34 cani arrivano negli Stati Uniti dopo essere stati salvati, 17 allevamenti di carne chiusi definitivamente in Corea del Sud

126

Dopo essere stati salvati dall’industria della carne di cane della Corea del Sud, 34 cani sono ora arrivati ​​negli Stati Uniti. Da allora, 17 allevamenti di carne sono stati definitivamente chiusi.

Ad Ansan, in Corea del Sud, la Humane Society International/Korea e i suoi collaboratori hanno salvato cuccioli da allevamenti di carne di cane. HSI/Korea ha finora salvato i cani di 17 allevamenti di carne che ora sono chiusi a tempo indeterminato. Poiché gli allevamenti illegali venivano chiusi dalle autorità, il gruppo ha collaborato con altre organizzazioni per il benessere degli animali per salvare i cani da quelle strutture.

Adam Parascandola, vicepresidente della squadra di salvataggio degli animali della Humane Society International e della Humane Society degli Stati Uniti, ha affermato che le situazioni in cui inizialmente trovano i cani sono spaventose in ogni singolo caso. Negli allevamenti di carne di cane, i cani sono tenuti in gabbie anguste e sterili senza un adeguato accesso a cibo, acqua o cure mediche. A loro viene inoltre negato ogni tipo di conforto, portando a una vita di paura e privazione.

Rinnovati allevatori di cani

Secondo Parascandola, la maggior parte dei loro salvataggi comporta la collaborazione con allevatori di cani che vogliono lasciare l’attività. Questi allevatori sono in genere presenti durante i giorni di soccorso e possono occasionalmente dare una mano alla squadra di soccorso nel rimuovere i cani in modo che possano iniziare il loro viaggio verso nuove famiglie adottive.

In questo viaggio più recente, molti dei cani provenivano da un allevamento di carne che era stato chiuso dalle autorità locali. Altri erano stati lasciati a rischio di essere messi a morte o uccisi e mangiati, mentre alcuni erano già stati rimossi. 34 cani sono stati salvati questa volta.

Parascandola dice che quando la squadra ha salvato per la prima volta i cani e li ha portati in un rifugio partner in Corea del Sud, erano comprensibilmente ansiosi. I cani all’inizio erano diffidenti perché erano animali da fattoria e non avevano mai conosciuto la gentilezza delle persone; tuttavia, si sono presto avvicinati all’idea di avere un posto adeguato in cui vivere, cibo sano da mangiare e la libertà di correre e giocare con altri cani.

Allevamenti di carne di cane

Secondo Humane Society International, circa 30 milioni di cani vengono uccisi ogni anno in Asia per essere utilizzati come alimenti. Sebbene le statistiche siano difficili da confermare a causa della mancanza di regolamentazione del commercio e della frequente illegalità, è più diffuso in Corea del Sud, Cina, Indonesia e Vietnam.

Il consumo di carne di cane è raro e più diffuso tra gli anziani. Quasi il 70% degli intervistati cinesi in un sondaggio del 2016 ha affermato di non aver mai provato la carne di cane e c’è un crescente movimento contro il commercio. Secondo un sondaggio condotto in Corea del Sud nel 2014, circa la metà della popolazione mangia occasionalmente carne di cane.

Secondo HSI, i cani negli allevamenti di carne sono tenuti imprigionati in piccole gabbie di metallo e in genere ricevono solo cibo e acqua sufficienti per sopravvivere. Poiché alcune persone credono che torturare un cane prima della morte produca carne piena di adrenalina e dal sapore migliore, i cani vengono occasionalmente uccisi in modi molto raccapriccianti e violenti.

Leggi anche: “Veicolo dall’inferno” – Le autorità intercettano il camion che trasporta 282 cani per il commercio di carne in Cina

Persone contro l’industria della carne di cane

L’85% dei coreani non ha mai mangiato carne di cane e non ha intenzione di farlo in futuro, secondo i dati di HSI/Stati Uniti. Inoltre, il 56% degli intervistati si è detto favorevole al divieto della carne di cane.

Parascandola afferma che a ogni cane che il team può salvare viene restituito il futuro che l’industria della carne di cane gli negherebbe altrimenti. Il lavoro della squadra di soccorso sta letteralmente salvando la vita di questi animali perché i cani allevati negli allevamenti di carne di cane sono soggetti a una vita molto dura e saranno inevitabilmente uccisi per la carne mediante folgorazione.

Dice che i cani fungono da ambasciatori del marchio per l’azienda, aiutando a sradicare opinioni sfavorevoli sia sull’adozione di cani che su questi cani usati per la carne di cane.

Parascandola ha affermato nella sua intervista con Treehugger che l’industria della carne di cane tenta di dissuadere i consumatori coreani dall’avere compassione per la difficile situazione di questi cani dipingendoli come viziosi e senz’anima. La loro adozione dal salvataggio dimostra che questi cani possono essere compagni devoti e si addicono alla compassione come qualsiasi altro cane.

Articolo correlato: Gli attivisti salvano un cane spaventato dal negozio di carne in Cina in vista del festival di Yulin

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.