4 modi in cui l’industria della pesca sta distruggendo il pianeta

199

Che si tratti di pesci catturati in natura o provenienti da allevamenti acquatici, non dovresti mai mangiare pesce se tieni al futuro del pianeta.

Potresti aver appreso degli effetti devastanti che l’industria dell’agricoltura animale ha sull’uso del suolo e sulla deforestazione dalle notizie sugli incendi della foresta pluviale amazzonica. Ma carne e latticini non sono gli unici alimenti dannosi per l’ambiente.

I pesci arrivano al supermercato in due modi: pesca commerciale o allevamento acquatico. Entrambi hanno impatti ambientali negativi che danneggiano gli animali. Ecco perché non dovresti mai mangiare pesce se tieni al futuro del pianeta:

CONDIZIONI TOSSICHE DELL’ACQUA: La maggior parte del pesce mangiato oggi viene allevato in acquari, nell’entroterra o in gabbie recintate nell’oceano. In questi allevamenti, i pesci trascorrono l’intera vita (fino a due anni) confinati in spazi ristretti. L’acqua può diventare tossica e, insieme ad antibiotici, pesticidi, parassiti e feci, si diffonde nelle aree circostanti, contaminando i nostri oceani e infettando gli animali intorno a queste gabbie. I pesci selvatici possono ammalarsi e morire quando parassiti e sostanze chimiche vengono loro diffusi da queste fattorie attraverso l’acqua. Secondo lo studio Fish, Money, and Science in Puget Sound di Marcia Barinaga, un allevamento ittico di 2 acri può produrre tanti rifiuti quanto una città di 10.000 persone.

L’AQUAFARMING PORTA A PIÙ PESCA: L’aquafarming non solo crea enormi quantità di rifiuti, ma contribuisce anche a una pesca più industriale. Questo perché molti dei pesci allevati in questi allevamenti sono predatori, il che significa che hanno bisogno di mangiare pesci più piccoli per vivere. Miliardi di pesci selvatici vengono catturati per nutrire i pesci d’allevamento. Ad esempio, ci vogliono cinque libbre di pesce oceanico per produrre solo una libbra di salmone d’allevamento.

PESCA DA FONDO: Le operazioni di pesca commerciale a volte utilizzano una tecnica chiamata “pesca a strascico”, che si verifica quando i pescherecci trascinano reti giganti sul fondo dell’oceano raschiando tutti i pesci sul loro cammino.

Abbiamo esposto la brutalità e la distruzione causate dalla pesca a strascico, raschiando il fondo del mare, nel Mar Mediterraneo. Il filmato che abbiamo catturato mostra milioni di pesci issati su una barca, dove si dimenavano e boccheggiavano in cerca d’aria. La maggior parte di questi individui è stata sventrata viva o messa in un congelatore per subire una morte lenta e dolorosa.

PESCA CON LONGLINE: La pesca con palangari è una tecnica in cui le barche trascinano lunghe lenze attraverso l’acqua con diversi ganci su di esse. Queste lenze sono lunghe fino a 50 piedi e catturano e uccidono specie non intenzionali, come pesci diversi, uccelli marini, tartarughe e balene, in massa. Questi animali vengono poi gettati fuori bordo come “cattura accessoria”. I palangari possono anche perdersi nell’oceano e non vengono mai recuperati, uccidendo animali molto tempo dopo che le barche sono partite.

È difficile comprendere l’enorme numero di animali marini che vengono uccisi ogni anno, ma la verità è che non è troppo tardi per cambiare le cose! Se ti interessano gli animali e l’ambiente, la cosa più efficace che puoi fare è smettere di mangiare pesce e altri alimenti di origine animale e scegliere invece opzioni a base vegetale. È più facile che mai!

Puoi anche aiutarci a proteggere gli oceani mentre lavoriamo per esporre la distruzione causata dalle moderne pratiche di pesca che stanno danneggiando gli animali e il nostro pianeta. Si prega di donare per sostenere questo lavoro – emolto dollaro donato fino alla fine di giugno sarà abbinato a un generoso donatore!