo della scena del crimine e contorni in gesso di animali disegnati sul pavimento, aumentando la consapevolezza dei miliardi di vittime dimenticate dell’agricoltura animale e di altre forme di sfruttamento.

Questa azione accattivante ha suscitato molte conversazioni con il pubblico sulle ragioni etiche per adottare una dieta vegana.

12. Giornata Internazionale dei Diritti degli Animali – Roma, 2012

Nel 2012, presso l’antico monumento romano del Pantheon, decine di volontari di Animal Equality si sono riuniti per la nostra prima Giornata Internazionale dei Diritti degli Animali in Italia. Tenevano i corpi senza vita di animali morti a causa dello sfruttamento umano.

I nostri volontari hanno anche distribuito volantini e raccolto firme di petizioni da membri del pubblico di passaggio che sono stati colpiti dalla scena e di conseguenza hanno ispirato ad agire per gli animali.

L’evento solenne e sentito ha messo in luce il fatto che la libertà, la giustizia e il rispetto sono diritti fondamentali di ogni individuo, indipendentemente dalla sua specie.

13. Giornata internazionale dei diritti degli animali – Berlino, 2015

Centinaia di attivisti si sono uniti a noi alla famosa Porta di Brandeburgo a Berlino per una commovente protesta per ricordare le vittime dell’industria dell’agricoltura animale.

Molti dei coraggiosi manifestanti si sono commossi fino alle lacrime mentre tenevano in braccio i corpi degli animali – tragicamente morti nelle fattorie – durante l’azione.

I membri della stampa hanno partecipato per riferire sull’azione e molti passanti hanno assistito con profonda emozione.

14. Cortometraggio “With My Own Eyes” – Regno Unito, 2019

L’uscita del potente e stimolante cortometraggio di Animal Equality “With My Own Eyes”, narrato dall’attrice e difensore degli animali Rooney Mara, è stato trattato da una delle principali riviste di moda e ci ha permesso di presentare a un nuovo pubblico il nostro lavoro in lotta per per conto degli animali.

Rooney si è unito a noi in un’indagine sotto copertura all’interno di due allevamenti intensivi per esporre l’intensa crudeltà all’interno dell’industria segreta della carne e per raccontare le storie strazianti dei milioni di maiali e polli allevati per il consumo ogni anno nel Regno Unito.

15. Banner Drop con Joaquin Phoenix – Londra, 2020

Nel febbraio 2020, pochi giorni prima di pronunciare il suo stimolante discorso di accettazione degli Oscar sull’ingiustizia e la crudeltà dell’industria lattiero-casearia, Joaquin Phoenix si è unito ad Animal Equality per lanciare uno striscione di 390 piedi quadrati dall’iconico punto di riferimento di Londra, il Tower Bridge. Lo striscione diceva ‘L’agricoltura industriale sta distruggendo il nostro pianeta. Go vegan’, richiamando l’attenzione sul legame tra agricoltura animale ed emergenza climatica e incoraggiando un passaggio globale a una dieta a base vegetale.

L’importante azione ha ricevuto l’attenzione globale e un’ampia copertura di notizie.

Foto © Jo-Anne McArthur / Animal Equality

Con il tuo supporto, possiamo organizzare ancora più azioni come queste e continuare a fare davvero la differenza per gli animali che hanno urgente bisogno del nostro aiuto.