Alcuni ragni possono tessere ragnatele velenose cucite con neurotossine

0
60

I ragni tessitori di sfere sono noti per le loro grandi e belle ragnatele. Ora, i ricercatori suggeriscono che queste ragnatele fanno molto di più che incollare sul posto il pasto di un ragno: possono anche paralizzare rapidamente la loro cattura.

L'ecologo biochimico Mario Palma sospetta da tempo che le reti dei tessitori di sfere, comuni ragni da giardino che costruiscono reti a forma di ruota, contengano neurotossine. "I miei colleghi mi hanno detto:" Sei pazzo "", dice Palma, dell'Istituto di bioscienze dell'Università statale di San Paolo a Rio Claro, Brasile. Nessuno aveva trovato tali tossine e l'appiccicosità delle ragnatele sembrava più che sufficiente allo scopo di intrappolare la preda.

L'idea gli è venuta per la prima volta circa 25 anni fa, quando Palma viveva vicino a una piantagione di riso dove i tessitori di sfere erano comuni. Dice di aver visto spesso prede fresche, come api o mosche, nelle ragnatele e, nel tempo, ha notato che gli sfortunati animali non erano solo incollati: avevano convulsioni e protendevano la lingua, come se fossero stati avvelenati. Se liberava gli insetti, facevano fatica a camminare o a sostenere i loro corpi, anche se il proprietario del web non aveva iniettato il veleno.

Palma aveva lavorato con le neurotossine per molti anni e questi strani comportamenti lo colpirono immediatamente come effetti di tali tossine.

Ora, grazie in gran parte al lavoro del suo dottorato di ricerca. studente Franciele Esteves, Palma pensa di aver trovato quelle tossine paralizzanti per le prede. La coppia e i loro colleghi hanno analizzato i geni attivi e le proteine ​​nelle ghiandole della seta dei ragni di banana (Trichonephila clavipes) – una specie di tessitore di orb – e hanno trovato proteine ​​simili a neurotossine note. Le neurotossine possono rendere le ragnatele trappole paralitiche, riferisce il team online il 15 giugno sul Journal of Proteome Research. Le reti che catturano le prede di altre specie hanno probabilmente neurotossine simili, dice Palma.

Queste proteine ​​neurotossiche si sono manifestate anche sulla seta delle ragnatele raccolte a Rio Claro, confezionate in bolle grasse in goccioline microscopiche sui fili. E quando i ricercatori hanno risciacquato le sostanze dalle reti e le hanno iniettate nelle api, gli animali sono rimasti paralizzati in meno di un minuto.

I ricercatori hanno anche confermato, come riportato dal laboratorio di Palma nel 2006, che gli acidi grassi sono presenti nelle goccioline. Questi acidi, pensa Palma, sono le tossine che penetrano nelle prede. Le molecole possono dissolvere la cuticola esterna cerosa dell'insetto, la principale barriera alle tossine topiche.

"Le ragnatele tossiche avrebbero sicuramente senso", afferma David Wilson, ricercatore sui veleni alla James Cook University di Cairns, in Australia, ma vorrebbe vedere le prove che le tossine del web agiscono rapidamente al contatto. In alternativa, potrebbero agire come antimicrobici (SN: 10/30/19) o aiutare a scoraggiare le formiche e altri animali che rubano dalle ragnatele o mangiano i ragni.

Jolanta Beinaroviča, designer di seta di ragno sintetica presso l'Università di Nottingham in Inghilterra, afferma: "Questo articolo era come una boccata d'aria fresca". Pensa che molti ricercatori abbiano a lungo semplificato eccessivamente la seta della ragnatela, sebbene anche lei vorrebbe vedere un'ulteriore dimostrazione dell'azione topica delle tossine.

Le tossine paralitiche possono essere solo una parte della complessità sottovalutata del web design. Palma ha intenzione di fare in modo che i suoi studenti si immergano più a fondo in proteine ​​più piccole, ancora non identificate, trovate dal suo team. Pensa che potrebbero aiutare a mantenere in vita la preda fino a quando il ragno non è pronto per un pasto fresco.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui