180 in 100 giorni: protezione dell'habitat

32

L'habitat – la dimora naturale di un animale o l'area che soddisfa tutti i suoi bisogni ecologici – è un pezzo fondamentale del puzzle quando si cerca di prevenire la perdita di biodiversità, fermare le estinzioni e rimettere le specie sulla buona strada per il recupero. Eppure l'amministrazione Trump ha trascorso quattro anni a sviluppare, perforare, vendere e degradare in altro modo le terre federali che fungono da habitat importante per le specie in pericolo. Dal tentativo di costruire strade attraverso rifugi nazionali per la fauna selvatica al ridimensionamento dei monumenti nazionali, le protezioni per le preziose terre selvagge sono state ignorate e apertamente violate.

Il lavoro è sospeso per l'amministrazione Biden per sostenere la protezione degli habitat sui terreni federali.

Bob Wick / BLM

Il primo giorno, come parte dei suoi ordini esecutivi sull'ambiente e la crisi climatica, il presidente Biden ha ordinato al Segretario degli Interni di rivedere i tre monumenti nazionali ridotti sotto l'amministrazione Trump. Il ripristino dei confini legali ristabilirà le protezioni per numerose specie selvatiche a rischio. La geografia unica e diversificata e gli ecosistemi di Bears Ears e Grand Staircase-Escalante National Monuments aiutano a proteggere l'habitat di innumerevoli piante e animali, tra cui specie in pericolo come il pigliamosche del salice sud-occidentale, il gallo cedrone maggiore, il condor della California, il pronghorn di Sonora e il gufo maculato messicano. Northeast Canyons and Seamounts Marine National Monument è il primo e unico monumento nazionale marino designato nell'Oceano Atlantico, sede di un'enorme diversità e ricchezza della vita oceanica, comprese le barriere coralline di acque fredde di acque profonde, uccelli marini come la pulcinella di mare, in pericolo tartarughe marine e balene e stock riproduttivi di pesci che sostengono la pesca commerciale e ricreativa.

Fred Yost / USFWS

I primi ordini esecutivi del presidente Biden includevano anche l'inversione della "America-First Offshore Energy Strategy", ponendo una moratoria temporanea su tutte le attività del governo federale relative alla perforazione nell'Artico National Wildlife Refuge, sospendendo nuovi contratti di locazione di petrolio e gas naturale su terreni pubblici o offshore acque, fermando la costruzione di muri lungo il nostro confine meridionale e fissando un obiettivo nazionale di conservare almeno il 30% delle nostre terre e acque entro il 2030. E proprio la scorsa settimana, il presidente Biden ha annunciato che avrebbe fermato la regolamentazione del Desert Renewable Energy Conservation Plan (DRECP) processo proposto dalla precedente amministrazione, lasciando intatto il progetto originario sostenuto da gruppi diversi.

I sistemi di terre pubbliche federali sono essenziali per preservare la biodiversità e affrontare l'escalation della crisi climatica, e gli annunci iniziali dell'amministrazione Biden-Harris sono passi nella giusta direzione. Ma è ancora necessaria un'azione urgente per cambiare le cose per l'habitat negli Stati Uniti.

Tom Koerner / USFWS

Dobbiamo ridefinire la priorità della conservazione nelle terre federali e allontanarci dall'agenda del "dominio energetico" dell'amministrazione Trump. La protezione della fauna selvatica e della diversità degli habitat richiede nuove regole e politiche che diano priorità alla gestione delle terre pubbliche, comprese le terre ad uso multiplo come il National Forest System e il National System of Public Lands (amministrato dal Bureau of Land Management (BLM)) – per la conservazione della fauna selvatica recupero, mitigazione dei cambiamenti climatici e protezione del carbonio e connettività degli habitat. L'amministrazione dovrebbe ordinare al servizio forestale di interrompere immediatamente il disboscamento delle vecchie foreste nelle roccaforti del carbonio della foresta nazionale di Tongass e del Pacifico nord-occidentale e avviare le regole per il servizio forestale e il BLM per identificare e proteggere le aree sulle loro terre essenziali per lo stoccaggio del carbonio, la biodiversità e le specie recupero e adattamento climatico, compresa la designazione di rifugi climatici e paesaggi di collegamento.

L'amministrazione dovrebbe dare la priorità all'espansione del National Wildlife Refuge System per garantire che questa rete di terre dedicate alla protezione della fauna selvatica e degli habitat possa sostenere la biodiversità di fronte ai cambiamenti climatici e ad altre minacce. Molti di questi rifugi sono l'unico posto al mondo – o una roccaforte critica – per specie sull'orlo dell'estinzione e 513 specie elencate dall'ESA si trovano o dipendono da almeno 444 rifugi. Alcuni rifugi ospitano una diversità particolarmente elevata di specie elencate dall'ESA, sottolineando la loro importanza non solo per specie come la gru convulsa e il lupo rosso, ma per tutta la biodiversità.

FWS

L'espansione del sistema di rifugio dovrebbe iniziare in California con il Western Riverside County National Wildlife Refuge. Questo rifugio urbano recentemente proposto nella contea di Riverside conserverà quasi 500.000 acri per 146 specie, 33 delle quali sono minacciate o in pericolo e preserverà i corridoi della fauna selvatica e la connettività dell'habitat. La creazione di questo rifugio nazionale per la fauna selvatica fornirà anche maggiori opportunità di vivere la natura in questa regione altamente urbanizzata e promuoverebbe gli obiettivi 30×30 della California e nazionali di protezione dell'habitat e di accesso equo. Il Western Riverside County National Wildlife Refuge diventerebbe il sesto più grande rifugio per la fauna selvatica negli Stati Uniti contigui e il secondo più grande rifugio urbano della nazione.

E la nostra nazione non può affrontare la crisi della biodiversità e raggiungere l'obiettivo 30×30 senza migliorare la conservazione della fauna selvatica su terreni privati. Più di due terzi della terra nella Lower 48 è di proprietà privata e più del 70% delle specie elencate a livello federale dipende da terre private. Le terre private supportano gli ultimi resti di ecosistemi in pericolo, come praterie di erba alta e erba corta e foreste di pini a foglia lunga e di latifoglie. Poiché solo il 3% delle aree protette negli Stati Uniti si trova su terreni privati, tuttavia, le aree naturali su terreni privati ​​stanno scomparendo rapidamente. L'amministrazione Biden dovrebbe collaborare con il Congresso per dare priorità e incentivare la conservazione delle specie a rischio, rimborsare le pratiche non letali di riduzione dei conflitti uomo-fauna selvatica e aumentare drasticamente i finanziamenti federali per i programmi di conservazione dei terreni privati ​​ai sensi del Farm Bill.

USFS

Per attuare questi radicali cambiamenti nella politica di conservazione del territorio, l'amministrazione Biden deve continuare a stabilire posizioni di leadership e uffici chiave per la biodiversità e il cambiamento climatico nelle agenzie federali di gestione del territorio e garantire lo stretto impegno dei segretari dell'Interno e dell'Agricoltura. I difensori plaudono alla storica nomina del deputato Deb Haaland a Segretario degli Interni e non vedono l'ora di lavorare con lei per proteggere le terre pubbliche e la fauna selvatica dell'America. Una strategia nazionale per la biodiversità dovrebbe includere solide protezioni per l'habitat e sforzi per combattere il cambiamento climatico. L'amministrazione deve anche indirizzare tutte le agenzie federali di gestione del territorio a provvedere a un forte impegno pubblico nel loro processo decisionale e ad intraprendere azioni per garantire un accesso giusto ed equo alle terre e alle risorse federali.

Questo fa parte di una serie su dove speriamo che l'amministrazione Biden-Harris agirà per la fauna selvatica nei primi 100 giorni. Per saperne di più:

← Ripristino delle leggi ambientali della roccia fresca