180 in 100 giorni: ripristino dei confini tra Stati Uniti e Messico

0
21

Per invertire il danno e mitigare qualsiasi ulteriore danno alla fauna selvatica, l'amministrazione Biden dovrebbe: aprire immediatamente tutte le porte nel muro in modo che la fauna selvatica possa passare liberamente (ad es. Porte di inondazione nell'area di conservazione nazionale di San Pedro Riparian); rimuovere le sezioni di muro più dannose per la fauna selvatica o come minimo sostituirle con barriere per veicoli che consentano comunque l'attraversamento della fauna selvatica; e spegnere le luci e ridurre il rumore e l'attività umana nelle aree importanti per la fauna selvatica.

Taylor Parker

Inoltre, l'amministrazione Trump ha perso la fiducia del pubblico non riuscendo a far rispettare gli statuti ambientali fondamentali, indebolendo la partecipazione pubblica e operando nell'ombra per affrettarsi nella costruzione. Invece di rinunciare alle leggi ambientali per consentire la profanazione disinibita delle terre selvagge, l'amministrazione Biden deve affermare con forza il suo impegno per la trasparenza, il coinvolgimento pubblico, il buon governo e la corretta attuazione di queste protezioni. Chiediamo al presidente Biden di ordinare alle agenzie e ai funzionari federali di revocare le deroghe che ignorano le leggi ambientali e di altro tipo nella costruzione del muro di confine.

Da un punto di vista continentale, per la prima volta nella storia del Nord America il muro di confine scollega le specie a nord e a sud del confine. Questa interruzione continentale del movimento della fauna selvatica contribuirà alla sesta estinzione di massa, in particolare impedendo alle specie di spostare il proprio areale per adattarsi ai cambiamenti climatici. La distruzione e il degrado di così tanto habitat in così tante aree protette spinge gli Stati Uniti molto più lontano dal raggiungere gli obiettivi 30 per 30 di proteggere il 30% delle terre e delle acque statunitensi entro il 2030.

Taylor Parker

A meno che parti critiche del confine non vengano riaperte al passaggio della fauna selvatica, il nostro paese avrà perso terreno sostanziale nei nostri sforzi per ripristinare le specie in via di estinzione e preservare l'habitat naturale nelle terre di confine. Saranno a rischio gli investimenti ei successi bi-nazionali del passato nel recupero delle specie minacciate di estinzione e nella conservazione delle terre, come i rifugi nazionali della fauna selvatica, le aree di conservazione nazionali e le riserve della biosfera internazionale. Fermare la costruzione è un passo nella giusta direzione, ma l'amministrazione Biden deve impegnarsi a ripristinare e proteggere in modo permanente la biodiversità delle terre di confine.

Questo fa parte di una serie su dove speriamo che l'amministrazione Biden-Harris agirà per la fauna selvatica nei primi 100 giorni. Leggi di più:

← È ora di tirare un 180 per l'ambiente

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui