9 cose che non sai sull’industria delle uova

46

I cartoni di uova ben confezionati sono una vista di routine sugli scaffali dei negozi di alimentari, ma la maggior parte degli acquirenti non sa come vivono e muoiono le galline per una frittata mattutina. Milioni di uova vengono consumate ogni anno, ma come vengono prodotte?

La produzione di uova è un’industria enorme in tutto il mondo, con oltre 300 milioni di galline che vivono negli allevamenti intensivi nei soli Stati Uniti. Queste galline sono confinate negli allevamenti in piccole gabbie per tutta la vita per soddisfare l’elevata domanda di uova dei consumatori: in Nord America, ogni persona consuma in media 240 uova all’anno e in Europa 250 uova. Non solo le uova vengono consumate direttamente, ma sono anche ingredienti di molti altri prodotti.

Ma a quale costo? E chi lo paga?

Ecco alcuni fatti sui costi nascosti della produzione di uova:

1. Una gallina trascorre tutta la sua vita stipata in una piccola gabbia e non vede mai la luce del giorno.

Gli allevamenti intensivi hanno capannoni senza finestre che contengono da decine di migliaia a più di centomila galline in file e file di gabbie accatastate l’una sull’altra. Ogni gabbia di filo nudo, chiamata gabbia della batteria, confina 4-10 galline in uno spazio largo solo pochi metri.

Una singola gallina ha in genere solo uno spazio quadrato di 8 x 8 pollici, appena più grande del corpo della gallina, in cui vive tutta la sua vita. Questo spazio è dove mangia, beve, urina, defeca e dorme. Non sarà mai in grado di spiegare le ali, posarsi, cercare cibo o svolgere attività naturali. Fino al giorno in cui verrà mandata a essere macellata, non respirerà aria fresca né sperimenterà la luce del sole.

2. Una gallina è preziosa per l’industria delle uova solo perché può produrre uova, ma cosa succede a un pulcino maschio che non può deporre le uova?

L’industria delle uova ha allevato galline selettivamente per produrre un numero innaturalmente elevato di uova per tutta la vita. Per ricostituire il numero di galline che muoiono e sostituire quelle che sono vecchie e meno produttive, i pulcini vengono schiusi dalle incubatrici negli incubatoi. Le uova incubate producono pulcini sia maschi che femmine, ma i maschi sono considerati prodotti di scarto dall’industria perché non possono deporre le uova.

L’industria delle uova uccide i pulcini maschi nelle loro prime ore di vita macinandoli vivi o soffocandoli. A volte vengono semplicemente gettati nei bidoni della spazzatura e lasciati morire lentamente. Circa 260 milioni di pulcini maschi vengono uccisi ogni anno negli Stati Uniti come rifiuti dell’industria delle uova, il che significa che più di 300.000 pulcini muoiono con questi metodi disumani ogni ora.

3. Una gallina svilupperà dolorosi problemi ai piedi vivendo su pavimenti di filo metallico.

Gli allevamenti intensivi sono progettati per ridurre i costi e massimizzare la produzione, quindi le galline sono tenute su pavimenti in filo metallico con grandi aperture in modo che i rifiuti possano cadere nei vassoi sottostanti. Ciò consente di risparmiare la spesa e lo sforzo di pulizia delle gabbie. Una gallina che vive tutta la sua vita in una gabbia sperimenta una serie di condizioni debilitanti del piede, inclusi artigli troppo cresciuti che rimangono intrappolati, feriti o crescono attorno al filo e limitano ulteriormente i movimenti della gallina.

I pavimenti delle gabbie sono spesso inclinati, il che esercita pressione sui cuscinetti della gallina e può anche provocare ferite aperte e ulcere sulle zampe della gallina.

4. Le gabbie sono progettate per ospitare da 3 a 6 galline, ma gli allevatori spesso si affollano di più nelle gabbie.

L’estremo affollamento nelle gabbie causa problemi comportamentali significativi, come aggressività e beccate e frustrazione continua nelle galline. Per affrontare questi problemi, l’industria delle uova rimuove regolarmente più di un quarto del becco sensibile di una gallina, su cui fa affidamento per la sensazione e il foraggiamento. Le amputazioni del becco vengono eseguite senza antidolorifici nelle giovani femmine poco dopo la schiusa.

Queste amputazioni hanno conseguenze a lungo termine: una gallina può mostrare meno attività e interesse per il cibo, crescere più lentamente e può sviluppare escrescenze nervose all’estremità del becco chiamate neuromi che causano dolore cronico.

5. Vivere con decine di migliaia di altre galline in una fattoria ha le sue conseguenze.

Le galline ingabbiate in condizioni affollate e non igieniche subiscono uno stress costante che indebolisce il loro sistema immunitario. Questo crea un ambiente ideale per la trasmissione di malattie infettive. Le infezioni batteriche e virali possono diffondersi rapidamente attraverso gli allevamenti intensivi, causando la malattia e la morte di molti.

Le malattie comuni che colpiscono le galline ovaiole includono infezioni da E. coli e Salmonella, colera aviaria, corizza infettiva, influenza (influenza aviaria) e bronchite infettiva, ma questi sono solo alcuni dei molti agenti patogeni che proliferano nelle condizioni stressanti e sovraffollate di l’industria delle uova

6. Le galline sono esposte a gas nocivi dall’accumulo di rifiuti.

Negli allevamenti intensivi, le galline sono ospitate in capannoni lunghi 328 piedi, in file e file di gabbie impilate. Tutte quelle galline producono molti rifiuti, che non vengono mai ripuliti. Invece, i rifiuti si accumulano sui pavimenti dei capannoni e incrostano il fondo delle gabbie, provocando condizioni di vita sporche.

Quando una gallina è esposta a livelli elevati di ammoniaca, un gas tossico che si accumula a causa dei rifiuti in decomposizione, può sviluppare danni agli occhi o ustioni al tratto respiratorio. Questo la predispone a sviluppare malattie e infezioni respiratorie. Potrebbe anche perdere l’appetito e perdere peso, diventando più debole e fragile in ambienti con forte contaminazione da ammoniaca.

7. La malattia e la morte sono eventi quotidiani.

Molte galline sono indebolite a causa della selezione genetica, che le costringe a produrre un numero innaturalmente elevato di uova, nonché condizioni stressanti, soppressione immunitaria e malattie infettive. Un gran numero di galline muoiono in gabbia e, quando lo fanno, i loro corpi vengono lasciati a decomporsi tra le galline ancora viventi.
Coloro che riescono a sopravvivere vivono solo per circa 18 mesi, una frazione della loro durata di vita da 8 a 10 anni, prima che la produzione di uova rallenti. Una volta che ciò accade, le galline vengono inviate al macello.

8. La selezione genetica porta a più malattie e sofferenze.

Una gallina in un allevamento depone le uova a un ritmo innaturale, e questo ha un impatto sul suo corpo. Per aumentare la sua produttività, l’agricoltore la esporrà a 16 ore di luce, il che le farà deporre ancora più uova. Subirà la muta forzata per aumentare la sua produzione di uova, dove è morta di fame per un massimo di due settimane per ripristinare il suo ciclo di deposizione. Potrebbe sperimentare la muta forzata fino a tre volte nella sua vita. Le malattie comuni nelle galline causate dall’allevamento e dall’elevata produzione di uova includono l’osteoporosi, poiché il calcio di una gallina è esaurito, le ossa fragili, la zoppia, la paralisi, la sindrome del fegato grasso e la legatura delle uova. Nelle galline legate alle uova, un uovo si è bloccato e non può essere passato, causando infezioni e malattie sistemiche. Alle galline viene negata qualsiasi assistenza veterinaria per queste condizioni.

9. La ricompensa per una vita di produzione di uova è la morte certa.

Le galline negli allevamenti intensivi vivono vite miserabili e anormalmente abbreviate che alla fine finiscono al macello. Coloro che muoiono in gabbia vengono spesso lasciati a marcire nella gabbia o gettati nei cassonetti.
Le galline nell’industria delle uova soffrono così tanto solo per una torta o un uovo strapazzato. Ogni uovo richiede una gallina confinata in una gabbia e sofferente per 30 ore.

Cosa puoi fare

Non deve essere così. Ci sono molti modi deliziosi per sostituire le uova nella tua dieta e puoi aiutare le galline lasciando le uova fuori dal piatto. Puoi fare una differenza significativa per gli animali dicendo no ai prodotti animali e scegliendo invece una dieta a base vegetale.