Bee è per la biodiversità | Difensori della fauna selvatica

0
5

I difensori hanno riconosciuto l'importanza di tutte le specie impollinatrici, non solo delle api autoctone. Farfalle, pipistrelli e persino uccelli contribuiscono tutti a creare paesaggi produttivi dal punto di vista agricolo. Questo è il motivo per cui la nostra organizzazione ha sostenuto di mantenere le protezioni per la conservazione e il finanziamento nel Farm Bill 2018 approvato dal Congresso. Il Farm Bill ha implementato leggi a beneficio degli agricoltori e della fauna selvatica, inclusa la responsabilità per le industrie agricole, quindi sono tenuti a somministrare pesticidi in modo responsabile e limitare i progetti di sviluppo in spazi selvaggi. Gli sforzi per migliorare le protezioni formali per le api native hanno anche portato a strumenti chiave per il recupero, come l'elenco del 2017 del calabrone rattoppato arrugginito ai sensi dell'Endangered Species Act (ESA) attraverso una petizione della Xerces Society con il supporto di Defenders of Wildlife.

Ma l'ex amministrazione Trump ha minato l'impatto di queste tutele legali, modificando i regolamenti dell'ESA in modo che sia meno probabile che la designazione di habitat critici per le api native abbia successo e revocando le restrizioni sull'uso di pesticidi neonicotinoidi mortali in aree protette come il nostro National Wildlife Refuge System. Alla fine, ciò ha reso le popolazioni di api autoctone più vulnerabili ed esposte alle minacce esistenti.

David Kosling / USDA

Un'ape impollina un fiore nel frutteto di mandorle su Paramount Farms a McFarland, CA.

Molti fattori contribuiscono al declino delle popolazioni di api autoctone, ma uno dei problemi più diffusi è la perdita dell'habitat. Ciò include lo sviluppo suburbano, le industrie agricole monocolturali e la costruzione di strade che frammentano i terreni disponibili. La pavimentazione con superfici impermeabili come il cemento impedisce quindi la crescita di qualcosa di nuovo. La combinazione di tutti questi fattori ha un impatto sugli alveari domestici attraverso il disturbo del collasso della colonia, in cui la maggior parte delle api operaie scompaiono tutte. Le modifiche comportamentali che provocano la fuga delle api operaie fanno sì che l'alveare rimanga con alcune api nutrici e la regina, che alla fine non sono in grado di sostenere la colonia.

Il cambiamento climatico ha anche modificato in modo significativo le temperature e gli schemi delle precipitazioni, il che a sua volta altera la distribuzione delle piante e i loro tempi di fioritura. Le api native possono avere meno opportunità di trovare il nettare durante le condizioni meteorologiche avverse o durante i periodi delicati dell'anno in cui potrebbero tipicamente fare affidamento solo su una piccola manciata di piante da fiore. Combinato con distanze maggiori da percorrere per nutrirsi, questo è disastroso per le comunità di impollinatori.

Flora McGill

L'uso diffuso di pesticidi in agricoltura e nelle aree residenziali ha continuato ad aumentare la mortalità delle api e di altri impollinatori. Le sostanze chimiche alterano la composizione e la qualità del suolo quando vengono applicate alle piante. Un tipo noto come neonicotinoidi è particolarmente dannoso perché può rimanere presente nelle piante, nel suolo e nell'acqua per mesi. I neonicotinoidi non uccidono le api direttamente, ma questi composti danneggiano il sistema immunitario delle api, ritardano lo sviluppo e minano la capacità delle api di navigare e riprodursi con successo. Sebbene l'Unione Europea abbia vietato l'uso di alcuni composti neonicotinoidi, rimangono comuni in tutti gli Stati Uniti. In definitiva, l'esposizione a questi pesticidi rende gli impollinatori più suscettibili ad altre minacce.

M. Rehemtulla

Se per un momento dovessimo immaginare la vita senza specie impollinatrici, dovremmo iniziare con la scomparsa di colture altamente specializzate come pere, mirtilli e mele. Questi frutti dipendono tutti dalle api e da altri per riprodursi. Le api sono anche responsabili del raccolto globale di cacao e chicchi di caffè: dì addio al ronzio mattutino. Le api native da sole forniscono oltre 5 miliardi di dollari in servizi di impollinazione delle colture ogni anno negli Stati Uniti.

Le ramificazioni economiche di ciò sarebbero sbalorditive, considerando che le specie di api impollinano 70 specie di colture su 100 che nutrono circa il 90% della popolazione mondiale. Le catene di approvvigionamento verrebbero interrotte diminuendo la produzione agricola, creando probabilmente conflitti poiché i paesi hanno lottato per nutrire la loro gente. Se perdiamo le piante che le api impollinano, creerebbero cascate trofiche quando gli animali che dipendono da quelle piante perdono le loro fonti di cibo. Il nostro mondo diventerebbe insipido, senza vita e privo di colore se le specie di api autoctone si estinguessero.

Daniel Kozminski

Il declino di specie come le api autoctone non è solo una questione ambientale. Ha implicazioni per l'agricoltura, la stabilità economica e la sicurezza globale. Questi preziosi impollinatori forniscono stabilità ai sistemi umani e agli ecosistemi, ma non sono ancora in grado di riprendersi dalle perdite di popolazione. Dobbiamo parlare per le piccole creature e utilizzare una strategia olistica di difesa e ricerca per affrontare i pericoli che stanno affrontando attualmente.